L'anima: non facciamocela rubare - Franz's Blog

L’anima: non facciamocela rubare

ladri-di-animeA volte accade. Accade che ad un certo punto nella vita, ti puoi accorgere che qualcosa dentro di te si è fermato. E’ andato in una sorta di stasi, forse travolto dalla legge di minor resistenza e si è accomodato sui binari della convenzione, della comodità, di quella “comfort zone” che a volte si presenta in modo estremamente subdolo, travestita da sfida.

Quando senti questa cosa, credo sia venuto il momento di fermare qualunque gioco, qualunque boccia sia presente a mo’ di rolling stone sul tappeto verde del quotidiano dipanarsi di quel gomitolo che, se stai ben attento, si riavvolge sempre dal lato opposto a quello da cui lo stai sciogliendo.

C’è un momento in cui tutti rimpiangiamo qualcosa di passato, apparentemente perso. E non sto parlando di quel vigore giovanile che tristemente si rievoca dopo la mezz’età, ma quella sorta di magia che sapevamo di avere in noi e che ad un certo punto, tanto lentamente che non sappiamo identificare il momento preciso in cui è avvenuto, abbiamo perso.

Non c’entra la gioventù fisica: c’entra la possibilità di essere liberi in un certo punto dentro di noi, in quel misterioso campo che è l’anima.

Ecco, dell’anima volevo proprio parlare. Di quella parte che contiene in sé la nostra libertà e la nostra qualità principale. Una parte che bisogna stare ben attenti a non farsi rubare, perchè il suo furto coincide, alla lunga, con quel progressivo spegnersi, quella stasi che, pur se davvero a volte sotto mentite spoglie, finisce per decretare la vera morte, quand’anche il corpo e la mente se ne vadano in giro più indaffarati che mai.

Ma chi te la ruba l’anima? Alla fine a ben vedere, solo coloro ai quali, più o meno consciamente, attribuisci il potere di farlo. Solo che a volte non sai che stai dando a qualcuno il patentino di “captain of your heart“, di ragione di vita. Ma questo non implica che tu non lo stia davvero facendo. Da quel momento la tua anima è prigioniera, o meglio sarebbe dire ostaggio. Ma comunque si voglia definire la situazione, l’importante è che non la possiedi più. Ce l’ha il marito, la moglie, l’amante, il padre o la  madre, persino il cane. Ma non tu.

Guardarsi dentro, ascoltarsi in profondità: questo è l’unico modo che abbiamo per accorgerci che quella libertà al nostro interno è andata persa. E se si perde la libertà dentro, quella fuori sparisce completamente. E inizia la paura di perdere.

Di perdere l’amore, l’amante, il denaro, le comodità, gli affetti… ma alla fine la paura è sempre quella. Come diceva un mio fratello: la paura di perdere il paradiso.

Abdicare sé stessi all’autorità, sentimentale, spirituale (o qualunque altro tipo di punto di riferimento) altrui, significa perdere la propria anima. E’ il proverbiale patto col diavolo e, come tale, viene proprio firmato con il sangue, quello stesso sangue che permea tutto il nostro corpo ed è il traslatore di energie sottili ben oltre il lato fisico.

Ci sono persone che fanno questo di mestiere: rubare l’anima al prossimo. Perchè così la loro (anima) è l’unica che c’è. Una perversione del potere, della concezione di unicità della vita e dell’energia che, è vero, alla fine è solo una. Ma questo non da a nessuno l’autorità e tanto meno la spirituale giustificazione, di privare qualcun altro di quell’afflato con la cui eredità è venuto al mondo.

Alla fine rubare l’anima, coscientemente o meno, credo sia la peggiore opera al nero che chiunque possa compiere, che lo faccia consapevolmente oppure no. Tutto è uno, presumo non possa essere diversamente (magari lo avessi realizzato), ma proprio per questo nessuno può avocare a sé stesso tale unicità. E mi par logico: anche un bambino capisce che nell’istante in cui avochi a te stesso l’unico diritto all’esistenza stai de facto sovvertendo il concetto stesso di unicità. Tu non sei l’unico ad avere il diritto di esistere. E se per rivendicare questo diritto rubi l’anima agli altri… mi pare ovvio che stai facendo il gioco di quell’oscurità di cui questo pianeta, forse, non ha proprio più bisogno, al netto del suo andazzo karmico.

Ed ecco il colpo di scena: l’anima non si può rubare. Si possono solo rubare gli occhi con cui la guardiamo. Come dire che il diavolo è il supremo mentitore e in questo caso la menzogna è quella di farci credere che la nostra anima non esiste, non esiste più, oppure non è degna di essere chiamata tale.

Così si rubano gli occhi dell’oracolo (che poi sono i nostri). Quindi, nell’istante stesso in cui ci accorgiamo che la nostra anima è sparita, è inutile cercare il ladro, perchè non ne esiste uno vero. La nostra anima non può abbandonarci ma noi possiamo aver smesso di guardarla, per un milione di motivi.

Quello che conta però è tornare a guardarla. Perchè la nostra anima, il nostro spirito, è sempre lì. Quel puntino di luce che ci da vita non ci può essere sottratto. La nostra magia, quella magia che in ognuno di noi è un riflesso della più grande magia universale non può essere sottratta.

A volte riprendere a guardarla può essere doloroso, certo, ma non perchè sia una vista difficile da sopportare. Il dolore viene quando dobbiamo spostare lo sguardo da ciò che l’ha imprigionato. Da colui, coloro, colei o quella cosa verso cui è stato in qualche modo condizionato a rivolgersi. Qualcosa che ovviamente abbiamo considerato bellissimo ma che, alla fine, voleva solo essere guardato al posto dell’unica cosa che dobbiamo davvero vedere: la nostra anima.

Si dice che questo sia stato l’errore di Lucifero: quello di voler avere anche solo per un istante lo sguardo del Padre tutto per sé. E forse è proprio questo errore archetipico a riflettersi spesso, moltiplicato a dismisura, nell’anima di chi finisce per giocare dalla parte sbagliata: volere lo sguardo di tutti solo per sé.

Smettere di guardare la propria anima è il gioco malato dell’ego. Guardare la propria anima, ritornare al suo interno e da lì riprendere a guardare il mondo è il gioco più bello che possiamo fare.

L’unico cui davvero valga la pena di partecipare.

Per tutto il resto, davvero, c’è Mastercard!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

2 risposte a L’anima: non facciamocela rubare

  • Caro Franz il tuo articolo mi ha molto toccato, è bellissimo e verissimo…in fondo, che lo sappiamo o no, tanta forse tutta la nostra fatica è volta a quell’anelito…il contatto con la propria anima…ti abbraccio sandra

  • complimenti,è un testo che fa riflettere molto! mi è piaciuto moltissimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate