Italia moralista? No, è chi decide ad esserlo: lo spot renault censurato

Lo vedete cliccando sull’immagine qui a sinistra, l’ultimo spot di renault censurato da RAI e  Mediaset. Cosa cazzo ci sarà di scandaloso? NIENTE! Eppure questi moralisti del cazzo l’hanno censurato.

Ma il bello è che non credo che l’atmosfera presunta lesbo di questo spot abbia offeso o scandalizzato nessuno.

Sono loro, quelli che decidono ogni giorno di quali cazzate parlare, ad essere degli ignobili quanto ipocriti bacchettoni. Censurano uno spot come questo ma lasciano passare autentiche porcate come quelle che ormai infestano continuamente i loro palinsesti.

Io non guardo più la TV da parecchio, quasi non mi ricordo più come si accende. Al massimo qualche film, ma di certo non quelli su RAI e Mediaset, regolarmente arcaici i primi, insopportabili per la pubblicità i secondi.

La RAI e la sua insopportabile demagogia sono il vero scandalo, così come il canone di pagamento, cammuffato da tassa di proprietà, unico caso al mondo. Mediaset ed i suoi palinsesti gonfi di advertising dal volume che si alza a vette insopportabili.

Loro si che sarebbero da censurare.

Non due belle ragazze che manco si sfiorano.

Ma vaffanculo, va’!

Condividi
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

5 Comments

  1. lucia ha detto:

    Ho piacere di unirmi all’esortazione finale, se mi consenti…

  2. Alessia ha detto:

    Se mi è permesso, invece, vorrei essere una voce fuori dal coro… e dire che ogni tanto un “pizzico” di censura ci sta bene. Perchè, anche chi si indigna per la censura, è spesso ipocritamente influenzato da quelli che sono i propri parametri di valutazione: ovvio che chi vorrebbe vedere donne nude dappertutto si indigna se censurano uno spot dove per vendere, per esempio, uno yogurt si usa il corpo femminile (chissà se con uomo la vederebbero nello stesso modo….); ovvio che chi ha nella testa pensieri eccitanti nell’immaginare una situazione saffica si indigna se lo spot dell’auto viene censurato….Chissà perchè sono sempre le donne a fare da oggetto, in un verso o nell’altro. E indignarsi lo trovo davvero ipocrita!

    • franz ha detto:

      Apperò… certo che non hai peli sulla lingua… In breve, potrei risponderti che il senso del post era un altro, ma non lo farò.
      Potrei anche risponderti che il femminismo è idiota almeno tanto quanto il maschilismo, ma non farò neppure questo.
      Quello che farò è farti notare che a furia di andare in giro col paraocchi, la gente finisce per non vedere neppure quello che ha proprio davanti, ovvero, in genere, il muro della propria ignoranza e del proprio moralismo, un muro che, alla lunga, porta sempre all’essere strumentalizzati, pur convinti di essere liberi.
      E questo non è ipocrita.
      E’ demenziale.
      Buon natale e grazie del passaggio e del commento!
      :bye:

  3. gattoff ha detto:

    L’Italia della doppia morale ha colpito ancora. In mezzo ad un diluvio di tette, culi, squallidi comportamenti ed altrettanto squallidi linguaggi si va a colpire uno spot che se non altro ha il pregio della originalità. :snapshot:

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.