Il sottile confine tra rassegnazione e adattamento - Franz's Blog

Il sottile confine tra rassegnazione e adattamento

La-gloria-e-il-risultato-dell-adattamento-di-uno-spirito-alla-stupidita-nazionaleLa differenza è in effetti macroscopica,  quantomeno nella definizione. Diventa sottile nella vita pratica.
Quando un evento interno o esterno si affaccia al nostro spazio esperienziale, ha una portata potenziale nei nostri confronti. Non è infatti detto che tale evento verrà esperito effettivamente.

A tutti gli effetti, la sua portata è quindi ancora nel campo delle possibilità. Tuttavia,  solo per il fatto di essere nel nostro spazio esperienziale,  i suoi effetti finiranno per toccarci in qualche modo. Se questo “tocco” sarà diretto, allora esperiremo l’evento in sé. Altrimenti esperiremo le sue conseguenze,  magari sotto forma di qualcosa che accadrà a qualcuno a noi vicino, o altro.

La nostra reazione, nel primo caso, cioè quando l’evento ci tocca direttamente, potrà implicare due atteggiamenti: ci adatteremo oppure subiremo l’evento passivamente; questo al di là di ogni giudizio o considerazione sulla qualità dell’evento in sé.

E’ qui che si gioca la differenza. Quando la nostra reazione all’evento è attiva, allora ci stiamo adattando. In caso contrario allora ci stiamo rassegnando. La mancanza di reazione è sempre rassegnazione e implica l’accettazione passiva di ciò che accade. Con una sola eccezione: ovvero quando la passività diventa una scelta consapevole in presenza o meno di alternativa.

Noi possiamo trovarci nelle condizioni di poter fare qualcosa ma scegliere di non fare nulla. Questo è adattamento. Oppure non avere alcuna alternativa e accettare consapevolmente quello che accade.  Anche questo è adattamento.

Nella stessa situazione, lasciar andare le cose senza una scelta consapevole diventa rassegnazione. Ad esempio la paura determina di solito una rassegnazione.

Quando rispondiamo meccanicamente ad un evento,  abbiamo la sensazione di reagire attivamente quando invece stiamo subendo  inconsapevolmente le conseguenze dell’evento stesso.

Adattamento implica obbligatoriamente consapevolezza. Altrimenti si tratta sempre di una reazione guidata dalle circostanze che risulta sempre quindi una rassegnazione, per quanto involontaria e inconsapevole.

Questo pone un problema: come capire se e quando un nostro atto è libero,  ovvero nasce dalla nostra volontà,  e quando invece è una risposta automatica ad uno stimolo esterno, caso in cui, come è facile capire,  non vi è alcuna libertà. 

Il post di venerdì su Pensiero Lucido affronta proprio questo tema. Se vi interessa lo trovate qui.

Buona giornata!

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate