Un altro motivo per cui Steve Jobs mi sta cordialmente sulle palle! - Franz's Blog

Un altro motivo per cui Steve Jobs mi sta cordialmente sulle palle!

steve-jobs… è rappresentato da questo articolo di ieri su Repubblica, in cui Steve Jobs dimostra di avere talmente tanto pelo sullo stomaco che per avvicinarsi a meno di cento metri serve una motofalciatrice!

Quest’uomo totalmente senza coscienza (e basta guardarlo negli occhi per rendersene conto), riesce a definire “carina” una fabbrica in cui i lavoratori si suicidano a catena, perchè devono lavorare 12 ore al giorno con uno stipendio a dir poco ridicolo.

E’ incredibile come Jobs evidenzi solo le caratteristiche strutturali della fabbrica, dotata di ogni comfort, senza fermarsi un attimo a pensare che, se uno lavora 12 ore al giorno, sarà dura che riesca ad approfittare dei suddetti incentivi.

Quando stai mezza giornata (nel senso letterale del termine) attaccato ad una catena di montaggio, sai che cazzo te ne frega se la fabbrica ha un cinema, la piscina e pure un esercito di zoccole d’alto bordo?

Capito perchè non compro niente da Apple?


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

13 risposte a Un altro motivo per cui Steve Jobs mi sta cordialmente sulle palle!

  • Perchè non va lui a lavorare nella catena di montaggio per 12 ore al giorno e non prova a usufruire di tutte le amenità della fabbrica? èé

  • caro Franz,
    come ben sai io sono utente Apple.E come ben sai sono uno che le 12 ore le passa abbondantemente sul lavoro….Non me lo ha ordinato nessuno di lavorare così tanto…e se dovessi rapportare il mio reddito al tempo passato sul lavoro dovrei essere quasi milionario…infatti ti chiedevo questo?ma davvero ci sono le zoccole d’alto bordo in apple…dici che se mi trucco posso andare a fare uno stage???

  • A me già per i legami con Sequoia Capital, Don Valentino e la CIA tanta fiducia non me l’ha mai data… Però i mac sono belli!
    P.S.
    Il problema è che sta gente non ha la più pallida idea di come vive un uomo comune. Non è cattiveria è che appartengono ad una casta diversa e non possono nemmeno lontanamente immaginare. Un annetto in miniera credo possa servire. Boh…

  • Oh Veronesi! Qualcuno che dico io ti darebbe del comunista !!!
    Ma io sono d’accordo, si, un annetto in miniera… Forse anche solo un mese sarebbe sufficiente.

  • Ciao Vale! Sì, forse anche un mese. L’importante è che poi venga reintegrato esattamente al suo posto. Qualcosa di simile a Dickens col Canto di Natale. Secondo me serve sempre… Buon week end.
    P.S.
    Mai stato vicino al comunismo!!! Però in tanti hanno pensato il contrario…
    :nodpig:

    • Buon fine settimana anche a te!
      P.S.: George Orwell? Aveva visto bene! Ma quelle sono le logiche del potere, al di là dell’ideologia dietro la quale si nascondono e (purtroppo) sopravvivono…
      :nodpig:

  • Sono un felice utilizzatore dei prodotti Apple da parecchio tempo perche’ li trovo belli, semplici e piacevoli da usare.
    Non sto a entrare in merito a sentimenti di simpatia o antipatia verso i vari CEO di queste multinazionali che hanno ormai tentacoli ramificati in tutto il mondo.
    Se Jobs sta sulle palle direi che lo zio Gates non può’ essere da meno, fanno parte di quella categoria di “furboni”, magari anche intelligenti, che sono riusciti a creare un impero economico in brevissimo tempo.
    Sono convinto che entrambi lavorino più’ di 12 ore al giorno, forse anche mentre dormono ma ovviamente non per necessita’ economica, soltanto perche’ non sanno fare altro, hanno visto che nel lavoro hanno dei risultati gratificanti e continueranno a lavorare.
    Io vivo in Cina da parecchi anni e lavorare 12 ore qui e’ normalissimo, non c’e’ proprio niente di pazzesco, direi che ci sono cose assai peggiori per esempio bambini costretti a lavorare in luoghi molto più’ malsani, 7 giorni su 7 e forse anche per più’ di 12 ore al giorno e ovviamente senza salario. La maggior parte dei lavoratori perde il posto di lavoro quasi ogni anno se non ogni stagione, li licenziano appena trovano qualcuno disposto a lavorare di più’ e per meno e spesso lo trovano.
    Forse non tutti sanno che ormai la maggior parte di quello che utilizziamo tutti i giorni viene dall’estremo oriente o dai paesi poveri, anche le cose che meno ci si aspetta, i cibi per esempio che gli europei ignari ogni mattina ingoiano sotto forma di merendine, tortine, barrette vendute come fatte in casa con amore da nonna Adelina, tutte cose buone dall’orto dove ancora cinguettano i passerotti, verdure, frutta, prodotti biologici magari anche, letti, orologi, ferramenta, pietre, i giochi dei nostri bambini, di tutto e di più’.
    Sapete quanto costa un telecomando del Telepass? Li fanno qui in Cina e non credo vadano oltre ai 5 cent di euro, idem per tutti gli altri telecomandi dei vari cancelli automatici, hanno dei prezzi incredibilmente bassi ma a noi costano una cifra esorbitante quindi se andiamo a investigare in questo mondo sommerso e fuori dai riflettori scopriamo che, nascosti nell’ombra, ci sia un grande esercito di Bill Gates e Steve Jobs ancora più’ avidi e spietati. Penso che ognuno di noi abbia almeno un amico che fa soldi in questo modo.
    L’occidente ricco e viziato produce questi contrasti, vogliamo tutti i prodotti belli e a basso prezzo, dalla nuova auto al telefonino o qualsiasi altro gadget. L’unico modo possibile che le grandi marche hanno per accontentare la nostra fame sta nel tenere i prezzi bassi e per questo bisogna trovare qualcuno disposto a lavorare molto e per un salario basso. Fa parte del gioco, io non mi scandalizzo e non smettero’ di comprare i prodotti all’avanguardia, (preferibilmente della Apple) continuerò’ anche a chiedere un prezzo sempre più’ basso che mi permetta di comprare le cose che mi interessano.
    Penso che molti lavoratori Italiani (e non solo i lavoratori) dovrebbero fare un mesetto da queste parti, forse capirebbero molte cose e ritornando in Italia aiuterebbero il nostro paese a riprendere un po di quel vigore che ha perso.
    Porca miseria, scusate, ho esagerato un po’, se riuscivo a mettere tutto in due righe forse era meglio.

    • Guarda che non è per far spendere di meno ai clienti occidentali che i prodotti si fabbricano in Cina. Questo viene fatto per mantenere costante il margine per chi vende!
      Se davvero le case produttrici volessero abbassare i prezzi dei beni all’avanguardia tecnologica, basterebbe rinunciare ad una parte dell’incredibile margine di lucro che vogliono tenere a tutti i costi per se’!
      E poi ti rendo noto che quei figli di puttana che tu tanto tendi a giustificare, spuntano contratti con prezzi molto più elevati per fare la stessa cosa: mantenere il margine a livelli stratosferici. Potrebbero benissimo pagare il triplo i loro dipendenti senza che l’occidente faccia una piega, ma continuano ad affamare i loro lavoratori, a far lavorare bambini di dodici anni senza ritegno, a mantenere un’intera popolazione sotto il pugno di ferro di un governo tra i più schifosi che si sia visto su questo pianeta, in condizioni di ignoranza e isolamento totale, e in barba a qualunque diritto umano.
      Da quello che dici sui prodotti Apple che tanto ami comprare, deduco che non fai l’operaio, in Cina, però sostieni ugualmente che i nostri lavoratori dovrebbero provare a fare un mese nelle fabbriche cinesi “così si lamenterebbero di meno”?
      Credo che tu in Cina ci sia stato un po’ troppo…

    • Mah… scusami, ma citare la Cina non è furbissimo. Sì, i telepass costerebbero 5 centesimi, ok. Il problema è che poi chi lavora per loro si suicida (vedi la Foxconn, dove fanno un sacco di cosine per i Mac). Perciò credo che il problema è che in Cina dovrebbero acquisire un maggior rispetto per le persone (e quindi pagarli di più, concedere dei diritti essenziali, ecc.), qui dovrebbero far pagare meno i prodotti. E quindi il buon Jobs, insieme a Gates e compagnia bella, dovrebbero andarsene a fare in culo e lucrare un po’ meno sul nostro delirio mentale che ci fa acquistare qualunque cagata faccia lucine colorate e costi un botto e sul sistema giuridico di un Paese con una grande storia ed una più grande montagna di problemi. Mac produce in Cina a pochissimo e vende a tantissimo in Europa e USA. In mezzo c’è il potere di Jobs. Idem Gates, che poi va a fare il pirla coi semi in Norvegia…

    • Ok forse sono stato frainteso, volevo solo rendere noto che le grandi aziende non sono il peggio in queste cose, sono sotto i riflettori quindi sono costrette a non esagerare, DEVONO fare bella figura altrimenti hanno la stampa addosso, quindi sono convintissimo che nelle loro fabbriche tutto sommato non si stia cosi’ male solo che, se qualcuno si suicida, poco dopo tutti ne parlano.
      Nessuno dice niente invece di quei migliaia di personaggi nell’ombra, piu’ piccoli, che passano inosservati e che fanno ben di peggio ma MOLTO peggio e probabilmente sfruttano in maniera ben più’ sistematica e brutale spingendo al suicidio un numero di persone di gran lunga superiore.
      Io in Cina non vivo da ricco, per niente, non faccio l’operaio ma il mio lavoro e’ ugualmente difficile e tutt’altro che salutare, malgrado ciò’ fortunatamente riesco a guadagnare per vivere e per questo motivo sono solidale a questo popolo che mi ha adottato, mi permette di poter vivere, di parlare per condividere o criticare, discutere nella piena liberta’, riesco addirittura a cantare i Mantra insieme a loro senza che nessuno mi metta in prigione come in molti magari pensano.
      Sono qui per poter guadagnare in modo da pagare tutti i debiti accumulati da quando nel mondo musicale in Italia non si guadagna più’ un becco di un quattrino, una “crisi finanziaria” che dura da decenni e che vede ogni anno dimezzare gli introiti.
      Ho dedicato quasi l’intera vita alla musica ma ora nel mio paese non posso vivere di questo lavoro e le banche mi stanno spolpando di interessi, sono davvero stratosferici e da anni sono intrappolato in questo terribile meccanismo quindi di certo non compro tanti gadgets della Apple, non pensare cha faccia parte di quella categoria di fighetti che comprano i nuovi prodotti tanto per darsi un tono, prendo solo l’indispensabile per poter lavorare, niente di più’.
      Sono in disaccordo riguardo al fatto che le grandi marche abbiano introiti stratosferici, spesso e volentieri vanno a farsi fottere nel giro di pochi anni, sono più’ i singoli personaggi che accumulano denaro ma direi che nel mondo della finanza e nell’energetico ci siano persone alquanto più’ avide e crudeli, probabilmente queste persone non le vedremo mai nelle classifiche degli uomini piu’ ricchi del mondo.
      Il governo Cinese non l’ho mai visto (e non ci tengo neanche a vederlo) ma penso che a quei livelli tutti i governi siano pressoche’ uguali e spesso agiscono in modo antipopolare non solo in Cina ma in tutto il mondo, Italia compresa solo che e’ più’ facile criticare chi e’ lontano e irraggiungibile.
      Cito la Cina perché’ vivo qui e tocco con mano molte cose, ogni giorno, di certo non e’ un paese perfetto, tutt’altro, ma esiste forse un paese perfetto in questo mondo? Ogni nazione ha i suoi lati positivi e negativi.
      Un altra cosa riguardo ai suicidi, penso che ci siano pure tante persone agiate che si tolgono la vita, penso che i lavoratori delle miniere di carbone in giro per il mondo siano molto più’ disagiati dei lavoratori della Foxconn ma di quelli non gliene frega una sega a nessuno.
      Vedi, e’ molto facile scrivere ma poi nella sostanza dei fatti molto spesso le parole rimangono tali, delle seghe mentali che non producono niente di buono.
      Spero davvero di non essere frainteso, io stimo tantissimo Franz e spesso sostengo le sui iniziative che sono sempre ad altissimo livello ma secondo il mio punto di vista l’odio verso Steve Jobs o verso le varie multinazionali va evitato perché’ non porta a niente, questo ovviamente e’ il mio parere personale.
      Lo stesso discorso riguardo ai vari livelli della gerarchia umana, chi guadagna tanto e vuole sempre di più’ e per questo sfrutta gli altri senza pudore, chi invece si accontenta di meno quindi vive in modo più’ sobrio.
      Io ti garantisco che tantissimi cinesi nella fascia degli “sfruttati” se ne stanno buoni e sono felici di lavorare per una ciotola di riso visto che senza lavoro l’alternativa sarebbe quella di chiedere l’elemosina o morire di stenti e a me i barboni e i derelitti stanno sulle palle tanto quanto le persone ricche e di successo.
      L’occidente sta sfruttando i paesi poveri e basa la propria prosperità’ su questo sporco giochetto, noi, volenti o nolenti, facciamo parte dell’occidente quindi siamo in questa catena di eventi e siamo sporchi lerci tanto quanto i general managers delle grandi aziende, che ci piaccia o no, quindi non chiediamo al governo cinese di scrivere leggi che tutelino meglio i diritti umani visto che e’ impossibile, smettiamo di punto in bianco di comprare i prodotti provenienti dalla Cina o da qualunque altro paese in via di sviluppo. Una volta Mauro Maggio aveva lanciato questa idea, non ho ancora capito cosa volesse intendere, forse era solo una provocazione o uno spunto di ricerca, avete mai provato ad immaginare cosa succederebbe?

    • non tutti sono contenti di lavorare dodici ore al giorno e magari per stipendi da fame. si chiama schiavitù del bisogno e una cosa è lavorare per portare la pagnotta a casa e un’altra per permettersi la pelliccia della moglie e il ferrari. non confondere la scelta con la necessità. usa Linux, è libero e ti libera la mente…

  • Ciao ho trovato su questo link http://www.storiediapple.it/captain-crunch-e-apple-intervista-a-john-draper.html un intervista con “captain crunch”.
    Che ha lavorato per un pò anche in apple. Provate a leggere cosa ne pensa su come si lavore con steve jobs….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate