I geni dell’inquinamento: in tangenziale a 70 all’ora

Sul Corrriere di oggi la notizia dell’introduzione da lunedi prossimo del limite di velocità a 70 all’ora su tangenziali e provinciali di Milano.

La cosa secondo l’amministrazione cittadina, dovrebbe ridurre l’inquinamento.

Peccato che, andando a 70 all’ora invece che a 90, le auto staranno in moto il 22% di tempo in più. E andando  a una velocità del 22% inferiore, non credo proprio che i pur ridotti giri del motore produrranno molte meno scorie.

Non mi pare che ci voglia una particolare intelligenza per capire che l’ennesima trovata per ridurre l’inquinamento non avrà effetto se non minimo, mentre invece servirà ad allungare i già impensabili tempi di transito sulle strade.

Ma d’altronde il fatto che ovunque nelle altre nazioni si sia da tempo rinunciato a sistemi come questi significa solo che gli altri sono tutti idioti, no?

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

3 Comments

  1. Blushaft / wfal ha detto:

    Interventi demagogici per tenere buono il popolo ed il suo allarmismo…..
    Poi che tecnicamente non serva un cazzo….non gliene frega a nessuno….
    in ogni caso l’amministrazione qualcosa ha fatto !!!!
    E come immagine risulta in ordine ed a posto….

    BOh…E’ da tanto tempo che mi chiedo come fa a stare in piedi questa Italia !!!!!
    O siamo al limite del baratro ???

  2. Pirata ha detto:

    Infatti non sta mica tanto in piedi…

  3. Sting ha detto:

    Nella realtà, i 70 Km/h sono di fatto un miraggio nelle ora di punta, in altri orari già i 90 non venivano rispettati, voglio capire come la Moratti farà rispettare i 70 in una tangenziale a 3 corsie!!
    Inutile sottolineare che da decenni, nessuno ha voluto pianificare viabilità ordinaria, trasporti pubblici, piste ciclabili realmente utilizzabili. Per non parlare del depuratore delle acque fognarie.
    Adesso sopprimono i treni pendolari, che già andavano come andavano, e poi pensano alle targhe alterne.
    Citando “Il Franz”: Ma vaffanculo, và!

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.