A volte non c'entra il razzismo, quanto la percezione dell'errato. - Franz's Blog

A volte non c’entra il razzismo, quanto la percezione dell’errato.

 

11745930_10204708895110885_1982877855667142869_nGuardiamo bene la foto qui a fianco, a corredo di questo post.

L’ho vista su Facebook, postata da Giuseppe Merlino (di cui vi segnalo il blog, davvero un pozzo inesauribile, lo trovate a questo link)

Guardandola, ho provato diversi movimenti emotivi, che mi hanno fatto scattare diverse osservazioni.

In primis l’attenzione cade sulla testa rossa, che svetta come evidente elemento di contrasto. A meno che non siate di quella religione, la prima cosa che parte è la solidarietà (in maniera più o meno evidente) verso quella donna che ha comunque trovato il modo di andare controcorrente. Subito dopo l’attenzione va agli altri elementi “non conformi”: il velo azzurro in basso, quello bianco un po’ più in alto… etc. etc.

Ma dopo, per contrasto, scatta invece qualcos’altro: un’avversione, con un’intensità che credo possa variare dal fastidio alla furia, per l’intera scena. Avversione che cresce se si osserva con attenzione la seconda fila di donne dal basso, col capo chino, in un evidente atteggiamento di rassegnazione, se non di qualche rituale sconosciuto.

Beh, ve lo dico chiaramente: a me questa foto fa rivoltare lo stomaco. Sulle prime mi sono chiesto se il mio non fosse in qualche modo razzismo. Ebbene, dopo pochi secondi mi sono reso conto che qui il razzismo non c’entra affatto.

Quello che produce la reazione di voltastomaco (quantomeno in me) è la percezione che questa foto ritrae qualcosa di profondamente errato, ingiusto, involutivo… in buona sostanza, qualcosa di davvero osceno.

Donne vestite tutte uguali, coperte dalla testa ai piedi di nero, con il capo chino, soggette ad una legge che ha come unico scopo  quello di schiacciarne l’essenza sotto il tacco della più disgustosa discriminazione, che va oltre l’offesa al diritto umano, ma è qualcosa di così oscuro nella sua intrinseca portata da essere un delitto contro l’umanità intera.

Qui non c’entrano il razzismo e nemmeno il rispetto per la libertà di religione. Qui occorre rendersi conto che quando una cosa è sbagliata lo è al di là della morale, della religione o del pensiero individuale o pubblico.

Fatevene una ragione, quello che state vedendo è sbagliato: da ogni punto di vista, a partire da quello umano, fino a quello più universale che vi riesca di immaginare.

E’ vero: normalmente la nostra percezione del giusto e dell’ingiusto è del tutto personale, del tutto soggettiva.

Ma esiste, al di sotto di tutto quello che siamo diventati a furia di morale, religione e condizionamenti vari, la possibilità di discernere il giusto dall’ingiusto ad un più alto livello, un po’ più oggettivo.

E per quanto moralisti, bacchettoni, bigotti e fanatici siate, se ascoltate bene al centro della vostra sensibilità, potrete scoprire questo senso, una percezione più alta della giustizia, indipendente dalla fede, dall’educazione e da qualunque cosa vi siate messi in testa dal giorno della vostra nascita.

Una percezione che di fronte a questa foto non potrà che urlare (anche se probabilmente per molti sarà solo un sussurro) quanto essa sia il ritratto di una delle cose più profondamente ingiuste, barbare e contrarie all’evoluzione che l’essere umano sia mai riuscito a mettere in atto.

Certo, il fanatismo uccide questo genere di percezione, in ogni campo, non solo in quello religioso anche se si tratta forse del più evidente. In qualunque campo si manifesti, dalle abitudini alimentari a quelle spirituali con in mezzo qualunque cosa vi venga in mente, il fanatico esce completamente dai binari dell’evoluzione, oltre che da quelli dell’umanità o anche solo del semplice buon senso, ed imbocca una strada che porta solo alle porte dell’inferno, qualunque significato vogliate dare a questo termine.

Ma a meno che non siate già di fronte a quei battenti, qualcosa dentro ognuno di noi sa quando quello che accade è sbagliato. Imparare ad ascoltare questo profondo senso di giustizia è importante perchè, da sola, questa percezione è in grado di smascherare praticamente qualunque ignobile sovrastruttura illusoria sia cresciuta al nostro interno, dalla morale al pensiero.

E soprattutto, a spingerci ad agire contro ciò che davvero è ingiusto, anzi ché contro quello che crediamo tale. Credetemi: nel 90% dei casi ci troveremo a prendere strade diametralmente opposte a quelle seguite fino ad un illusorio istante precedente.

Ma bisogna avere il coraggio di riconoscere quanto in noi non sia assolutamente in grado di percepire qualcosa di oggettivo. E’ da lì che parte tutto!

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate