Libri per pensare: La fine del dolore di J. Krishnamurti

38098J. Krishnamurti fu un grande: le disse tutte, ma proprio tutte, per chiunque.

In questo testo non fa eccezione. Intendiamoci, non è un vero testo, ma il compendio di alcune conferenze da lui tenute a Saneen nel 1980. E’ duro. Non è piacevole quello che dice. Però è tremendamente vero.

Ogni frase sembra un colpo di spada che infilza una delle tante identificazioni che ci affliggono. Non è un manuale, benché contenga centinaia di consigli pratici. E’ più l’esposizione di un modo di pensare in modo lucido, a volte fin troppo, motivo per cui in tanti voltarono le spalle a Krishnamurti.

Eppure è uno di quei testi che faremmo meglio a rileggere di tanto in tanto, perchè sono eterni, e lo rimarranno fintanto che durerà l’ignoranza dell’essere umano.

Se la tirava, Jiddu? Può sembrare, ma per quello che posso aver compreso io non se la tirava affatto: la sapeva, e la diceva tutta.

Da leggere a piccole dosi, altrimenti può dare effetti collaterali indesiderati come libertà, capacità critica, elevazione del pensiero, senso logico etc. etc.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.