Le Idi di Marzo – By Giuseppe

Niente di nuovo sotto il sole con questo film, Le Idi di Marzo, scritto, interpretato e diretto da George Clooney. In pratica è l’ennesima solita storia di corsa alle “presidenziali” politiche americane.

Storia che racconta tattiche più o meno scorrette di concorrenza politica, tutto per arrivare a sedere su una delle poltrone più scottanti del pianeta.

C’è un Governatore in piena campagna elettorale, Mike Morris (Clooney), uomo che si è già messo in buona luce in Iraq e in altri interventi americani in medio oriente. Mike è una persona tutta d’un pezzo e, a modo suo, è di sani principi, e non intende accettare compromessi, neanche per la poltrona della Casa Bianca.

Al suo fianco vi sono il giovane portavoce Stephen ed il suo capo, Paul, primo uomo di fiducia del Governatore. Stephen è talmente brillante da attirare l’attenzione della “concorrenza”, che gli propone di passare dall’altra parte. Steve, anche se titubante, rifiuta.

Ma il mondo politico è spietato e, solo per aver avuto contatti col partito avversario in piena campagna elettorale, Steve viene licenziato da Paul con questa frase: “In questo mondo la lealtà è al primo posto….”.

Ma il giovane è troppo in gamba per lasciarsi mettere da parte, perciò decide di usare “l’arma finale”, quella che in America terrorizza qualunque politico: lo scandalo sessuale. Come in una partita a poker, Stephen gioca al rialzo, e ricatta il Governatore per la relazione avuta con una giovane stagista.

La ragazza (che è stata anche amante di Stephen) è stata trovata morta in condizioni poco chiare, e il giovane asserisce di avere in mano un biglietto in cui la giovane dice di aver appena abortito di un figlio avuto col Governatore. Tanto basta per dare autorità a Steve di chiedere al Governatore di licenziare Paul e di insediarlo al suo posto, come suo primo portavoce.

Il Governatore, di certo, è uomo tutto d’un pezzo, eppure….indovinate come va a finire? Non solo accetta queste condizioni ma, per vincere nell’Hoio, accetta anche quella di allearsi ad un politico col quale mai e poi mai avrebbe voluto scendere a patti.

Perché le “idi di marzo”?

Perché questa vicenda (tratta da un lavoro teatrale) si svolge in marzo e perché durante le Idi di Marzo marzo, si sa, Giulio Cesare fu ucciso con ventitre pugnalate.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.