Oneness: il senso di sé - Franz's Blog

Oneness: il senso di sé

Cosa sentiamo di noi stessi? Qual’è il “senso di noi” che percepiamo quando pensiamo a noi stessi? La parola “oneness” è davvero notevole, applicata a questo concetto. Viene usata per intendere proprio il senso di sé, ed è basata interamente sul concetto di “uno”, inteso come unità. E in effetti il vero senso di sé, come anche ci dicono tutte, ma proprio tutte le antiche e meno antiche vie per la realizzazione, passa per l’unità.

Ognuno di noi dovrebbe essere uno. Uno solo. E invece alla fine, per ben che ti vada, ce n’è almeno una decina di “te stessi” che si danno il cambio. Il famoso “centro di gravità permanente” di Battiato, ma anche il padrone di casa, il testimone invariabile e così via.

Noi non siamo abituati ad essere uno solo, ma molti, così diversi tra loro da arrivare a pensare cose diametralmente opposte nell’arco di un battito di ciglia.

Ma se si ascolta con attenzione, e si permane in questo ascolto, ad un certo punto emerge una sensazione, strana, quasi inavvertibile. Una sensazione che non ha caratteristiche enunciate, che non richiede parole, quantomeno a noi stessi, per essere identificata.

Non è una cosa definibile, non si può darle un nome, se non dopo molto tempo che la si ha presente. Si può solo sperimentare. E’ quel “senso di sé” di cui si parla nel titolo. Ed è un senso univoco, qualcosa che trascende l’io, la persona, i gusti e le emozioni, per presentare semplicemente un campo. Un campo di esistenza, potremmo definirlo, che non cambia.

Ecco, quello è il senso di sé. Un senso che, sperimentato in modo costante, alla fine ti porta in un punto da cui ascolti il tuo corpo, i pensieri e le emozioni come un involucro che ti circonda.

Che poi alla fine è esattamente quello che quasi tutte le scritture ci dicono essere la natura del rapporto tra essere da una parte e corpo fisico ed emotivo dall’altra.

Persino il cattolicesimo ne parla quando, pur a sproposito dal punto di vista terminologico, lo nomina come “anima”.

E’ il senso di sé il vero oggetto della ricerca. Si, perchè cercare fuori di noi serve a sviluppare il sapere. Cercare all’interno, invece, a sviluppare la conoscenza.

E fare la conoscenza con il nostro vero “io”, quello vero in quanto unico e permanente, oltre che impersonale, è la meta a cui aspirare.

Per tutto il resto, davvero, c’è Mastercard!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

2 risposte a Oneness: il senso di sé

  • Leggiti “Uno, nessuno, centomila” di Pirandello, o “Alla ricerca del tempo perduto” di Proust, e troverai questo concetto della molteplicità dell’io descritto con mille bellissime, indimenticabili, sfumature … (Io ci ho fatto la tesi alla Sorbonne trent’anni fa)

    • Ho letto entrambi più o meno all’epoca in cui tu ci facevi la tesi. Hai ragione sulle mille sfumature. La cosa bella è non solo leggere di esse, ma sperimentarle in prima persona. Un miracolo, quando accade, che non si dimentica più.
      Grazie del commento e del passaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate