Marea Nera: il CEO di BP lapidato in diretta dalle domande della commissione

marea01gSi, negli Stati Uniti si può fare: demolire pubblicamente l’immagine di qualcuno che, di fatto, ha prodotto il più grave disastro ambientale della storia.

E’ successo ieri, durante l’audizione del CEO di BP, John Hayward, massacrato senza pietà davanti a milioni di spettatori dalle accuse della commissione d’inchiesta, a cui non è stato minimamente in grado di rispondere.

Gli Stati Uniti hanno un sacco di difetti, veramente tanti. Lì gli squali hanno denti davvero aguzzi e nessuna pietà e ti basta fare una cazzata qualunque per finire in mezzo alla strada, solo per dirne una.

Però c’è anche il rovescio della medaglia: le commissioni d’inchiesta hanno ancora un motivo d’esistere, e nella stragrande maggioranza dei casi chiunque può dire la sua, e molti giornalisti fanno ancora il loro lavoro vero raccontando, spesso in modo fin troppo impietoso, le stronzate delle varie amministrazioni.

Si, gli States sono dei bambini con in mano un mitra, il potere lobbistico è straordinariamente forte e la corruzione così diffusa da risultare endemica.

Per contro però chi delinque deve stare molto attento, perchè negli USA vige la legge per cui fino a che non ti beccano nessuno può dire nulla. Ma se qualcuno dimostra che hai fatto una cazzata allora non hai più scampo.

Ve lo ricordate Clinton che fine ha fatto per il sospetto di un pompino?

E’ vero, negli USA il pettegolezzo professionale è tremendo, i giochi di potere sono estremamente sporchi e le conseguenze per il mondo del lavoro assolutamente deprecabili.

Ma il coverage cosiddetto, la copertura verso chi delinque, proprio per questo arriva fino ad un certo punto: dopo che un giornale ti sputtana, tutte le coperture cadono, tutti gli aiuti si defilano.

Negli Stati Uniti la stampa difficilmente può essere imbavagliata. Perchè toccare un giornalista è quasi peggio che toccare un poliziotto.

Gli USA avranno tanti difetti, ma di certo non vige la pusillanimità.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

6 Comments

  1. Ailinen ha detto:

    Sono contenta che almeno i giornalisti abbiano fatto il loro lavoro.

    Non mertiava altro… èé

  2. bestie umane ha detto:

    finche non vedo e non sento, io non credo! anche qui i nostri giornalisti hanno scritto che obbbama nel suo discorso e’ stato durissimo con la bp……
    io vorrei vederli solo in GALERA quelli… e a vita!!!! e intanto il disastro va avanti mentre i nostri giornalisti complici non ne parlano assolutamente…

  3. msm68c ha detto:

    nel frattempo la gestione (pessima) del lavoro di chiusura della falla resta sempre in mano a BP !

    obama è stato una grande promessa per gli stati uniti e per il mondo … e tale resta.

    a conferma che chi ha “potere” sta da un’altra parte.

  4. Iodice Generoso ha detto:

    E che caspita GESU’ dice di perdonare l’ adulterio e loro se ne approfittano,secondo me hanno fatto bene.

  5. Il Veronesi ha detto:

    Ma… è una mia impressione o nessuno dei commenti ha alcun senso? Ragazzi, cosa sta succedendo? O ho perso l’uso della ragione oppure avete scritto solo frasi che non hanno significato, che non stanno in piedi logicamente. Fatemi capire.
    :unbelieve:

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.