Se quello che senti non lo vedi, finisci per non capire. - Franz's Blog

Se quello che senti non lo vedi, finisci per non capire.

Un grande uomo una volta mi fece notare questa cosa; se quello che senti differisce troppo da quello che cogli con i sensi, non capisci più un cazzo. Fino a che ci sei, sei presente cioè, questa differenza può essere annullata dalla ragione, dallo sforzo di comprensione, in buona sostanza dal desiderio di comprendere da parte di chi sperimenta questo misterioso “gap”.

Ma nel caso in cui a sperimentarlo sia una persona con meno comprensione, o meno voglia di metterla in campo (che poi, voglio dire… non è che tutti sono tenuti a fare sforzi di petto per comprendere gli altri. Sarebbe bello fosse così ma non è che abbiamo firmato un contratto…) allora scattano le diffidenze, gli equivoci.

Nei rapporti interpersonali questo aspetto viene spesso sottovalutato, come in quelli di gruppo, in cui il gioco delle identità è spesso “drogato” da dinamiche di sudditanza strane, a volte anche perverse, o da convenienze, calcoli e quant’altro.

Il risultato? Che non ci si capisce più. La cura? Essere il più possibile se’ stessi. Il che non significa dare libero sfogo ai propri istinti, ma diventare sempre più consapevoli di ciò che in noi veramente alberga e, con molta sincerità, metterlo sul piatto dei rapporti.

Non sto parlando di esternare sempre ciò che sentiamo, proviamo o pensiamo. Esternare, mostrare, compartecipare altre persone dei nostri mondi interiori, a volte può essere un atto di puro egoismo e, in fin dei conti, non sempre è indispensabile o anche solo necessario.

No, quello che intendo dire è che la dicotomia va superata al nostro interno; siamo noi a dover illuminare le nostre zone d’ombra.

A quel punto ciò che siamo fluirà sempre più comodamente nel nostro essere umani e sarà sempre meno in conflitto con ciò che traspare dai nostri atti, pensieri, opere ed omissioni, con buona pace di chi ci sta di fronte che riceverà segnali sempre meno contrastanti, sempre più univoci e stabili. Persino il nascondere un pensiero o uno stato d’animo sarà un atto “diritto”, sincero.

A quel punto molte delle difficoltà che si sperimentano ordinariamente nel rapporto umano non potranno che cessare, in quanto vi sarà una trasparenza in noi che renderà difficile, se non impossibile l’instaurarsi, per quanto inconscio, di dubbi, sospetti o incomprensioni in chi ci sta di fronte.

In poche parole, una volta che si dirà (davvero) “Io sono quello che sono”, anche chi ci guarda potrà dire, più o meno consapevolmente, lo stesso: “Lui (o lei) è quello che è” nulla di più, nulla di meno.

Una sorta di sincerità intrinseca, ineluttabile, che permetterà finalmente un vero rapporto. Umano in tutti i sensi.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

2 risposte a Se quello che senti non lo vedi, finisci per non capire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate