Al bando gli additivi delle sigarette? Voglio proprio vedere…

Era un film con Russel Crowe, The Insider. La storia di un chimico che compare in un Talk Show americano per denunciare la politica delle multinazionali del tabacco, che continuano ad infarcire le sigarette di additivi di ogni genere per rendere le proprie sigarette più piacevoli o, come denunciato nel film, per aumentare la dipendenza in chi le fuma.

Senza quegli additivi non si spiegherebbe la differenza colossale di sapore tra sigarette di diverse marche, così come non ci si spiegherebbe perchè con alcune marche viene voglia di fumarne una dietro l’altra.

Ieri l’OMS ha ratificato una decisione storica: Big Tobacco (l’equivalente di Big Pharma per le sigarette, ovvero l’insieme delle muiltinazionali del fumo) dovrà rinunciare agli additivi che attualmente ficca in dosi massicce nei propri prodotti.

Nel film il personaggio di Russel Crowe viene minacciato e sottoposto ad ogni genere di violenza psicologica e attentato da parte di Big Tobacco.

Nella realtà, dopo questa decisione dell’OMS bisogna vedere se le varie multinazionali accetteranno di metterla in atto o continueranno soavemente a sbattersene ampiamente, come hanno fatto finora.

Personalmente ritengo molto più proabile la seconda, tanto più che quelli dell’OMS non sono esattamente famosi per la forza autoritaria.

Quello che ritengo è che questi proclami non siano altro che parole, volte ad un pubblico sempre più ignaro e ignavo.

– E chi se ne frega di quello che dice l’OMS? Tanto tra due giorni nessuno si ricorderà più di quello che hannno detto. –

Secondo me questo è il pensiero di Big Tobacco che, a quanto pare al contrario di enti come l’OMS, è perfettamente consapevole del potere che detiene grazie all’impressionante fatturato su cui può far conto.

Così come ne sono consapevoli i governi che continuano ad aumentare i prezzi delle sigarette con la scusa di volerne diminuire il consumo, mentre invece si riempiono le tasche con le relative accise.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

3 Comments

  1. Sciuscia ha detto:

    La penso come te… zero speranze.

  2. Ailinen ha detto:

    Ahahah…. Certo faranno i buoni e toglieranno tutte le cose che rendono buone le sigarette…. Ahahahahahahahahahahahah

  3. Sting ha detto:

    Ma, la “terza via”?
    Smetterla di soffocare corpo e anima con puzzolenti miasmi, no eh?
    Troppa fatica? Troppa indolenza? Scarse motivazioni?
    Com’è la faccenda, signori fumatori?
    Osservare la dinamiche che portano la sigaretta alle labbra, comprenderne il significato e agire per andare “oltre”, è una superba sfida contro la meccanicità, verso l’osservazione si sé e dell’agire consapevole.
    Provare per credere.
    E poi che Big Tobacco metta le “bionde” tutte in fila e se le ficchi su per il……. :kissmyass:

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.