Basta con ‘sto Papa… nel frattempo succede di tutto!

Eccheccazzo non pareva vero ai nostri pennivendoli sedicenti giornalisti di trovare qualcosa di cui parlare, pur di non dire quello che nel resto del mondo accade nel frattempo, Italia compresa.

Abbiamo in ordine sparso: un dittatore deficente che minaccia di lanciare qualche missile atomico sugli Stati Uniti (e comunque intanto smerda il mondo facendo esperimenti atomici in atmosfera), due marò che non sono più tornati in India e l’India che per ripicca ha blindato l’ambasciatore italiano (cazzo centra lui lo sanno solo loro), un governo che non si sa come va a finire la storia, una crisi in Siria in cui non si contano più i morti, in cui continuano ad ammazzare donne, vecchi e bambini.

In Italia il mercato degli immobili è ritornato ai livelli di 30 anni fa con le compravendite cadute del 25% (grazie a quegli stronzi di banchieri che se fossi io al governo li obbligherei per legge ad erogare mutui pena la chiusura degli sportelli e la confisca di tutti i beni).

Insomma, mi pare che ci sarebbe anche altro di cui parlare e in abbondanza. Ma loro no! Loro riempiono le prime pagine con tutte le possibili stronzate dette e ridette sul nuovo Papa e giù di interviste a frotte di vaticanisti che più che minchiate e ovvietà non riescono a dire.

Il fatto che il 90% degli italiani si affidi ancora ai media come fonte di informazione primaria (quando addirittura non unica) la dice lunga sul livello di ignoranza e superficialità che ancora regna sovrano nel nostro paese.

Sarebbe ora di svegliarsi, non solo votando controcorrente, ma anche imparando ad informarsi.

Ma soprattutto smettendo di comprare i nostri quotidiani che ormai non valgono neppure più come carta igienica.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

1 Comment

  1. slvana ha detto:

    oppio..ancora oppio …sempre oppio ..ci stanno rincoglionendo..

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.