Come si fa a leggere nel pensiero?

emozioni1Me lo ha chiesto una cara persona, non molti giorni fa. La risposta è: non so se si possa. Io non ci sono mai riuscito.

Quello che si può leggere sono le emozioni. Il pensiero è troppo volatile, senza consistenza, troppo meccanico ed intrinsecamente inesistente per essere colto.

Ma le emozioni si. Quelle si colgono… nell’istante in cui variano. Il che significa, nel 99% dei casi… in continuazione.

E non è solo una questione di linguaggio del corpo fisico. E’ anche e soprattutto una questione di linguaggio più sottile, di corpi più rarefatti.

In alcuni casi è una questione di volontà, da parte di chi legge, di entrare in unità ed armonia con chi deve essere letto e di apertura, da parte di quest’ultimo, che desidera essere letto in quanto desidera comunicare sé stesso e sa che non c’è altro modo se non farsi ascoltare.

In altri casi si tratta di emozioni così dense, o così improvvise e travolgenti da trasmettersi come un esplosione nell’acqua: impossibile non sentirle.

La sensibilità è la chiave: va allenata costantemente, insieme al desiderio di incontrare l’altro.

Non si leggono i pensieri: si leggono le emozioni. Non sempre, e quasi sempre non abbastanza in profondità. Ma è un inizio, è quello che permette di aiutare qualcuno quando è in difficoltà, anche se spesso poi i suoi stati rimangono dentro per un po’, almeno fino a che non si riesce a distinguerli come stati che non ci appartengono.

Volete leggere nel pensiero? Iniziate con chi amate. E poi… cominciate ad amare qualcuno in più.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.