Il Vaticano non molla: critiche per il Nobel al padre della fecondazione in provetta

Il premio NobelE ti pareva… anche sul Nobel devono dire la loro. Il Vaticano non molla e critica l’assegnazione del Nobel a Robert Edwards, pioniere della fecondazione artificiale.

Secondo monsignor Ignacio Carrasco de Paula infatti, sarebbe colpa dello scienziato se oggi si assiste ai fenomeni del mercato degli ovociti e dei figli nati da madri in affitto.

Ora, a parte il fatto che il Vaticano personalmente a me ormai può dire quello che vuole che tanto me ne frego altamente, quello che trovo discutibile è il fatto che la Chiesa, pur di tirare l’acqua al suo mulino, giri il banbino nella culla, addossando alla scienza una responsabilità che, almeno questa volta, proprio non le può essere imputata.

Tutti i fenomeni legati alla fecondazione artificiale infatti sono principalmente da ascrivere a dei governi che continuano a mettere i bastoni tra le ruote a qualsiasi progresso abbia a che vedere con la procreazione, cosa che a parer mio fanno principalmente per motivi demagocici esclusivamente dovuti alla volontà di stare dietro alle assurde quanto reazionarie posizioni cattoliche.

In secondo luogo, quando i governi anche non avessero la responsabilità di cui sopra, ci sarebbe da tirare in ballo l’assurdità del comportamento del tutto anormale delle persone che, pur di avere un figlio, magari anche a 60 anni, quando non ci riescono con metodi naturali si danno alla fecondazione artificiale anziche adottare un qualsiasi bimbo di quelli che, intanto che il Vaticano si straccia le vesti, continuano a crepare di fame in giro per il mondo.

Infine, sulle cause della difficoltà ad avere figli, ci sarebbe parecchio da dire su un fenomeno che, almeno a parer mio, trae la maggior parte delle sue origini nello stile di vita completamente innaturale, nelle porcate che, volenti o nolenti, ci tocca ingurgitare fin dalla tenera età e nel progressivo allontanamento della razza umana da una natura che peraltro stenta sempre di più a sopravvivere.

Detto tutto questo, mi viene proprio da chiedermi se il presidente della Pontificia Accademia per la Vita abbia mai pensato a questi aspetti, non dico tanto… almeno una volta nella sua vita.

Personalmente spero di no, almeno avrebbe una scusante per la sua affermazione.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

10 Comments

  1. Ailinen ha detto:

    Perchè pensano prima di parlare? <<''

  2. pandoro ha detto:

    orribili figli di vacca!!!!!!!!!

    Se rileggo quel che hanno detto mi vien voglia di passarli per le armi. Accusare Edwards di essere «la causa del mercato degli ovociti» è come dire che Fermi è causa di Hiroshima o Faraday della sedia elettrica. Mescolano la scoperta con l’ uso che se ne fa. Devono estinguersi tutti! Se esiste un Dio, ci liberi da questi porci

  3. Mr Korn Flakes ha detto:

    A questo punto la comunità scientifica dovrebbe mettere bocca su ogni beatificazione o elezione di un Papa.
    Così, giusto per far capire al Vaticano cosa si prova.

  4. Pirata ha detto:

    Io mi sto kiedendo come possono sentirsi quei 4 milioni di persone concepite in provetta, sopratutto quelli, tra questi, che sono osservanti cattolici…

  5. White Knight ha detto:

    Uhhmmm…. Non è che ci si debba stupire più di tanto oramai…..
    D’altronde è ben noto quale sia il modus pensandi ed agendi del “Grande Ratzinger” (o era Mazzinger? mah…) & company no!? :cat:

  6. White Knight ha detto:

    PS: Ad ogni modo a Me di cosa pensa dice e fa la Chiesa Cattolica non me ne può fregar di meno, anche perché io ho un’altra Fede… “ADORO la FIGA”!!! :finger:

    • Franz ha detto:

      Ti stai ripetendo, oltre a esagerare con la quantità di commenti. Moderati da solo, prima che tocchi a me farlo. Thanks! 👿

      • White Knight ha detto:

        e va ben ho capito che stasera proprio non è serata!!! :suicide:
        Comunque farò il possibile!!!
        ciao! :drunk:

  7. Il Veronesi ha detto:

    Chissà se ha commentato anche il nobel a Kissinger nel ’73…

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.