Amazon ritira il manuale del pedofilo. E perchè l’hanno pubblicato?

Veramente un segno di questi tempi… vogliamo dirlo? Ma si, diciamolo: di merda!

Amazon pubblica un libro dal titolo “Il manuale del pedofilo”. Poi si scatena un inferno di critiche da parte del pubblico e il colosso decide di renderne impossibile l’acquisto.

Di fronte alle comprensibili critiche, Amazon si difende dietro un (è il caso di dirlo: osceno!) “Noi non censuriamo nessuno”.

Poi leggi l’articolo e scopri che il libro incriminato è uno di quelli pubblicati a spese dell’autore, con divisione fifty-fifty dei profitti.

Ergo si deduce che Amazon, pur di incassare i soldi pagati dall’autore e la seguente mezza sulle vendite, è passata sopra qualunque principio etico, morale, civile o anche semplicemente umano, accettando per denaro di pubblicare un libro che farebbe ribaltare nella fossa anche Gutenberg, il cui contenuto, a quanto affermano i vari articoli in rete, semplicemente inneggia all’innocenza di quegli schifosi abominii che sono i pedofili, offrendo anche consigli su come evitare di incorrere nelle sanzioni previste dalla legge.

Dopodiche si nasconde dietro il paravento di quellli che non vogliono censurare nessuno.

Il dio denaro che si fa difendere dal buonismo di merda.

Gran bella accoppiata, non c’è che dire!

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

9 Comments

  1. Ailinen ha detto:

    Ma stiamo scherzando? Ora per i soldi pubblicano anche i video? Ma che schifo. Io metterei in galera sia chi l’ha scritto che chi l’ha pubblicato… è__é

  2. Blushaft / wfal ha detto:

    …magari è solo un giro di pubblicità, negativa, ma che fa parlare di se…..tipo le fotografie di Oliviero Toscani per Benetton….fanno il botto….e poi sanno che dovranno ritirare tutto….però il passaggio in tutti i media cè stato…..
    o magari che ne sappiamo, chi ha detto si alla pubblicazione condivide quelle inclinazioni….

    • Ailinen ha detto:

      Però l’ha pubblicato. Un editore serio (anche a pagamento) non dovrebbe pubblciare spazzatura del genere, come se la pedofilia fosse una cosa normale.
      Fosse stato un libro sul fenomeno posso capire, ma non uno schifo così.
      Oliviero Toscani e questo schifoso libro sono due cose diametralmente opposte. Oliviero Toscani ha fatto foto che dovrebbero fare pensare alle persone, questo schifoso libro è un inneggiamento a qualcosa di abberrante.

  3. vito ha detto:

    ormai sulla terra vige solo la legge del denaro…. tu paghi…allora puoi!!! un vero schifo per la dignità di gente con valori come: rispetto, famiglia, pace!! tutto questo va buttato letteralmente nel cesso per quadrare i rendiconti trimestrali di grandi aziende…

  4. fred ha detto:

    Pur non sorprendendomi più di nulla (per via dei capelli grigi che tanto hanno gia visto e udito) resto disgustato, miseramente piegato su me stesso! La diabolica affermazione che “si tratta di una guida” in quanto, tutto sommato, il pedofilo ama i bambini… mi impone una sola domanda: ma tu ti senti in diritto di violare tutto ciò che ami?
    Saluti :unbelieve:

  5. Donatilla ha detto:

    …tutto ciò mi fa vomitare….
    Evviva la semplicità e il sorriso di quelle persone che non hanno nulla o poco di beni materiali, ma sono ricchissimi di sentimento e di amore…

  6. Mr Korn Flakes ha detto:

    Da quanto ho letto il libro è stato venduto una sola volta, quindi a polemizzare è gente che non sa cosa ci sia scritto. Io non mi esprimo circa il contenuto del libro per un semplice motivo: non l’ho letto!

  7. Luna ha detto:

    Nemmeno io l’ho letto, ma viste le argomentazioni del suo autore sicuramente non parla di giardinaggio… -_-

    • Mr Korn Flakes ha detto:

      Sì, d’accordo, ma bisogna vedere esattamente cos’ha scritto e come l’ha scritto. Sia Dracula che Twilight parlano di vampiri, ma fra un libro e l’altro c’è un abisso. Se si limita ad incitare la pedofilia il disgusto è legittimo, se invece racconta il problema dal punto di vista del pedofilo può anche essere interessante. Tutto ciò che abbiamo sono un paio di frasi estrapolate, direi che non basta.

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.