Heather's Corner: il ballerino - Franz's Blog

Heather’s Corner: il ballerino

Tanto per cominciare, sfatiamo il mito del ballerino sempre e comunque omosessuale. Mi auguro vi siate rese conto giovani o buone per il brodo che siate, che così stanno le cose. Senza contare che noi femminucce tutte bacini e coccole abbiamo la tendenza a sottolineare spesso che magari tutti gli uomini fossero come i gay! Quanto sono sensibili e quanto ci capiscono e come prestano orecchio ai nostri desideri e a ciò che davvero siamo… E tutte queste cose da… femmine, appunto! Altrimenti non sarebbero omosessuali, vi pare?

Detto questo, alcuni ballerini ostentano un atteggiamento quanto meno ambiguo proprio per far sì che noi ci si avvicini di più, che ci si sciolga e ci si mostri in tutto il nostro essere, che ci si confidi. E poi, magari, ti fanno anche fare qualche passo di danza che ti sembra di essere nata per il ballo, ti cingono la vita con la delicatezza di una madre in vena di carezze, raccolgono la tua mano nella loro come si trattasse di cristallo prezioso e ti fanno volteggiare in un metro quadro come fossi un colibrì.

Ma con la rapidità e la precisione millimetrica di un serpente a sonagli, ti baciano come uomini che non lo fanno da anni! Proprio mentre tu ti sei completamente abbandonata in quell’abbraccio, che però in fondo un po’ ci speravi nel bacio.

E mentre ti bacia che ti sembra di avere di fronte un formichiere, ti dici che però stavolta forse ci sei. Forse è proprio quello giusto. Dolce e rude, romantico e deciso, sensibile e grintoso. Un uomo con gli attributi. Finalmente!

Oe’! Guarda che la recita finisce lì, il sipario sta già per richiudersi quando sei a quel punto.

Benedetta illusa!

Il ballo e i volteggi sono parte integrante fondamentale della tela del ragno. Tanto è lì che si finisce. Sempre e comunque.

Ma il punto non è questo. Qui siamo soltanto ai convenevoli.

Il punto è che il ballerino tiene tra le braccia decine di signore e signorine di ogni colore, età, flessuosità.

Il punto è che il ballerino frequenta assiduamente spogliatoi e camerini di donne mai abbastanza vestite per chi soffre di quel brutto morbo dilagante e dirompente che si chiama gelosia (Dio, per fortuna, questa disgrazia me l’ha risparmiata, almeno fino ad oggi).

Il punto è che il ballerino vive sul Pianeta della tentazione perpetua.

Il punto è che il ballerino tocca, abbraccia, avviluppa, stringe, accarezza e bacia (anche se solo da copione) altre che non sei tu.

Il punto è che a volte capita, sai come vanno queste cose, che dopo lo spettacolo si esca a mangiare un boccone a bere un bicchiere.

Il punto è che c’è sempre qualche ballerina o appassionata di danza che è venuta coi mezzi e poi è troppo tardi e la metropolitana ha già chiuso e allora bisogna che qualcuno si sacrifichi e la riaccompagni a casa. Che poi magari quella lì è proprio quella del bacio da esibizione. E se quel bacio lì era venuto bene e qualcosa tra i due si è mosso, allora le uova son già bell’e rotte e sbattute e pronte per la frittata.

Onde per cui: o sei quella del bacio e per quella sera lì ti va bene, a patto che poi però non lo fai dormire a casina tua e lo rispedisci a russare e scalciare e fare il sonnambulo nel suo letto perennemente sfatto.

Oppure sei quella innamorata che però col ballo c’entra poco e a quell’ora o ti stai rosicchiando le unghie o rodendo il fegato perché doveva chiamarti tre ore fa, cioè appena terminato lo spettacolo.  E dunque resta lì a rosicare.

Nel caso numero uno, consiglio un bel ci si vede domani al “termine dei lavori” e rimettersi a cuccia sole solette con tanta soddisfazione fisica e psicologica e zero voli pindarici inutili.

Nel caso numero due, è tutto un post che cerco di metterti in guardia! Ma se proprio non sei una di quelle che hanno la pazienza di sedersi in riva al fiume e aspettare il “cadavere” che passa, allora trova il modo di incontrare “per caso” un altro ballerino e semplicemente rendigli pan per focaccia, ma che lui sappia che quello nuovo balla molto meglio!

Non saranno sensibili come immaginavate, ma quanto sono suscettibili non hai idea!

NB: ovvio che vale anche per appartenenti allo stesso sesso!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

2 risposte a Heather’s Corner: il ballerino

  • ho conosciuto..tanti uomini..che non..erano ballerini..ma si sono sempre comportati come tali..x fortuna..ho conosciuto..anche ballerini ..veri..e x fortuna che adesso..sono pronta..x il brodo.. :coffee:

  • Perchè sembra sempre che sotto la calzamaglia, i ballerini, abbiano un ‘attrezzo’ enorme?! Tutti quanti loro sembrano superdotati. mmmmmma il dubbio che che mi nasce è altrettanto grosso. ((((:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate