Dalle nebbie del tempo: ricordo ed emozioni - Franz's Blog

Dalle nebbie del tempo: ricordo ed emozioni

La nebbia di oggi, originariamente pubblicata nel dicembre 2010.

Ricordo e traccia emotiva

Pubblicato originariamente il: 03/12/10.

Avete mai provato a ricordare un’emozione? A prima vista sembra semplice, immediato ma a ben guardare… davvero ricordiamo l’emozione? O piuttosto ne ricordiamo il nome e l’intensità, ma non esattamente l’emozione in se’?

Facciamo un esempio; ieri un’auto quasi ci investe. Ci pigliamo un bello spavento. Oggi cerchiamo di ricordare quello spavento: nessun problema, ancora sudiamo freddo. Ma cosa succederà fra un mese?

L’emozione non ci sarà più. Sarà sostituita da un simulacro pseudoverbale di essa, corredato da un vago ricordo della sua intensità. Ma l’emozione in se’, se davvero cerchiamo di ricordarla, sarà scomparsa o quasi. E più tempo passa più questo è valido.

Esatto, proprio lui: il tempo. Non per nulla si dice che il tempo guarisce tutte le ferite.

Infatti, per quanto sia stata grande un’emozione, dopo un tempo più o meno lungo, a meno che la stessa non venga ripetuta, o meglio riprodotta pari pari, è destinata a svanire.

Solo che noi siamo convinti di ricordarcene, perchè abbiamo una specie di segnaposto che la piazza nella nostra memoria. La riprova di ciò, come detto prima, può essere ottenuta proprio cercando di ricordare l’esatta emozione, cosa ci ci farà rendere conto di come sia in realtà impossibile farlo.

Ma attenzione, meno l’emozione è stata forte o profonda, e più è difficile accorgersi del simulacro mnemonico che l’ha sostituita.

Neppure i traumi più grandi sfuggono a questo impallidire. Infatti l’emozione negativa provata in occasione del trauma viene in realtà sostituita da una vera e propria lacerazione del tessuto emotivo. Ed è quella lacerazione che si ricorda, non l’emozione in se.

Ecco perchè gli eventi traumatici tendono a generare in seguito disturbi all’interno della psiche. E’ come per uno strappo ad un muscolo che lascia un punto di debolezza nel tessuto, punto di debolezza che può essere il bersaglio postumo di una rottura o di altri problemi. Nell’emotivo un trauma, una sofferenza molto grande, possono generare una cicatrice simile, determinando una zona di debolezza che potrà cedere più avanti nel tempo, determinando reazioni psichiche patologiche, come manie, compulsioni, ossessioni e psicosi.

Credo che il problema della fugacità delle emozioni sia dovuto, oltre all’innegabile instabilità delle stesse, anche al fatto che mediamente noi esseri umani non sappiamo neppure cosa siano le vere emozioni.

Per quel poco che mi è stato dato di sperimentare infatti, esiste tutto un campo di emozioni estremamente raffinate, rarefatte e sottili, che stanno al nostro emotivo abituale quanto il cielo ad uno stronzo: stanno talmente lontane sopra di noi che non ne sospettiamo neppure l’esistenza.

E se un tempo la letteratura, l’arte, la musica toccavano vette che oggi sono quasi impossibili da raggiungere, forse il motivo sta proprio nel deterioramento implacabile che nel corso dei secoli abbiamo subito nella nostra sensibilità emotiva.

Oggi noi abbiamo bisogno di emozioni sempre più forti, sempre più grevi e dense, allo stesso modo di un sordo che ha bisogno che qualcuno gli urli nelle orecchie per poterlo sentire.

Solo che urlando è difficile esprimere qualcosa di non grossolano; è più intenso il rumore di un aereo che decolla o il sottile sibilo di una katana che taglia l’aria?

E più passa il tempo più questo deterioramento aumenta, rovinando la nostra capacità di ascoltare e di sentire veramente.

Per mettere un freno a tutto questo occorre fare lo stesso che per il corpo: serve una dieta emotiva.

Occorre liberarci progressivamente dalle emozioni più grevi, evitandole come la peste. Al contempo occorre nutrirci di emozioni più sottili, leggere e positive.

Nutrirci di bellezza anziche di rabbia, di speranza anziche di paura, di amore anziche di odio. (“Paura, rabbia, odio: al lato oscuro esse conducono” Yoda santo subito!).

Il percorso di liberazione non è affatto semplice ne di facile percorrenza e richiede una notevole dose di determinazione per essere intrapreso.

Ma ciò che ci può regalare vale davvero la pena!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate