Moralismo e sport in tv: il sonnifero è servito - Franz's Blog

Moralismo e sport in tv: il sonnifero è servito

IMG_0001Mondiali di Calcio, Omicidio Yara: e l’italiano medio se li beve tutti e due come acqua fresca: peccato che nell’acqua in questione ci sia un’alta concentrazione di sonnifero!

Ma andiamo con ordine: il calcio. Sembra essere l’unico argomento degno di cui parlare: dal lunedi al mercoledi della partita trascorsa, dal venerdi al sabato di quella che deve venire, sentendosi così uno “sportivo” mentre ingrassa alla grande seduto sulla sua sedia in ufficio.

La passione per il calcio (o per un qualsiasi altro sport) non è di certo una brutta cosa. Lo diventa quando surroga la propria attività sportiva, sostituendola e costituendo semplicemente un bersaglio di identificazione.

Questa cosa è nota da tempi immemori: succedeva già molto prima dell’era romana ma, per fare un esempio, prendiamo i giochi del Circo nell’antica Roma: servivano a canalizzare la rabbia popolare e il conseguente desiderio di sangue in modo che la gente sfogasse tutto ciò su bersagli diversi dal governo: i giochi non erano una tradizione da rispettare ma un mezzo per tenere sotto controllo la massa.

Oggi i mezzi sono tanti, ma l’idea è sempre quella: fornire un bersaglio per l’identificazione di massa in modo da sviare l’attenzione (se sei identificato con o in qualcosa non puoi essere attento) ma soprattutto in modo da sottrarre energia ad altri lati della vita.

E un popolo senza energia non può ribellarsi.

Parlando dell’omicidio di Yara invece siamo di fronte ad un’altro metodo (sempre con lo stesso scopo: sviare e sottrarre energia). Qui si fa leva sulla morale (o meglio sul moralismo) innato dell’italiano per cui “…i figghi so’ piezz’e’core”. Senza voler sminuire, ovviamente, la gravità del delitto in sé, si fornisce un bersaglio per l’indignazione, in modo che essa si sfoghi non su ciò per cui davvero dovrebbe ma su ciò che fa il gioco di chi gestisce la faccenda.

E in queste cose con gli italiani si ha gioco facile, perchè sono così bigotti che non capiscono che la loro indignazione non solo va a finire nel cesso ma non cambierà una virgola su quello che conta: quella ragazza è morta. Punto. Trovare il colpevole non dovrebbe avere la valenza della vendetta, quanto evitare che a qualche altra persona possa accadere lo stesso.

Ma questo, all’italiano medio, non solo non glielo puoi spiegare ma, se ci provi, ti salta addosso perchè sei tu ad essere insensibile.

Ma la morale in sé non sarebbe una cosa negativa, se fosse di provenienza libera. Il problema è che da essa, per interpretazione e perversione, deriva il moralismo, che è uno dei più grandi ostacoli allo sviluppo ed all’evoluzione interiore e sociale (oltre che, spesso, tecnologica).

La questione è che la morale è controllata dai media, dalla religione e dall’ignoranza.

Queste tre cose sono a loro volta controllate da chi detiene il potere.

E dato che chi controlla la morale, alla fine controlla il Paese, ecco che abbiamo chiuso il cerchio.

Prendendo la solita craniata!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

Una risposta a Moralismo e sport in tv: il sonnifero è servito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate