Marea Nera: la perdita peggiora!

PH2010061203142Trovate tutta la notizia su questo articolo del Washington Post: non solo la perdita di petrolio non si ferma ma, addirittura, peggiora!

Le stime sulla quantità di petrolio sparsa in mare sono state drammaticamente riviste nelle ultime ore, portandosi dal precedente range (12.500 -50.000 galloni/giorno) all’astronomica cifra di 35.000 – 60.000 galloni al giorno.

Pensate che la stima iniziale della guardia costiera era stata di 5.000!

Per giunta le operazioni di contenimento sono state interrotte oggi per alcune ore a causa di una delle navi d’appoggio che è andata in fiamme.

Sembra che la BP sia riuscita a causare il più grave disastro ambientale della storia dell’umanità ma, ovviamente, finora nessuno è finito in galera.

Facciamo attenzione, perchè questo disastro segnerà la storia del nostro pianeta nei secoli a venire.

Dovremo ricordarci, nel momento in cui ci troveremo a bere acqua e idrocarburi, che la causa non è il destino avverso, la sfiga incombente o altro.

No: la causa è di un disgraziato che ha deciso di risparmiare qualche milione di dollari!


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

13 Comments

  1. Giuseppe ha detto:

    :headout:

  2. Artos ha detto:

    Quello che sta succedendo nel mondo oggi vedi catastrofi ecologiche, crolli finanziari, poca democrazia etc..avrà l’effetto di produrre energia pulita, di far sviluppare la finanza etica, di produrre cibo e medicinali in modo differente rispetto ad ora.
    Si parla sempre più insistentemente si energie alternative e magari nel prossimo autunno qualche scossone finanziario o qualche dura protesta (sperando sempre pacifica e senza vittime)accelererà l’entrata in questa nuova ottica planetaria.
    Negli U.s.a., in Germania, Francia, Cina, Spagna, Gran Bretagna etc. le imprese hanno da tempo cominciato questo processo di rinnovamento; in Italia no.
    Solamente in una piccola parte di finanza etica o nelle Banche a Cretito Cooperativo è rintracciabile questa nuova voglia di rinnovamento, ma per il resto non è stato ancora fatto nulla.
    Come farà l’Italia a progredire e a procurare nuovi posti di lavoro considerato che non possiede fabbriche con nuove tecnologie? Cosa hanno fatto i nostri politici fino ad ora? Dove hanno investito i nostri soldi?
    Speriamo almeno che gli attuali poteri forti composti da gente retrograda si tolgano di mezzo.

  3. Il Veronesi ha detto:

    :unbelieve:

  4. Fabio ha detto:

    mmm.. ma questa l’avete letta?

    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7151

    …magari potrebbe essere UNA delle ragioni di tale “inspiegabile” incapacità ad arginare questa immensa catastrofe ambientale….

  5. Artos ha detto:

    Ciao franz, sto avendo la conferma che Obama non la pensa come quelli che compiono omicidi, catastrofi etc.
    L’altro giorno ha dichiarato che il recente disastro ecologico è paragonabile all’11 Settembre. E’ un chiaro segnale ai catastrofisti che lui non è schierato dalla loro parte o quelli della rosa rossa o altri simboli.
    In merito a questa associazione, in italia sta indagando il Dott. Paolo Franceschetti http://paolofranceschetti.blogspot.com/ e a questo proposito, c’è un articolo su http//scienzamarcia.blogspot.com il (servizio del 14 Giugno 2010).
    Ciao

  6. bestie umane ha detto:

    obbbama santo subito!! e’ venuto per salvare il mondo. ma vaffan……

  7. bestie umane ha detto:

    se il nostro pianeta e’ conciato cosi’ e’ perche gli idioti sono in maggioranza e santificano i girafrittate e i criminali. non ho parole….

    • Artos ha detto:

      ciao bestie umane, io non ho detto che Obama è un santo, ho detto che non sta dalla parte degli oscuri. Spero di scoprire chi sono i bianchi di Obama. Alla fine magari chi comanda gli oscuri e i bianchi sono i mezzi scuri e i mezzi bianchi però si sapranno i nomi di chi stà dietro le quinte. chi cerca trova. Ciao

  8. Giuseppe ha detto:

    A proposito di energie rinnovabili e di nuovi posti di lavoro io un’idea ce l’avrei: smantellare tutto ciò che l’uomo ha costruito fin’ora (salvo pochi reperti archeologici di rara bellezza, come le Piramidi, e ricostruirlo da capo a fondo, con più saggezza, senso della bellezza, dell’efficienza e del ripetto per il pianeta.
    Altro che un milione di posti di lavoro, ce ne sarebbe per tutti. Ci sarebbe davvero da divertirsi. Tutto ex novo!!! :smoking:

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.