Trenitalia se la tira, ma offre sempre e comunque un servizio tra i più scadenti.

Leggevo la nuova trovata di qualche manager di provata intelligenza, qualche genio del marketing di Trenitalia, che ha deciso di vietare la carrozza ristorante a chi viagga sul frecciarossa in classe economica.

Non so di chi sia quest’idea fantastica, ma ormai, da parte di Trenitalia, non dovrebbe più stupire nulla.

In un’azienda dove l’inefficienza è ai livelli massimi storici nel settore del pubblico impiego, dove l’incompetenza regna sovrana e dove, soprattutto, ci si dimentica che le Ferrovie sono un servizio pubblico e non un ristorante d’elite, perchè dovrebbe portare stupore una trovata come questa?

Qualche giorno fa ho impiegato più tre ore e mezzo per percorrere meno di cento chilometri con Trenitalia; ad ogni stazione la motrice perdeva un punto di riferimento per la guida e il personale di bordo era costretto ad una procedura assurda che richiedeva un quarto d’ora buono di scartoffie per ogni fermata imprevista. Le vetture avevano l’impianto di riscaldamento che distribuiva aria gelida, e il personale viaggiante era di una scortesia a livelli tali che ti toccava parlare loro assieme con le mani in tasca per non entrare in tentazione… Però qualche manager di Trenitalia pensa bene di tirarsela e diversificare l’offerta tra coloro che possono bere il caffè (perchè hanno pagato di più) e quelli che non possono.

Non so, credo che nell’azienda ex pubblica italiana ci sia una qualche sorta di strano attrattore che aumenta in modo decisamente incredibile la concentrazione di idioti ai vertici.

Comunque in sintesi, l’unico commento possibile è: ma vaffanculo, te e la carrozza ristorante!

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

2 Comments

  1. Fede ha detto:

    si treni vuoti che vanno tutti affanculo magari con sopra i dirigenti trenitalia !

  2. jjj ha detto:

    bravo, bravo bravo bravo bravooooooooooooooooooooooooo

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.