Fukushima: altri due reattori in fusione. Ma guarda che caso strano…

Ieri la Tepco ha ammesso che altri due reattori della centrale di Fukushima hanno subito la fusione del nocciolo, per quanto non completa.

Eppure, stando alle fonti ufficiali, fino al giorno prima la situazione era ben diversa e il problema era sotto controllo, mentre oggi, guarda caso, i reattori in fusione non sono più uno, ma tre!

Ma la domanda fondamentale è: come mai l’hanno ammesso? E perchè proprio ora che il mondo quasi non si ricorda più del problema?

Per me c’è solo un motivo perchè siano venuti allo scoperto: i danni devono essere diventati talmente ingenti da rendere indispensabile il coming out.

Aspettiamocene delle altre di ammissioni di questo tipo, perchè è dall’inizio della vicenda che la Tepco sta facendo carte false per non far sapere al mondo cosa ha prodotto con la sua merda nucleare.

E questo non è complottismo ma sale in zucca.

Eppure, in tutto il mondo, gli stronzi disinformatori di professione continuano a martellare su blog, giornali, trasmissioni e ogni genere di media, minimizzando o addirittura negando l’evidenza.

Io mi chiedo: se negare un fatto storico come il massacro degli ebrei è diventato un reato, perchè non dovrebbe diventarlo anche tentare di negare o minimizzare la gravità di disastri quali quello di Fukushima?

Comunque sia, nel frattempo, non dimentichiamoci che tra pochi giorni c’è un referendum, con il quale potremmo fermare impedire a questa farsa di governo di piantare una marea di centrali nucleari sul nostro territorio.

Non facciamoci fregare dai negazionisti dell’evidenza, da coloro che ci vorrebbero completamente idioti e succubi, solo per fare il cazzo che pare a loro: vediamo di non fare la solita figura di merda: andiamo a votare e facciamo capire a queste persone che siamo noi a comandare, non loro.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

1 Comment

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.