Universo olografico: fatto sta che tutto è uno - Franz's Blog

Universo olografico: fatto sta che tutto è uno

tutto-unoPermettetemi di autocitare un passo da “La Magia del Cuore”. La domanda (che poi è il titolo di un capitolo) è: “Perchè Dio siamo noi?”

“La risposta a questa domanda è di una semplicità disarmante: perché se fossimo altro da dio allora quello non sarebbe Dio. Dio è una parola. Come tante. Ma come tante ha un suo potere intrinseco, una sua magia, una sua vibrazione che la rendono efficace.
Quello che conta è quello che nella mente delle persone può risuonare con questo termine. Ma al di là di quello che produce, Dio non può che essere un assoluto, qualcosa che omnicomprende, che tutto include.
In altre parole, nulla può esistere al di fuori di Dio. Ergo, Dio non può che essere ovunque, al completo. Se ne mancasse anche una sola piccola parte in un punto qualsiasi del creato, in quel punto mancherebbe una parte di Dio e di conseguenza “qualcosa” sarebbe fuori di Lui.
È una questione olografica: ogni parte dell’universo deve contenere l’universo intero, altrimenti ne sarebbe parzialmente fuori. Da questo, in ognuno di noi, Dio deve esistere al completo. Ergo, Dio siamo noi.”

La conseguenza logica di questo paragrafo è che, se Dio è tutto cio che è ed esiste per intero all’interno di ogni più piccola particella… allora non può che essere vera l’affermazione “Tutto è uno”.

Vero anche il suo contrario: con la stessa logica possiamo dire che tutto è separato. E dato che caratteristica di una verità è che essa è tale quando è vero anche il suo contrario, ecco che sappiamo che tutto è uno. Incontrovertibilmente.

Ma “sapere” non è la stessa cosa di “aver realizzato”.  Questa dicotomia tra sapere e conoscenza, in apparenza tragica, in realtà è l’unica cosa che ci consente di metterci alla ricerca.

Dato infatti che “nessuno nasce imparato“, senza un sapere che funga da orientamento, che accenda una sete al nostro interno (quella sete di comprensione e quindi di conoscenza senza la quale la ricerca non esiste), ci mancherà la terza forza, la possibilità di sperimentare in quella specifica direzione per arrivare, inesorabilmente anche se in un tempo apparentemente a volte anche molto lungo, alla realizzazione ovvero alla conoscenza di ciò che abbiamo fino a quel momento solo “saputo”.

Ecco perchè ovunque il sapere e la conoscenza sono considerati due cose diverse ed ecco anche perchè se il primo è necessario, la seceonda è indispensabile.

Ovviamente, sempre per “color che non furon fatti per vivere come bruti ma per seguir virtute e conoscenza

Commenta con il tuo nome Facebook

Una risposta a Universo olografico: fatto sta che tutto è uno

  • Ciao Franz. Grazie del bell’articolo. La percezione che abbiamo è veritiera di quello che dici. Percepiamo più Terre e più Avvenimenti con gli stessi personaggi o qualche personaggio in più o in meno. Quello che è differente è il Tempo e lo Spazio. In Tempi diversi gli avvenimenti stessi è come se sono cambiati anche se certe volte sono gli stessi. La percezione è in carne ed ossa. Ma! Un saluto e grazie di nuovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate