Il silenzio dei colpevoli: quali sono le cause delle recenti morie di animali?

Non mi sembra il caso di fare l’elenco, ma di recente ce li ricordiamo tutti gli episodi di morie varie in giro per il mondo, i merli e i pesci negliUSA,i granchi inUK, ancora i pesci in brasile, uccelli vari in caduta libera in Svezia, Italia e le api in tutto il mondo.

Una parola da parte del mondo accademico? Maddeche… sono stati i fuochi di capodanno.

Una parola da parte dei governi? Ma quando… stiamo facendo le opportune indagini.

Giornali pieni di cagate, di notizie assurde, di informazione tendenziosa e iniqua, ma su questo argomento neppure una parola.

Ormai è l’unico modo per capire che qualcosa è importante e degno di attenzione è osservare se i media ne parlano.

Più succede e meno la cosa è significativa, più tacciono e più è importante.

Un po’ come i film  in gara a Venezia. Più li premiano e più fanno cagare!

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

1 Comment

  1. Artos ha detto:

    Ciao Franz, quello che sta succedendo è veramente importante e pure preoccupante. Secondo me le ipotesi sono due. La prima i mezzi di informazione fanno parte dei poteri forti e quindi non possono parlare. La seconda voluta da una volontà esterna all’uomo. La prima ipotesi con l’utilizzo da parte dei governi mondiali di tecnologie conosciute o sconosciute es. H.A.A.R.P, scie chimiche etc. etc. La seconda ipotesi siccome non sanno di che si tratta non possono parlare.La seconda ipotesi per i ricercatore potrebbe darsi che sia dovuta ai combiamenti in atto a livello universale, magari a un cambio a una ottava superiore di questo universo. Siccome il pianeta terra e questo sistema solare ne fanno parte si stanno adeguando a un passaggio di frequenza a una ottava superiore. Gli esseri viventi sopra e sotto la terra compreso le acque si stanno edeguando pure loro altrimenti muoiono. Ciao

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.