Ghost Rider 2: da evitare come la peste

Francesco Franz Amato Ghost Rider 2: da evitare come la pesteTrama inesistente, se non come concentrato di tutti i peggiori luoghi comuni sul male e affini. 3D pieno di ghosting, malfatto, che toglie luce a qualunque inquadratura, rendendo la scena insopportabilmente buia, inutile ed esasperante. Dialoghi peggiori della più infima soap opera venezuelana.

Il nuovo episodio del Rider sarebbe già un film dei peggiori anche così.

Ma non basta: quello che a parer mio più conta è la veicolazione in ogni scena di una qualità putrida, inutilmente violenta e insopportabilmente oscura: a partire dalla ghigna di Cage, gonfio, viscido e schifoso, per finire con un ghost rider che non ha nemmeno più la dignità di una costoletta d’agnello rosicchiata allo stremo.

Inquadrature che indugiano senza motivo (apparente) sulle scene più violente, giusto per farti entrare la scimmia sotto pelle, trasformazioni dell’uomo in spirito del male che durano un’eternità, accompagnate da musica neppure degna di essere chiamata tale.

Ma soprattutto, come detto prima, una veicolazione di qualità putride, emozioni talmente dense da rendere l’esorcista un romanzo rosa. Il tutto senza alcun senso, senza alcuna ragion d’essere; nessuna attinenza con il personaggio originale, con lo spirito con cui venne creato Ghost Rider.

Più probabilmente una semplice scusa per la regia per manifestare tutte le brutture di cui è riuscita a far esperienza.

Da evitare come la peste!

2 risposte a Ghost Rider 2: da evitare come la peste

  • maurizio scrive:

    mi spingerei oltre.” consiglierei alle persone “sane”di mente,di evitare tutti i film del “macho”nicolas cage.visto che è l’idolo del mio papino,che con i suoi 81 anni,ha sempre ammirato un sacco ,i vari john wayne,charles bronson, texas rangers.e vai cos’ì. consiglierei invece “vivamente” di rivedere varie volte,l’eccezzionale trilogia di matrix. un salutone all’essere chiamato franz. :swim:

  • Roberto Rini scrive:

    notavo , io ma non solo io, che da un pò di tempo nicolas cage è presente in progetti oscuri , legati alle tematiche del male..alle forze oscure, e spesso in modo del tutto inutile.. e sarebbe pure un buon attore, sopratutto nelle commedie..ma tra elogi della massoneria (ne ha fatti almeno tre così) ed elogi alle energie più basse, viene il sospetto che la cosa non sia casuale, che la sua presenza in questi progetti abbia motivazioni che vanno bel oltre la questione-conto in banca. i complottisti lo vedono ormai come un attore in mano alle major oscure, quelle che veicolerebbero i messaggi subliminali degli “illuminati” (NWO ecc.. ammesso che esista na cosa del genere), ma anche senza dar credito a troppe dietrologie, io dico che i suoi parrucchini e il cerone al viso per ringiovanire abbiano qualcosa di satanico :unbelieve: :twisted: :unbelieve:

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!

Testi pubblicati

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.


Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate
Articoli random

Pausa sorriso: Yngwie Malmsteen… uno che suona (nonostante le idee strane di qualcuno)

Una volta qualcuno lo definì noioso… a me non pare proprio! Enjoy Yngwie Malmsteen in “Brothers” Oppure in: “Blue”… uno straordinario pezzo blues… senza nemmeno una scala blues Vogliamo poi mettere questo studio sulla tecnica del “Sound on Sound”? O anche “Arpeggios from hell”. Qualcosa che fa veramente male alle dita! (Vi prego… osservate la […]