Cogliere la realtà non è un lavoro per la mente - Franz's Blog

Cogliere la realtà non è un lavoro per la mente

Potete scaricare o ascoltare il podcast direttamente qui sotto

Prima cosa da comprendere: la nostra mente ordinaria lavora in modo discreto. Non nel senso che si fa notare poco, ma perchè lavora su quantità finite, pacchettizzate. Tutta l’attività che essa svolge segue bene o male un percorso definito, basato sull’energia a disposizione. L’azione della mente quindi ha un inizio, raggiunge un culmine e poi, a velocità più o meno grande, ha un termine.

Questo vale in qualunque intervallo di tempo, anche infinitesimale. La nostra struttura mentale ha basi organiche e quindi non scappa da questa regola. In più, si muove secondo un’ottica “digitale”, nel senso che lavora in modo binario. Tutto quello che si trova tra il “si” e il “no” viene generato dall’emotivo. Noi percepiamo questo insieme con il termine “io“; ovvero quella cosa che va dal “no” al “si” passando per il “boh“.

Detto questo, parliamo di quella che viene definita “presenza”. Ovvero l’essere “qui ed ora”. Quando noi percepiamo la realtà, lo facciamo attraverso i sensi. Questi mandano dei segnali elettrochimici al cervello che li interpreta (ecco la mente che entra in azione) e ci fornisce la sua “versione dei fatti”.

La percezione della realtà avviene a scatti, potremmo dire “a pacchetti” di attenzione e viene sempre provocata da una variazione o da una differenza nella nostra percezione. Il sistema sensoriale (e pure quello mentale) sono infatti basati sulla differenza tra uno stato ed un altro. E’ una cosa radicata a tal punto che se azzerate gli stimoli ad un senso qualsiasi, quello prima o poi va in tilt ed inizia ad inviare segnali a caso al cervello. Basta tenere una mano immobile su un tavolo per sperimentare questa cosa. Lasciatela lì per un tempo sufficiente senza muoverla e vederete che dopo pochissimo non sarete più in grado di dire in che posizione è (azzeramento del sistema sensorio). Lasciatela qualche altro secondo e comincerete a sentirla in posizioni diverse: un po’ a palmo in giù e un po’ a palmo in su. Questo avviene perchè il sistema tattile ha iniziato a generare stimoli casuali verso il cervello.

La nostra attenzione non fa differenza, essendo guidata dalla mente, e percepisce la realtà quando in essa (o nella nostra mente) varia qualcosa. In più, quando i nostri pensieri sono sufficientemente sguinzagliati, si rivolge essenzialmente ad essi, perchè sono la più forte fonte di variazione e, proprio come un missile a ricerca di calore, attraggono la percezione più della realtà.

A questo punto abbiamo perso il contatto con i sensi, a meno che gli stessi non vengano investiti da uno stimolo decisamente importante nel qual caso torniamo a rivolgerli all’esterno.

Quindi la nostra percezione della realtà è sporadica, mai dedicata al tempo presente in quanto generata dalla mente (che è sempre nel futuro) o dalle emozioni (che sono sempre nel passato). Raramente dal corpo che, alla fine della fiera, è l’unica parte di noi che vive nel presente.

I nostri momenti di presenza sono distanti tra di loro e molto limitati dal fatto che comunque dipendono dai sensi i quali, mediando qualunque informazione ci raggiunga, frappongono sempre e comunque un ritardo, per quanto minimo, tra quello che accade e la nostra percezione relativa.

Tra un momento e l’altro, quello che accade non viene percepito ma elaborato su base statistica. Per usare un termine informatico, l’accaduto viene interpolato tra un istante e l’altro, ricostruito dalla nostra mente in base a quello che ritiene possa essere accaduto. Ecco perchè, per fare un esempio, sul luogo di un delitto le versioni dei fatti sono tante quanti sono i testimoni: ogni persona vede, sente e percepisce in momenti diversi e produce interpolazioni diverse dei momenti di non presenza, sulla base delle proprie esperienze personali.

Ad esempio se prendiamo l’immagine a sinistra, vediamo che ad un certo punto la nostra mente “riconosce” la scena ma indistinto1wquelli che sembrano due pali sul molo, quando l’immagine diventa definita (immagine a destra), si rivelano per quello che sono: due persone.

La nostra mente ha interpolato la prima immagine su base statistica dandoci un’impressione ben diversa dalla realtà, che diventa tale quando la mente interrompe (anche se in questo caso semplicemente definisce) il processo di riconoscimento.

distintow

Quello che accade è più o meno un “campionamento” della realtà e può essere spiegato proprio con matematica di base.

Immaginiamo di dover calcolare l’area di un cerchio, senza formule, ma usando delle mattonelle quadrate, di cui conosciamo l’area. Possiamo calcolare approssimativamente l’area del cerchio riempiendolo con le nostre mattonelle. Dato che alcune si posizioneranno parzialmente all’interno del cerchio ed altre parzialmente all’esterno, avremo un’approssimazione dell’area che sarà sempre più precisa al diminuire della dimensione delle mattonelle.

Ora immaginate che il cerchio sia la realtà e le mattonelle siano la nostra attenzione. Va da sé che, quando aumenta il numero delle mattonelle, ovvero quello dei momenti di attenzione, e diminuisce la loro dimensione (quindi diminuisce il tempo tra un istante di attenzione e quello successivo), la nostra percezione della realtà si avvicina sempre di più alla verità.

Quand’è che la nostra percezione è perfetta? Quando  la dimensione delle mattonelle sarà nulla e il loro numero infinito. Ma questo come lo vediamo dal punto di vista della presenza?

E’ concettualmente semplice: la nostra percezione diventa realtà quando essa è costantemente puntuale a tempo zero. Impossibile? Certo, ma solo per la mente che, come abbiamo visto dipende innanzitutto dai sensi e in più ha una struttura digitale, ovvero pacchettizzata che le impedisce di funzionare in modo analogico. In altre parole la mente non può fare quell’operazione di passaggio al limite che invece in matematica ci permette di capire cosa accade quando un differenziale tende ad essere nullo.

In sintesi quindi, per arrivare alla presenza al qui ed ora, dobbiamo riuscire ad andare oltre la mente ordinaria. A quel punto la nostra attenzione sarà al contempo istantanea e costante nel tempo, proprio perchè si esercita costantemente per ogni singolo istante temporale (che quindi diventa un istante senza dimensione).

Essere presenti significa proprio questo. Vivere l’attimo, l’istante. Se ci riusciamo, come per esempio ha fatto Eckhart Tolle, accediamo ad un piano di coscienza completamente diverso che ci consente una visione completamente diversa, superiore, della realtà. Tuttavia attenzione: quello che possiamo percepire è ancora mediato dai sensi oppure, in casi particolari, dalla nostra possibilità di comprensione che, pur esulando dalle logiche abituali, resta comunque limitata a quanto è alla nostra portata dal punto di vista interiore.

La ricerca della verità mira ad espandere proprio questa portata, ad includere nel nostro spazio di esperienza una sempre maggior porzione di realtà. Un viaggio meraviglioso che ci ostiniamo a non voler iniziare semplicemente perchè non abbiamo ancora capito che quel viaggio esiste e, per inciso, è anche l’unico che valga davvero la pena di intraprendere, anche se questo indubbiamente non vale per tutti.

Ci si vede in giro!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

2 risposte a Cogliere la realtà non è un lavoro per la mente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate