Afghanistan. Quanti altri dovranno morire per capire che ce ne dobbiamo andare? - Franz's Blog

Afghanistan. Quanti altri dovranno morire per capire che ce ne dobbiamo andare?

Che cazzo ci fanno i nostri militari in Afghanistan? Pechè sono lì? Per aiutare chi? La popolazione locale o per mantenere alta l’illusione di una vicinanza, un’amicizia con l’America, infida e arruffona come sempre, che propone la bufala dell’uccisione di Bin Laden senza manco farne vedere il cadavere, per poi rimanere ancora lì a fare i propri porci comodi?

Non sarebbe un male tutto questo, se non ci andassimo di mezzo noi, con i nostri militari che, per un volere politico, devono permanere in un paese canaglia, popolato da banditi di ogni genere, in cui la vita umana vale meno di una merda di cane per strada.

E non raccontatemi la cazzata che Gaetano Tuccillo era consapevole dei rischi che correva: certo che ne era consapevole. Ma questo non toglie che quest’uomo, ultimo di una serie purtroppo piuttosto lunga, sia morto da eroe per una causa che con l’eroismo non c’entra un cazzo.

Noi non siamo in Afghanistan per motivi umanitari; siamo lì per motivi politici, per aiutare gli Stati Uniti a fare le loro porcate. Se quei cialtroni che nel corso degli anni hanno mantenuto le missioni estere del nostro esercito ritirassero tutte le missioni militari dell’Italia nel mondo, non servirebbe nessuna manovra e ci risparmierebbero future morti tra i nostri militari.

Rimanere in questi paesi è un’idiozia enorme. Però, stranamente, nessuno ha nulla da dire. Neppure quando un ragazzo di 29 anni ci rimette la pelle.

Eppure è semplice: l’Italia manda i suoi soldati a morire anche quando non c’è nessuna guerra da combattere. Basterebbe questa considerazione a far capire quanto sia completamente da fuori di testa mantenere una missione in un paese come l’Afghanistan solo perchè ci sono ancora gli Stati Uniti.

La scelta giusta sarebbe dire: “Caro Obama, vattene affanculo. Se vuoi restare in Afghanistan, libero di farlo. Noi da parte nostra, elegantemente, ci leviamo dai coglioni.”

E nel giro di due giorni togliere da quella terra di merda i nostri ragazzi.

Però poi il governo è vicino alla famiglia, esprime ferma condanna e via cagando di questo passo.

Invece di dire stronzate DOPO che uno di noi è morto, levate il nostro esercito da quel paese di merda PRIMA che ne ammazzino qualcun altro dei nostri.

Risparmierete un infinito dolore a molte persone e ne avrete un vantaggio personale, non essendo costretti a inventarvi ipocrite e demagogiche dichiarazioni che non dimostrano altro che un’incredibile mancanza di rispetto nei confronti di chi, come il caporal maggiore Tuccillo, nel valore e nell’umanità ha dimostrato di credere fino a rimetterci la pelle.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

7 risposte a Afghanistan. Quanti altri dovranno morire per capire che ce ne dobbiamo andare?

  • Almeno buttassero napalm sui campi di papavero da oppio ed eroina. (…)

  • Gaetano Tuccillo era un soldato. Non credo per obbligo ma per scelta.
    Se uno ha a cuore valori come pace, armonia, rispetto del prossimo non si arruola nei parà (o chi per essi).
    Non si mette al servizio di una struttura con uno scopo ben chiaro e definito.
    Lo scopo di un soldato è fare la guerra, ergo uccidere o essere ucciso. E non mi risulta che ci siano fini nobili nell’uccidere.
    Come la vedresti se, mettiamo, Turchia prima e Spagna dopo intervenissero militarmente in Italia con la scusa che la nazione protegge i mafiosi? L’Afghanistan sarà un paese di merda, ma da 40 anni (o forse più) potenze straniere sono presenti militarmente sul territorio. Se non è un buon modo per far crescere guerriglieri carichi di odio…
    Su tutto il resto sono d’accordo, così come mi auguro l’estinzione delle guerre. Ma prima si dovranno estinguere i guerrafondai, cioè i politici manovrati dalle lobby economiche.
    Praticamente una rivoluzione del cuore a livello planetario…

    • Un soldato, tanto per cominciare, non ha lo scopo di uccidere o essere ucciso; quella casomai è la possibile estrema conseguenza delle sue scelte.

      Un soldato, parliamo di quelli veri, è un guerriero che decide di mettere la sua vita al servizio di un ideale e che ha le palle per sacrificare ad esso tutto, compresa la vita. Ho detto “quelli veri”, poi è ovvio che in un esercito, purtroppo, trovi sempre sia il cioccolato che la merda, quindi trovi l’eroe a fianco del fanatico, il nobile a fianco del delinquente della peggior risma.

      L’afghanistan è sempre stato un paese di merda, anche prima che l’occidente lo invadesse. Tanto è vero che, oltre ai Talebani e alla loro razza maledetta, ospita le coltivazioni di papavero da oppio che riforniscono il 95% della produzione mondiale di eroina.

      Le donne in Afghanistan sono sotto una dittatura maschile oscena e prevaricante oltre il limite dell’impossibile e questo da molto più di 40 anni.

      La legge coranica in Afghanistan è la più severa di tutto il mondo islamico e rappresenta, de facto, una dittatura religiosa.

      L’Afghanista è da sempre il refugium peccatorum della feccia del mondo arabo, con una popolazione che per il 90% vive al di sotto della soglia di povertà più misera.

      Se poi la Spagna intervenisse in Italia militarmente per estirpare la mafia, mi arruolerei al suo fianco per aiutarla.

  • Sono la mamma di un soldato,una persona squisita e validissima in tutti i sensi.Non voglio più che vsda in

    missione,non vale mai la pena perdere la vita.Oni volta che succede,penso a quelle famiglie distrutte e penso

    che avrebbero fatto la fame, pur di non mandare questi bellissimi ragazzi a morire.

    La guerra è troppo assurda e non necessaria;se come umanità non lo abbiamo ancora capito,che cosa ci deve

    succedere ancora?

    Saluto tutti i frequentatori di questo bellissimo blog.

    Ciao Franz,sei una cara persona.

  • finchè gli afghanistani continueranno a maltrattare e uccidere donne per futili motivi, per me possono restare lì i nostri soldati a farne fuori il più possibile questi maiali schifosi degli afghanistani ! non vedete che è già un paese finito nella merda più totale, a tal punto che perfino i bambini li mettono tra le armi ?? a me spiace dirlo ma fino a quando non cambieranno i bastardi dovranno pagare, ah se pagheranno !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate