Battleship. Non ho parole (e quelle poche che ho non sono pubblicabili)

Forse qualcuno dovrebbe spiegare al Sig. Peter Berg, regista del colossal  Battleship, che per fare un film non bastano gli effetti speciali e la computer grafica, per quanto ben fatti.

A volte serve anche qualche accenno di storia, magari qualcuno che reciti, e poi un minimo di verosimiglianza in quello che accade.

Un’introduzione di venti minuti sulla figura del futuro eroe, tutta giocata sul luogo comune del “Hai le doti ma non ti applichi”. La solita biondina stragnocca (figlia dell’ammiraglio, e ti pareva?) che vuole sposare l’eroe che però è troppo scavezzacollo e deve riscattarsi di fronte alla società tutta.

Altri venti minuti prima che il mondo capisca che è stato invaso da alieni… e poi una serie di cazzate inanellate con precisione certosina una dietro l’altra.

A cominciare dagli alieni che, pur possedendo una tecnologia in grado di farli viaggiare più velocemente della luce, attaccano il pianeta con armi a dir poco ridicole, per proseguire con gli stessi alieni che, pur essendo di evoluzione rettiliana, non sopportano la luce del sole (e che sono, vampiri?) cosa che ovviamente sarà il loro tallone d’achille… per finire nell’apoteosi di una nave trasformata in museo che, casualmente, viene in soccorso del nostro eroe e, nonostante sia alla fonda da anni, risulta piena di munizioni e carburante.

Ma il vero apice dell’idiozia lo raggiungono quando la stessa nave (il cacciatorpediniere Missouri, qualche migliaio di tonnellate d’acciaio) “frena” in derapata, con i motori avanti tutta, in piena inerzia d’attacco, semplicemente gettando le ancore (Coriolis: chi era costui?) e con quattro cannonate fa saltare per aria nientepopodimeno che l’ammiraglia aliena.

Insomma, per dirla in sintesi: una cagata così era dai tempi di Skyline che non la vedevo.

P.S. nel film “recita” anche Rhianna, la cui parte migliore non ce la fanno mai vedere…

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

3 Comments

  1. maurizio ha detto:

    forse è un bene che ci siano film così “cazzoni”.dimodochè possa farci apprezzare meglio quelli fatti con la “testa” so long f. :kissmyass:

  2. Viviana B. ha detto:

    Questo “capolavoro” l’ho visto (e recensito – http://nonsolobotte.blogspot.it/2012/09/battleship-la-battaglia-navale-con-gli.html) anch’io… ?

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.