Wikileaks: istruzioni per l’uso

Wikileaks fa tremare il mondo. Sputtana tutti alla grande, svelando quelle cose che i governi vorrebbero davvero tenere per se’.

Nulla di fantascientifico, niente UFO, cerchi nel grano o altri complotti o ipotesi varie; semplicemente svela quello che i vari organi governativi si dicono.

Il che, è peggio, molto peggio, di qualunque cosa, perchè i governi fanno tutto in modo occulto e spesso e volentieri si tratta di autentiche porcate.

Ecco perchè il mondo trema quando wikileaks parla.

Ma come si fa rovistare tra le tonnellate di materiale pubblicato dal sito? WL infatti non mette le notizie in prima pagina, non più di tanto. Semplicemente mette a disposizione tutto quanto in un database interrogabile a piacimento.

La navigazione è molto semplice: innanzitutto occorre andare sul sito: lo trovate a questo link: http://www.wikileaks.org. Nella barra di sinistra potete scegliere di esplorare l’archivio più famoso, riguardante la gerra in Iraq.

Se invece volete esplorare l’ultimo leak, ovvero quello di cui parlano i giornali da un paio di settimane e in particolare questa mattina, dovete andare a questo indirizzo:

http://cablegate.wikileaks.org.

La navigazione è un po’ meno dettagliata, ma volendo potete scaricare l’intero archivio via bittorrent. Una volta scompattato sul desktop avrete praticamente l’archivio completo in locale.

Facile ed efficiente.

Buon divertimento!

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

4 Comments

  1. White Knight ha detto:

    Mmmmhh…. e se anche tutta la storia di Wikileaks non fosse che un ennesimo “specchietto per le allodole”!? Col solo scopo di distrarre l’opinione pubblica mondiale da qualche altra porcata ma gari imminente a medio o breve termine!?
    Non ti sembra un po strano che proprio ora dopo che “DA SEMPRE” i governi e relativi governanti nascondono al popolo come stanno realmente le cose salti fuori la possibilità per chiunque di poter andare a rimestare la merda governativa comodamente e da casa, quando fino all’altro ieri ci volevano degli Haker con i contro cazzi per riuscire a carpire qualche briciola di verità la quale per altro era quasi subito smentita puntualmente dall’organo di pubbliche relazioni del detto governo?
    Mah… sarà…. però mi pare tutto un po troppo CAUSALE per ritenerlo una CASUALITA’!!! :warrior:

    • franz ha detto:

      Il che potrebbe avere anche un senso. Però ho visto in questi ultimi mesi diverse manovre per stendere Wikileaks, tutte andate a vuoto. Potrebbe essere seria, potrebbe essere una bufala… ma mi pare che si possa propendere per la prima ipotesi… con una certa prudenza, ovviamente!

  2. fred ha detto:

    Grazie Franz”amato dai lettori”.
    Ho seguito i passi, ma la rete è stracarica di curiosoni come noi! Mica facile entrarci (in certe ore forse).
    Tutto da prendere con i dovuti riguardi, ma – seppur non totalmente – una buona parte risponde all’originale, con buona rassegnazione del mondo intero che si ritrova governanti di così scadente qualità!
    Saluti spioni :unbelieve:

  3. uniroma.tv ha detto:

    Docenti e giornalisti si sono riuniti al DAMS di RomaTre per discutere dei 7 interrogativi di Wikileaks. Qui il nostro servizio:
    http://www.uniroma.tv/?id_video=18015

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.