Glifosato: il core business di Monsanto dichiarato (finalmente) ufficialmente cancerogeno - Franz's Blog

Glifosato: il core business di Monsanto dichiarato (finalmente) ufficialmente cancerogeno

187839_GlyphosateMonsanto ne ha detenuto il brevetto per moltissimi anni. In questi decenni lo ha reso il diserbante più usato al mondo. Piccolo particolare: è cancerogeno.

L’altro ieri sul Corriere (pubblicata in sordina, che se non la cerchi manco la vedi) la notizia che il Glifosato (detto Roundup) è stato dichiarato ufficialmente cancerogeno.

Nel 2008, agli esordi di questo blog, scrissi una lunga serie di articoli sul mondo degli OGM (se volete leggerli cliccate questo link). Uno di essi riguardava proprio la Monsanto.

Non sto a tediarvi ma, in sintesi, quello che conta è che già nel 2005 uno studio pubblicato su Biomedical, rivista dell’Istituto Nacional de Salud Spagnolo, da Monroy, Cortés, Sicard, de Restrepo, dimostrava il potere canerogeno e citotossico sull’essere umano esposto al prodotto di Monsanto, il Roundup.

Inoltre, un articolo pubblicato dall’EPA, l’Ente Governativo per la Protezione dell’Ambiente Americano, definisce il Roundup come agente ad altissima tossicità con effetti tossici sul fegato e sull’apparato riproduttivo. Di questo articolo non ero, già nel 2008, stato in grado di ricostruire la data di pubblicazione ma sicuramente, com’è ovvio, è antecedente alla data di quel mio articolo.

In altre parole, il mondo accademico americano e lo stesso governo statunitense sono al corrente già dal 2005 dei possibili gravissimi effetti che la merda che vende la Monsanto ha sugli esseri umani. In realtà lo saprebbero da ben prima, se non che nel 1991 la stessa EPA lo aveva definito come “non cancerogeno”, pur riconoscendone gli effetti epato e citotossici (che potrebbero essere sufficienti a volerlo bandire…)

Ma, indovina un po’? NESSUNO HA MAI FATTO UN CAZZO.

E anche oggi, la Monsanto riesce a sostenere che non ci siano prove scientifiche che dimostrino la tossicità del Glifosato. E sapete perchè? Perchè questa sostanza, per Monsanto, rappresenta il core business. E mo’ vi dico il perchè.

E’ molto semplice. Il 90% dei prodotti OGM oggi è a brevetto Monsanto. Tutti pensano che gli OGM siano organismi modificati geneticamente in modo da essere resistenti alle varie malattie vegetali ma questo è vero solo per traslato. In realtà la maggior parte degli OGM in questione non sono resistenti alle malattie, ma al Roundup.

In parole povere, gli OGM sono sensibili quanto gli altri vegetali, ma immuni al Glifosato. Quindi ecco la trovata geniale: riempiamo i campi di Roundup, che ucciderà tutti i patogeni responsabili della morte delle normali coltivazioni.

Gli organismi OGM non verranno danneggiati et voilà, ecco servita, direttamente sul piatto di casa nostra, l’insalata al glifosato. E poi ci si chiede come mai ci sia un costante aumento di determinate patologie (come ad esempio alcuni linfomi, tanto per nominarne una categoria).

Monsanto difenderà il Roundup fino alla morte, perchè senza questa molecola, tutta la loro sbandierata tecnologia genetica non vale assolutamente una cicca frusta, come si dice a Milano: gli OGM da loro più venduti non sono affatto immuni alle normali malattie ergo, se il Glifosato venisse vietato, gli OGM creperebbero quanto le coltivazioni “naturali”.

Che questo fosse a conoscenza di Monsanto non è, ovviamente, provato ma, considerato il curriculum di questa multinazionale, un certo qual sospetto (che è un po’ di più che un dubbio) dovrebbe venire a tutti. Devono i loro natali a Monsanto infatti cosucce leggere come la Diossina, i Policlorobifenili (oggi banditi ma per 40 anni la Monsanto li ha venduti a tutto il mondo) e altre porcate simili. Come dire… difficile che da un cerchio nasca un quadrato, non vi pare?

Oggi l’opinione pubblica italiana pensa al massimo male della polizia americana ma si dimentica che proprio negli Stati Uniti sono nate le varie Multinazionali che oggi, divenuti colossi con un bilancio pari a quello di Stati e Nazioni, fanno il bello ed il cattivo tempo su questo pianeta. Non parliamo solo di Big Pharma, ovviamente ma anche di Big Sugar (forse non avete idea di cosa ci sia dietro un sacchetto di zucchero… provate ad informarvi), di Big Meat e Big Banana (si, anche dietro la banana c’è un intero universo di sfruttamento, delitti e morti).

Se mi gira uno di questi giorni parliamo di cosa sono veramente le multinazionali.

Ma di merda sul piatto mi pare che per il momento ce ne sia abbastanza…

Commenta con il tuo nome Facebook

3 risposte a Glifosato: il core business di Monsanto dichiarato (finalmente) ufficialmente cancerogeno

  • Condivido , quello che mi preoccupa che questo prodotto è utilizzato in modo sempre più diffuso anche sugli asparagi su colture con turioni prossimi alla raccolta o presenti al momento dell’applicazione; inoltre ho il sospetto che ortive OGM la monsanto le abbia già introdotto in Italia, vedi cavoli cavolfiori etc.

  • Chissà cosa dirà Guidorzi mi pare che lui è pro

  • Conosci la storia del grano canadese per fare la pasta trattato con il randop prima del raccolto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate