ADHD, psicofarmaci e multinazionali farmaceutiche: giù le mani dai bambini, bestie! - Franz's Blog

ADHD, psicofarmaci e multinazionali farmaceutiche: giù le mani dai bambini, bestie!

Potete ascoltare e scaricare il podcast direttamente qui sotto

Cos’è una multinazionale? E’ un’industria (o azienda se si preferisce) i cui interessi e organizzazione si estendono su diverse nazioni. La peculiarità di una multinazionale è che il suo unico interesse consiste nel procurare profitto ai suoi azionisti. Tutto il resto si piega di fronte a questo interesse.

Una multinazionale farmaceutica non fa eccezione a questa definizione e, nonostante quello che le persone credono, non ha il benché minimo interesse nel benessere dell’umanità se non quando coincide con la sua missione primaria: far guadagnare gli investitori.

Detto questo, veniamo al nocciolo: l’ADHD. Il primo a coniare il termine (che sta per “Attention Deficit Hyperactive Disorder”, in italiano “disturbo da deficit di attenzione e iperattività”)  è stato uno stronzo di nome Leon Eisenberg. Questo psichiatra, come molti della sua razza, credeva di avere in mano le chiavi del sapere onnisciente e nel descrivere questa “sindrome” (che diventa tale solo in una ristrettissima minoranza di casi reali, per ammissione dello stesso Eisenberg) non ha fatto altro che fornire ad altri della sua schiatta la scusa per prescrivere psicofarmaci a bambini che, quand’anche presentino un disagio, lo fanno in un ambito le cui origini andrebbero ricercate, nel 99,9% dei casi, in un ambito psicosociale. Con la possibilità di diagnosi di ADHD infatti, si sono aperte le porte per prescrivere psicofarmaci in modo spesso del tutto assurdo a qualunque bambino vivace.

Ed è questo lo schifo cui oggi assistiamo, con l’appoggio di moltissimi “psichiatri infantili” la cui nonchalance nel prescrivere farmaci spesso pericolosi e dagli effetti collaterali altrettanto spesso disastrosi è quantomeno oscena.

La facilità con cui viene diagnosticata una sindrome che, di fatto, è semplicemente inesistente, è sempre più vasta e pericolosa. Negli Stati Uniti (ma anche in Europa non scherzano) centinaia di migliaia di bambini vengono impasticcati a forza, con l’appoggio delle istituzioni mediche scolastiche le quali, anziché interessarsi alle reali problematiche del bambino, sono solo interessate alla somministrazione di psicofarmaci. D’altronde è noto che lo psichiatra, raramente capisce qualcosa di psicologia mentre, nella stragrande maggioranza dei casi, è solo dedito a prescrivere farmaci, spesso di una pesantezza inaudita, in quanto strettamente convinto che solo la farmacologia (peraltro la più becera) può essere efficace.

Oggi molto spesso (non sempre, ma molto spesso) finire nelle mani di uno psichiatra significa ritrovarsi impasticcati al punto da non essere più le stesse persone, anche quando la situazione potrebbe essere risolvibile con altre metodiche afarmacologiche. Con tutto quello che l’assunzione di psicofarmaci comporta, dal punto di vista degli effetti collaterali e fisici (si perchè non penserete mica che uno psicofarmaco non ha effetti fisici collaterali, vero? Se no andate a leggervi i bugiardini di questi “farmaci”), la casta degli psichiatri ancora, ripeto nella stragrande maggioranza dei casi, non sa cosa fare se non prescrivere psicofarmaci.

Perchè questo? Perchè è più facile impasticcare un bimbo che educarlo all’equilibrio, è più facile giudicarlo affetto da una patologia che comprendere l’ambito in cui vive ed agire su di esso tramite psicologia comportamentale. E’ più facile dare la colpa ad una malattia inesistente (e quindi ricorrere a farmaci inutili) che intervenire su un tessuto sociale o famigliare che ha generato il problema.

Si, perchè nessuno nega che esistano bambini problematici ma pochi si preoccupano di capire che tali problematiche non si generano, nella maggior parte dei casi, su base genetica o neurologica come gli psichiatri vogliono fortemente che sia, quanto nella scarsa portata della capacità pedagogica ed educativa dei genitori.

E questo grazie a cosa? Grazie alle multinazionali farmaceutiche cui non sembrava vero di aver trovato il cavallo di troia per aver accesso ad una intera generazione di nuovi pazienti, ovvero i bambini, la cui unica colpa è spesso quella di essere quello che sono: esseri liberi, non ancora contaminati dall’idiozia che ha devastato i loro genitori. Qualcuno si è mai chiesto perchè l’ADHD venga diagnosticata con tanta frequenza? E’ semplice: più della metà dei 170 membri del DSM (Manuale Diagnostico e Statistico dei disturbi mentali, che presenta le linee guida per la diagnosi di svariati disturbi mentali tra cui l’ADHD) ha rapporti più o meno stretti con multinazionali farmaceutiche, la cui attività di lobby è abbastanza nota per non richiedere ulteriori specifiche.
Per i soliti cagacazzo che vogliono le fonti, qui c’è il link allo studio di Lisa Cosgrove che documenta il legame.

E i medici psichiatri, che spesso sono peggio dei loro colleghi di altre specialità, non è che si mettono ad indagare, a ricercare, a studiare… no, loro scrivono la loro brava ricetta del cazzo, prendono i loro soldi (e non solo dai pazienti, ovvio) e se ne vanno a letto tranquilli, autoconvincendosi di aver fatto il proprio dovere.

Peccato che si siano dimenticato del primo precetto del giuramento di Ippocrate: Primum non nocere!

E nel frattempo ai bambini vengono somministrati farmaci come l’Atomoxetina, il cui principio, tra gli effetti collaterali elencati, produce: danni epatici anche gravi (in alcuni casi letali) e ideazioni suicide, queste ultime in modo tutt’altro che sporadico, come ammesso addirittura dall’AIFA (che notoriamente prima di ammettere che un farmaco è dannoso deve proprio essere messa all’angolo). Tutte cose che si sanno già dal 2005 e che sono ormai arcinote.

Signori genitori: pensare che il vostro bambino soffre di una patologia su base neurale è molto comodo, perchè vi toglie il senso di colpa di esservi comportati in modo insufficiente dal punto di vista appunto genitoriale. Cercate di non aggravare il danno somministrando farmaci dannosi a vostro figlio. Potrà essere più gravoso dal punto di vista dell’impegno ma ricordatevi che quel bambino lo avete messo al mondo voi: fregarvene di come cresce è una porcata talmente grossa che prima o poi vi tornerà indietro. E vi si infilerà nel culo!

O almeno così spero.

P.S. se qualcuno vuole approfondire l’argomento può fare riferimento a questo sito: Giù le mani dai bambini, dove potrà trovare, tra le altre cose, la lettera di Bruxelles al ministro Lorenzin, sull’argomento, tutt’altro che piacevole.

 

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate