John Carter di Marte

Edgar Rice Burroughs, famoso in Italia per aver inventato il personaggio di Tarzan, è anche uno dei padri della fantascienza.

Il suo Ciclo di Marte, undici romanzi scritti negli anni ’40, fu uno dei più famosi e pose alcune delle pietre miliari della science fiction moderna.

Da “La principessa di Marte” è tratta la trama del film John Carter di Marte, prodotto davvero ben riuscito di  Andrew Stanton, in questi giorni in uscita nelle sale italiane.

Ritmo studiato a tavolino, senza la benchè minima falla. Personaggi riusciti perfettamente, compresa la macchietta del mostro superveloce che si rivela un secondario fantastico.

Il 3D per una volta è realizzato in modo impeccabile, complice anche la stragrande quantità di computer grafica, ma comunque rende benissimo anche nelle scene girate senza CGI, coinvolgendo lo spettatore e rendendo notevolmente grazia alle scene d’azione, realizzate con maestria e grande fantasia realizzativa, anche grazie al budget colossale messo a disposizione dalla Disney (300 milioni di dollari non sono esattamente bruscolini!)

Recitazione ai giusti livelli (menzione speciale per Mark Strong, nella parte del Tern Matai Shang), e un fascino decisamente notevole per Lynn Collins nella parte della Principessa Dejah Thoris.

Da vedere, non c’è dubbio!

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.