L’attimo fuggente… è proprio veloce!

PREMESSA:  per coloro che pensano di conoscere già questa storia… arrivate in fondo al racconto!


L’aria nel dojo è ferma. Un filo di fumo, perfettamente verticale, si alza dall’unico bastoncino d’incenso infilzato al centro preciso della sabbia.

Silenzio.

Il monaco anziano, seduto a poca distanza dal suo migliore allievo, osserva e valuta la concentrazione del ragazzo. Il respiro lungo, molto lungo, sembra fermare anche il tempo.

Ad un certo punto, il monaco scioglie le mani dalla posizione e le mostra al giovane, con i palmi rivolti verso l’alto.

– Dimmi, mio giovane allievo… –

Il ragazzo alza solo leggermente le palpebre, fissandol’anziano dalla sottile fessura dei suoi occhi neri.

– Due mani che battono una contro l’altra fanno un rumore… – e così dicendo il monaco le batte effettivamente, producendo un forte schiocco, poi le rimette come prima, ancora con i palmi verso l’alto.

– Ma qual’è il suono prodotto da una sola mano? –

Prima ancora che sia terminata l’ultima parola, il giovane esclama:

– Più o meno questo… –

E con rapidità fulminea ficca un ceffone in piena faccia al vecchio.


Fu così che Rei Zai, monaco anziano, ottenne l’illuminazione.



Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.