Cambio di percezione, capogiri, déjà vu e nuova vista - Franz's Blog

Cambio di percezione, capogiri, déjà vu e nuova vista

Supponiamo che stiamo iniziando un lavoro su noi stessi. Un lavoro che implica un aumento o anche “solo” un cambio qualitativo di consapevolezza., ad esempio, supponiamo che stiamo cercando di imparare ad ascoltare.

Ora, quello che dobbiamo tenere presente è che il nostro modo di percepire la realtà non è quello che pensiamo. Ne ho parlato in diversi post nel passato, ma fornirò qui un riassunto e in fondo all’articolo un elenco di quelli già scritti sull’argomento.

Iniziamo dalla prova finale: se in un qualsiasi momento cerchiamo di ricostruire tutto quello che abbiamo fatto, detto e pensato da quando ci siamo alzati ad ora, a meno che non siano passati solo pochi minuti, avremo la sensazione di ricordare tutto ma, non appena cercheremo di entrare nei dettagli del ricordo… ecco che troveremo molti pezzi mancanti, vaghi, o di cui ricorderemo solo che… sono avvenuti.

Senza voler entrare nel dettaglio di questo meccanismo, la verità è che noi vediamo la realtà come continuamente percepita, mentre i momenti di vera percezione sono solo alcuni, intervallati da lunghi periodi di “presenza virtuale” in cui ci perdiamo in pensieri, emozioni, fantasticherie etc,. etc,.

Possiamo vedere la nostra abituale consapevolezza come un film: tanti fotogrammi che, proiettati uno dopo l’altro in un certo numero, danno l’illusione di una continuità.

Peccato che di quei fotogrammi, solo pochi sono vere “fotografie”. La maggior parte sono prodotti dalla nostra mente per riempire il vuoto tra un momento di presenza e quello successivo. Quindi la realtà che ci circonda è, per lo più, immaginata, anche se con un buon grado di approssimazione.
Aumentare la propria presenza significa aumentare il numero di fotografie “vere” fino a rendere impossibile alla mente il fabbricarne di false.

Ma immaginiamo che, per un qualche motivo, noi si inizi un lavoro su noi stessi (ad esempio che si voglia imparare ad usare il cuore, come nel post di pochi giorni fa).

Allora il lavoro che faremo andrà a creare come una sorta di “seconda macchina da presa” che per un po’ affiancherà quella ordinaria. Una macchina da presa che, per sua natura, scatterà molte più “fotografie vere” della realtà, per giunta con una pellicola molto più sensibile, in grado di catturare più luce, più colori, emozioni sempre più raffinate etc. etc.

Quindi avremo due modalità di presenza, che esisteranno contemporaneamente, proprio come se le stesse scene venissero riprese da due telecamere allo stesso tempo. La prima, quella ordinaria, che scatterà, per fare un esempio, si e no 3 fotogrammi al secondo. La seconda che, sempre per fare un esempio, ne scatterà magari 10 o 20 all’inizio per poi accelerare progressivamente e arrivare magari anche a 100 o più.

Ecco che nella nostra mente si riverseranno contemporaneamente due filmati, uno tutto a scatti, poco colorato e per giunta sfuocato, l’altro che, al confronto del primo, è in tre dimensioni, technicolor, dolby sorround e Full HD.

Non so se ho reso l’idea, ma l’impatto tra i due si può capire che può anche essere violento. Solo che all’inizio, il filmato più evoluto si manifesta in modo istantaneo, ovvero riesce  ad “irrompere” nella nostra mente in un singolo istante.

Ora però il tempo che vive il nostro cervello è uno solo. Quindi il poveretto si ritrova a vivere, nello stesso arco di uno o due secondi, da una parte il risultato del suo solito meccanismo di percezione, dall’altro quello della nuova percezione che andiamo costruendo al nostro interno.

Ecco che il contrasto tra le due percezioni, una lenta ed illusoria, l’altra velocissima ed al confronto praticamente fulminante, diventa insostenibile.

E noi proviamo una sensazione come di capogiro (ma non di vertigine), un istante “strano”, in cui il mondo sembra perdere parte della sua abituale identità (in realtà è esattamente il contrario: in quei momenti il mondo l’acquista).

Non è successo nulla: semplicemente stiamo sperimentando contemporaneamente due diverse velocità percettive, di cui una terribilmente diversa dall’altra. Ma, dato che quella più veloce ripropone comunque lo stesso “spezzone” di realtà di quella più lenta (solo molto più elaborato e particolareggiato), la nostra mente, che viaggia ad una sola velocità, tende ad elidere la percezione più veloce, perchè segue la linea di minor resistenza.

Risultato: noi abbiamo la sensazione di aver già visto quella scena. In realtà è proprio così, ma la nostra mente non è ancora pronta ad accettare una velocità più alta.

Se a qualcuno, a questo punto, viene in mente la definizione di “déjà vu” che viene data in Matrix… beh, direi che ha ragione!

Gli altri post sulla percezione:

Dilatazione quantica dell’intervallo di percezione

Campionamento e illusione discreta 1

Campionamento e illusione discreta 2

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

2 risposte a Cambio di percezione, capogiri, déjà vu e nuova vista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate