Flash del giorno: Radio Vaticana e il nesso con i tumori

radio_vaticana_6_grandeUna volta, molti anni fa, non era raro trovare in giro per Milano la scritta:

“IL VATICANO TI UCCIDE CON L’ONDA”

Ancora oggi non so chi fosse l’autore di quei graffiti ma, evidentemente, qualcosa di profetico doveva avere tra i suoi geni.

La notizia infatti, pur se tenuta accuratamente nelle retrovie, è comunque trapelata: il Gip di Roma ha appena convalidato con una perizia il legame tra le morti avvenute tra il 1990 e il 2003 nel comune di Cesano, vicino a Roma e l’inquinamento elettromagnetico prodotto dalle emissioni di Radio Vaticana, emissioni sotto accusa da sempre.

In buona sostanza la perizia ammette e prova il nesso tra il tasso di tumori e linfomi degli abitanti le zone limitrofe all’emittente (tre volte superiori alla norma di quella zona, e le radiazioni emesse dall’emittente stessa.

E si, la Chiesa quando si tratta di pubblicità non sta mica lì a pettinare le bambole!


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

2 Comments

  1. jackill ha detto:

    Ricordo che avevano fatto un documentario, alcuni giornalisti, questo, parecchi anni fà,ma la cosa morì nel silenzio più assoluto,il vaticano ha sempre negato l’evidenza,sbattendosene i coglioni dei bambini colpiti dal tumore e quasi tutti morti.
    Se il Dio di cui loro parlano esistesse veramente li avrebbe già fulminati.

  2. Roberto Rini ha detto:

    ehhhh..ma cosa saranno mai un centinaio (migliaio) di malati di tumore o di persone a rischio….contro la diffusione del Verbo di Papa Razzo 16° e ancora prima quello dei suoi illustri predecessori??!?..ossuvvia…si sa.. bisogna soffrire no?..il Cristo è morto in croce..e voi non volete patire qualche ondetta..maddai…

    ps:..mortacci loro..la Vaticano s.p.a. ha sempre avuto ottimi avvocati però…oltre che l’incondizioanto e remunerativo appoggio della classe dirigente di destra-sinistra-centro…

    Radio Maria si prende pure in Libia!

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.