Assange arrestato a Londra

Secondo il Washington Post, Assange si sarebbe costituito questa mattina presso un commissariato inglese, dove sarebbe stato immediatamente preso in consegna. Come si capisce dall’articolo, dietro la cosa fervono tonnellate di accordi, su cui molto probabilmente non sapremo mai la verità.

Senza tirare in ballo fantasiose teorie, è ovvio che, se gli Stati Uniti avessero voluto davvero fermare Assange, Wikileaks o entrambi, non avrebbbero avuto alcuna difficoltà a farlo.

Ergo, se non l’hanno fatto un motivo ci deve essere. Così come un motivo ci deve essere dietro la costituzione di Assange questa mattina, dato che, finora, non aveva avuto alcun problema a rimanere nell’ombra.

Tutta questa storia mi sa tanto dell’ennesima, tristissima coglionata a sfondo planetario.

E discuterne, sinceramente, non vale neppure la saliva per un pernacchio.

E se è per questo, neppure una scorreggia in memoriam.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

2 Comments

  1. White Knight ha detto:

    A “FRITZE” e mo che fai me stai a ddà raggione… ANVEDI!!! :mrgreen:

    • franz ha detto:

      Cambiano le condizioni al contorno… e anche la mia voglia di fare… Mai detto di essere uno che non cambia idea (ogni tanto)… 🙂

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.