Elezioni e informazione: incompatibilità strutturale e idiozia pubblica

Qualcuno ha notato il regime delle informazioni proposte dai media ufficiali in questo periodo?  L’inaffidabilità è pressoché totale.  Non si capisce infatti più quali siano i fatti e quali i ricami eseguiti ad arte, funzionali a questa o quella questione politica.

Già abitualmente non è che i nostri media siano particolarmente affidabili. .. sotto elezioni poi il fenomeno raggiunge proporzioni incredibili. 

Per fare un esempio basta far riferimento alla questione MPS.  Quale sia la reale portata del disastro già non sarebbe dato di sapere in tempi meno sospetti, ma oggi… oggi è letteralmente impossibile arrivare ad un senso reale delle cose. Il problema era già noto,  anche se magari non nel suo sviluppo completo ma, guarda caso proprio in questo momento, gli viene data una eco eccellente… che l’acquisizione di Antonveneta non fosse stata un’operazione linda e cristallina, beh  credo che anche i muri ne fossero al corrente ma, come parte del gioco,  la cosa è rimasta in soffitta fino a che a qualcuno non è convenuto altrimenti.

Ed ecco che casualmente scoppia lo scandalo. Sotto elezioni, naturalmente.  Il problema di questo atteggiamento, se già non fosse grave la quotidiana disinformazione propinata dai media italiani, è che sotto elezioni cose come questa vengono strumentalizzate al massimo livello possibile dalla politica.

E giù stronzate, balle e affermazioni ipocrite, quando la verità è che tutto questo era già noto da tempo ma si aspettava il momento giusto, un po’ come in una partita di briscola si aspetta il momento giusto per calare il carico.

Il fatto che il 90% degli italiani abbia ancora come unica fonte di informazione la televisione però la dice lunga. Lunga sul livello di idiozia dell’italiano medio che ancora considera il mezzobusto televisivo come fonte di informazione affidabile, e altrettanto lunga sul pelo che campeggia sullo stomaco degli esponenti della classe politica italiana, ormai così sicuri della propria impunità che si permettono qualsiasi cosa, sicuri come sono che comunque la loro poltrona ormai non gliela toglie nessuno.

Cerchiamo di realizzare una cosa: come diceva Machiavelli, noi ci ritroviamo il governo che ci meritiamo. Se questi cialtroni stanno dove stanno, lo devono infatti ad altrettanti cialtroni che li hanno votati negli anni, oppure a quei nuovi cialtroni che, nel nome del disgusto per una situazione politica ormai fecalescente, vanno sbandierando orgogliosamente la loro intenzione di annullare il voto, col risultato che lo stesso va a finire in pancia a chi ormai al governo non dovrebbe più stare ma, non si sa perchè, continua a frequentare Montecitorio.

Sveglia italiani cialtroni, ignoranti, rincoglioniti e provinciali; se volete cambiare qualcosa, dovrete fare qualcosa di più che buttare nel cesso il vostro voto.

Informatevi, massa di fecalomi saprofiti che non siete altro, e cercate di preoccuparvi di qualcosa che vada oltre il finanziamento per il vostro iPhogn di merda. Il paese in cui viviamo sta andando a puttane, e non in senso metaforico, grazie soprattutto al vostro consenso, alla vostra superficialità ed alla vostra ignoranza crassa et affettata.

E basta raccontare che siete vittima del sistema: è il sistema che ad essere vittima vostra e della vostra fottuta mancanza di responsabilità civile, civica e politica.

Se dalle prossime elezioni avremo un governo ancora più di merda, ricordiamoci di una cosa: lo avremo deciso noi, di nostro pugno.

Quindi vediamo di votare come si deve!

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

2 Comments

  1. valentina petrova ha detto:

    ” Tutto il mondo è un paese”…Stanno arrivando anche in Bulgaria,le elezioni…Gli stessi disturbi mentali(rabbia,confusione,disorientamento,senso di “insensatezza”,molto rumore e,ancor’più menefreghismo,informazione disinformante,…)Tu dici,Franz,che bisogna fare qualcosa di più,per non buttare il voto nel cesso.Ma,quando ti si infila tra le mani,cartaccia igienica,non può finire altrove,no?!Insomma,le Elezioni sono un noioso e fastidiosissimo rompicapo per chi crede che possa cambiare (in meglio)qualcosa.Voglio dire,non si devono aspettare questi ridicoli e altezzosi riti,che precedono il giorno stesso della condanna!E cosa ,allora?!…Dicevano i nonni”i cani abbaiano,la carovana và…”Beh!Si possono dare tante interpretazioni del proverbio,ma uno solo è quello vero!Ed è esattamente questo il punto!Per ognuno “individuo umano”la risposta è diversa,unica ,e certamente,quella “giusta”.E si,ci piace essere “individui”,fino al punto ,che crediamo di essere addirittura il centro dell Universo.Quindi,possiamo decidere con la nostra testa.E ,se si fallisce e sempre colpa degli altri….Mi vengono in mente strani e biz

    • valentina petrova ha detto:

      zari considerazioni-mi chiedo ,ad esempio,come agiscono gli altri esseri viventi sul nostro Pianeta,i mammiferi ,(dicono i biologi,che tra i mammiferi ci sono specie che,sulla scala della gerarchia evolutiva,stiano “un tantino”sotto di noi-gli umani.Dicono anche tante altre cretinate-che non possiamo mica,noi,la Corona del Creato,paragonarci con “gli animali”…Beh,anchio la penso cosi…non abbiamo la loro intelligenza,nè il loro coraggio,neppure la dignità loro,….ne la loro forza-spirituale,psichica,intellettuale…Si vede,no,è un dato di fatto….Vabbè,basta cosi.Pazienza!Un giorno,se ci è rimasto “tempo”(vita),noi,gli umani,capiremmo,che non può il mignolo,esistere senza la mano intera!Buona giornata,Mondo!Un abbraccio forte a Tutti!

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.