Le macchine non diverrano senzienti: è l'uomo che non lo è - Franz's Blog

Le macchine non diverrano senzienti: è l’uomo che non lo è

Potete ascoltare/scaricare il podcast qui sotto oppure iscrivervi al canale Telegram: 

Prendo spunto dalla montagna di minchiate che si vanno dicendo in questi giorni sull’esperimento interrotto da Facebook, in cui due bot (automazioni guidate da intelligenza artificiale) hanno dialogato usando un linguaggio particolare.

A prescindere dal fatto che, come al solito, la stampa non capisce una ceppa e spara cazzate al solo scopo di raccattare click (se volete sapere perchè cercatevi dei testi che lo spieghino), la storia in sé mi è funzionale per parlare di qualcosa di cui da tempo volevo trattare.

Un giorno (presumibilmente neppure troppo lontano), l’uomo riterrà di aver creato una forma di autocoscienza, perchè si ritroverà di fronte a qualcosa che si comporterà in modo indistinguibile da un essere umano. E sarà il momento in cui commetterà il suo errore più immenso.

Il motivo è semplice: noi riteniamo che la nostra intelligenza sia il risultato di una coscienza e, per questo motivo, nel momento in cui un software, per quanto evoluto, fornirà dei risultati comportamentali non distinguibili da quelli umani, riterremo di aver creato una consapevolezza artificiale.

La realtà è che, nel momento in cui questo avverrà, avremo la prova incontrovertibile che siamo noi a non essere coscienti, a reagire secondo schemi programmati, per quanto complessi. Solo che, a causa del nostro enorme ego, invece di pensare al fatto che abbiamo in mano la prova della nostra non-essenza, riterremo di averne creata una.

Per fare un esempio chiarificatore, è la stessa illusione per cui, seduti in un vagone di un treno fermo, quando parte quello di fianco, ci sembra di muoverci in senso opposto. Siamo fermi, ma ponendo noi stessi al centro del sistema di riferimento, quando quello che vediamo si muove pensiamo di essere noi a farlo.

Per la coscienza vale lo stesso. Noi crediamo di essere coscienti (quindi ci poniamo al centro del sistema di riferimento) e crediamo che un programma che si comporta in tutto e per tutto come noi (l’altro treno) abbia per questo una coscienza. Crediamo che un programma possa essere cosciente perchè crediamo di esserlo noi ma, se avessimo una visione oggettiva, capiremmo che un programma non può essere autocosciente e quindi, per riflesso, se noi lo riteniamo tale è perchè siamo noi a non esserlo.

Quello che una volta era un concetto oscuro, riservato a pochi, oggi grazie alla tecnologia ed all’accessibilità dell’informazione è divenuto un patrimonio comune e quanto detto in sostanza da tutte le religioni, filosofie e discipline è ben conosciuto: noi non siamo la nostra personalità (insieme di corpo, mente ed emozioni), ma qualcosa che sta “dietro” di essa. La personalità non è altro che uno strumento di questo qualcosa per esperire la realtà, uno strumento che si modifica ed evolve con il tempo, ma pur sempre uno strumento, ciò che noi riteniamo, erroneamente, “coscienza di sé”.

Una intelligenza artificiale non sarà mai altro che uno strumento. E proprio il fatto di credere che possa essere una “coscienza” dovrebbe aprirci gli occhi sul fatto che anche il nostro ritenerci coscienti non sia altro che una credenza… o un comodino se preferite.

Quando riterremo di aver creato la consapevolezza di sé in un software (per quanto sofisticato esso sia) sarà il momento in cui potremmo renderci conto che in realtà noi non siamo mai stati consapevoli di noi stessi nel vero senso della parola.

Ma grazie all’ego umano, questo non accadrà per molto, moltissimo tempo.

O forse no: dipende da quanti riusciranno, nel tempo, a svegliarsi.

Ci si vede in giro!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate