Costruire a tavolino volontà e focus mentale - Franz's Blog

Costruire a tavolino volontà e focus mentale

A tutti sarà capitato di non ricordare qualcosa, un nome o altro, e dire la fatidica frase “ce l’ho sulla punta della lingua”. Se ci avete fatto caso, in quel momento è impossibile ricordare il dato, che invece spunterà dopo minuti, ore o giorni, imponendosi alla nostra attenzione anche in un momento che non c’entra proprio niente.

Nell’istante in cui il dato cercato riaffiora alla memoria, è facile accorgersi che, al nostro interno, qualcosa ha continuato a lavorare per ricordarlo,.

Quello che avviene a livello mentale è la stessa cosa di una ricerca in background, per usare un termine informatico. Il cervello destina una parte della propria attività a scandagliare la memoria fino al ritrovamento del dato. Nel frattempo, se ci si fa caso, è possibile avvertire questo lavorìo della memoria come una sorta di pressione, infinitesimale, all’interno del cranio.

Il problema è che non è affatto semplice rendere questo processo volontario e tantomeno consapevolmente utilizzabile. I fanatici, ad esempio,  riescono meglio di chiunque altro in quello su cui si fanatizzano: l’identificazione assoluta in un pensiero o in un bisogno ossessivo porta, per colmo di ironia, ad una focalizzazione “automatica” su qeull’obbiettivo. Il fanatico si concentra e mette tutto se’ stesso nel raggiungimento dei propri scopi, cosa che l’uomo “normale” non è in grado di fare, a meno che non utilizzi un percorso che, senza sfociare nel fanatismo psicotico, gli consenta di continuare a immettere energia nel raggiungimento dello scopo.

Il segreto è nelle emozioni. Sono loro a fissare i pensieri nella memoria. I bisogni determinano le emozioni che a loro volta producono pensieri.

Quindi uno dei sistemi per mantenere fissa l’energia sullo scopo è quello di “surrogare” il meccanismo appena descritto, detto anche identificazione.

La cosa si rende necessaria perchè, per raggiungere un obiettivo sulla scorta della volontà (e non dell’identificazione), tutto il sistema identificativo viene a decadere e, se non sostituito dalla corretta e consapevole presenza, determina il classico “cambio d’idea” (della serie: “ci ho ripensato”, “tutto sommato non è così importante” e così via…)

Ed ecco comparire il “virus mentale”. Allo stesso modo in cui si può scrivere un virus che faccia fare ad un computer cose esulanti dalla sua programmazione abituale, è possibile introdurre nella nostra stessa mente un pensiero o un’emozione “virali”, che la costringano a stare sull’obiettivo.

E’ un modo, un sistema da usare quando la nostra presenza vacilla, cosa che di solito accade purtroppo molto spesso.

Si stabilisce quindi che quello che dobbiamo fare è importante perchè…. e qui sta alla nostra fantasia e sensibilità trovare un’emozione cui agganciare il nostro virus mentale.

Una volta trovata l’emozione, occorre viverla. Più e più volte, più o meno intensamente, ma più volte. Sempre ricordandoci che quello è il motivo per cui vogliamo raggiungere un certo obiettivo.

Per fare un esempio, pensiamo ad una dieta. Vogliamo dimagrire perchè… perchè saremo più belli? per qualcuno può bastare ma, per qualcun altro, può non essere sufficiente; perchè potremo rimettere quell’abito che ci stava da Dio e che ci è costato un occhio della testa? Perchè vogliamo conquistare quella donna o quell’uomo? Va tutto bene, purchè sia un’emozione sufficientemente forte.

Dopo averla vissuta un po’ di volte, pregustando il risultato, il virus, se abbiamo fatto le cose per bene, si immetterà nel nostro ambiente di pensiero, facendo affiorare, tutte le volte che può, il ricordo dell’obiettivo che ci eravamo posti.

Occorre pazienza. Il virus deve lavorare per parecchio tempo, di solito, prima di scavare il pensiero giusto nella nostra mente. Ma una volta fatto questo sentiremo nascere dal nostro interno una spinta proprio in direzione del nostro obiettivo.

Quello sarà il momento di partire alla conquista perchè, da quel momento in poi, il nostro “sistema” tenderà a focalizzarsi sempre di più, producendo una costante motivazione e un continuo ricordo di quello che dobbiamo fare.

Il che, in assenza di un autentico ricordo di se’ stessi, è sempre qualcosa, mi pare!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

2 risposte a Costruire a tavolino volontà e focus mentale

  • Se non sbaglio anche le tecniche mnemoniche di Giordano Bruno associavano la memoria con l’ emozioni.
    Inoltre, vorrei sapere se giocano un ruolo importante la visualizzazione e l’ immaginazione.
    “Il che, in assenza di un autentico ricordo di se’ stessi, è sempre qualcosa, mi pare!” Beh, io credo che solo questa tecnica vale molto di piu’ di quelle che vanno di moda adesso per le quali vengono spesi valanghe di soldi, senza che apportino dei veri cambiamenti.
    Grazie.

    • La risposta alla tua domanda è si, visualizzare e immaginare aiutano moltissimo, specialmente per “agganciare” l’emozione di fissaggio agli eventi ed agli oggetti che ci circondano.
      Grazie a te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate