La mia prima volta... By Andrea - Franz's Blog

La mia prima volta… By Andrea

Enjoy_the_Silence_by_WickedNoxNo. Non mi riferisco a “quella” prima volta, ma ad un’altra che per me è stata anche più intensa e “scioccante”.

La prima volta che ho sperimentato la meditazione.

Una prima volta del tutto originale e inaspettata.

Nessuna sala pratica. Nessuna tecnica specifica. Niente incensi ne musica.

A dir la verità non avevo la più pallida idea di cosa fosse davvero la meditazione, ne sapevo che, anni dopo, avrei dato tanta importanza alla ricerca di quello stato di coscienza.

Avevo 19 anni. Un periodo particolare, in piena crisi esistenziale.

Mi ero iscritto all’Università, ma non avevo ancora bene chiaro in mente che cosa avrei fatto “da grande”.

Ero confuso. Molto confuso. Nella mia mente circolavano a velocità stratosferica centinaia di idee, pensieri, contraddizioni, dubbi e domande.

Eppure avevo bisogno di fare chiarezza, di scegliere, di decidere in qualche modo chi ero, quale fosse la mia identità.

Ogni giorno mi trovavo a cambiare idea su tutto. A volte ogni poche ore. Un momento pensavo di voler essere ateo, poi credente, poi credente ma eretico. Un attimo decidevo che avrei seguito sempre la razionalità, l’attimo dopo l’istinto.

Per qualche periodo ho pensato che la filosofia mi avrebbe cambiato la vita, poi che una donna lo avrebbe fatto, ancora dopo la scienza, oppure l’alcool.

E nella testa si fissava un pensiero, un’idea, un’ideale persino, per poi a breve vederne l’assurdità e lasciare spazio ad una nuova fissazione, destinata anch’essa a sciogliersi.

In fondo tutto aveva senso e non senso allo stesso tempo, era vero tutto e il contrario di tutto, solo questione di punti di vista.

Eppure avevo bisogno di stabilità, di un centro, ma niente mi sembrava tanto “valido” da esser tale.

Così tante volte mi sembrava di impazzire a tal punto che alla fine arrivai persino a vedere la follia, per quanto affascinante, solo l’ennesimo punto di vista relativo e non soddisfacente.

Niente mi soddisfaceva. Tutto, in qualche modo, alla fine mi dava noia.

Ogni volta che raggiungevo il limite di sopportazione prendevo il mio scooter celeste e bianco, pieno di adesivi, e andavo a fare un giro per le campagne ma, dopo un primo momento di liberazione, i pensieri ripartivano e il giro di giostra ricominciava.

Un gran giramento di testa e, devo dire, un gran giramento di palle!

Poi, un giorno, all’improvviso, qualcosa cambiò.

Correvo veloce sul mio solito scooter, nella solita strada di campagna, col solito flusso di pensieri in testa.

Ma, ad un certo punto, un pensiero “anomalo” rispetto agli altri comparve dal nulla, in mezzo al frastuono interiore:

“perché tanto battersi per l’una o l’altra idea, perché tanta ansia di aggrapparti ad un pensiero particolare, sperando di trovare stabilità laddove non può esserci? Tutto cambia: i tuoi pensieri, le tue emozioni, persino la realtà esterna cambia continuamente.

Prova a lasciar scorrere senza “fissare” niente. Prova a prendere semplicemente atto di ciò che compare nella tua mente, così com’è, senza giudizio, senza pretese, senza trattenerlo né respingerlo”

Tutto questo in un istante, al quale seguì un istantaneo “click” nella mente.

Il corpo si rilassò totalmente, la mente si alleggerì improvvisamente.

E mentre i pensieri e le sensazioni fluivano liberi, scivolando via, una strana, silenziosa gioia avvolse tutto il mio essere e per tutto il resto del tragitto fui pervaso da un senso di benessere e leggerezza mai provato prima, accompagnato da una grande lucidità e consapevolezza.

Passarono alcuni anni prima che io potessi dare un nome a quello stato di coscienza, e altro tempo ancora prima che capissi quanto possa valer la pena cercarlo, coltivarlo, tentare di conquistarlo e mantenerlo, anche nelle più caotiche situazioni.

Sono passati 15 anni, ed ora, pur sapendo quanto aiuti un abito adeguato, una sala pratica predisposta, una Guida, il silenzio, sono anche infinitamente grato di aver avuto la fortuna di vivere quell’attimo magico in un momento informale, in un posto come un altro.

Coincidenza o destino, oggi abito  proprio vicino a quella strada e, spesso, mi trovo a passarci con l’auto per andare al lavoro.

A volte, mi sembra di vedere venirmi incontro dall’altra parte un ragazzo su uno scooter celeste e bianco pieno di adesivi.

E con una strana, silenziosa gioia nel viso.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

8 risposte a La mia prima volta… By Andrea

  • Grazie Andrea per averci confidato alcuni dei tuoi momenti più intimi.
    Ti dico una cosa: anch’io da ragazzo avevo una vespa 50…celeste.
    Se ci ripenso, mi ci vedo ancora sfrecciare sopra. Pensa che a volte mi mettevo in piedi sul sedile facendola andare senza mani. Che pazzo che ero!

    • Grazie.
      Bello sfrecciare su un due ruote, anche se si tratta di un semplice scooter o di una vespa.
      Pensa che non ho mai guidato una moto ma…..sto pensando seriamente di farlo appena possibile!
      Sono troppo romantico per non farlo!!

  • la cosa bella è che sei riuscito a sfruttare quel pensiero che ti è passato per la mente, senza tralasciarlo… è un ottima cosa dal mio punto di vista…

    • E’ vero! Ho avuto la fortuna di cogliere al volo quel pensiero.
      Credo che sia la stessa sensazione che prova un gabbiano quando coglie una corrente ascensionale e la sfrutta per salire e poi planare!

  • Non posso commentare qualcosa che non ho provato,e comunque la mia sensazione non sarebbe stata la tua, ma so che la tua è stata un’esperienza che ha indirizzato tutta la tua vita: è stato un grande dono che hai ricevuto non tutti hanno avuto questa possibilità. Ti abbraccio Carla

    • Ti dico la mia opinione: penso che almeno una volta tutti abbiano provato questa esperienza, più o meno consapevolmente. Nell’articolo ho dimenticato un elemento importante: il tempo. O meglio, l’assenza del senso del tempo di quel magico momento.
      Credo che, almeno da bambini, tutti abbiamo vissuto attimi (no, forse a volte ore) nei quali il tempo non c’era. NOn c’erano pensieri particolari, ma soltanto il presente, così, nudo e crudo. Però eravamo bambini.
      Ma credo anche che da adulti tutti abbiano sperimentato qualcosa di simile: davanti ad un paesaggio mozzafiato, o in momenti intensi con una amico o un’amante, in un momento particolaremente toccante o divertente. Non so, ognuno la sua!
      Però c’è stato, c’è stato per tutti. Forse, sempre secondo la mia opinione, è questa una delle funzioni principali di una Guida: ricordarti che è esistito quello stato di coscienza, spiegarti che è molto importante viverlo consapevolmente, coltivarlo e padroneggiarlo e indicarti la via per conquistarlo.
      Un grande abbarccio a te!

  • Molto bello Andrea.. mi ha trasmesso un senso di leggerezza
    e sottile nostalgia. Ciao :swim:

  • … questa sopraggiunta e improvvisa consapevolezze è spesso correlata al vento sul viso e al movimento: una moto, una discesa sugli sci o semplicemente la testa fuori dal finestrino del treno che s’allontana dalla stazione.
    Io mi sento fortunata, quando mi sento così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostieni Franz’s Blog

Se vuoi aiutarmi a tenere vivo questo blog, puoi fare una donazione. Non ci sono limiti, ne in basso ne in alto.

In ogni caso, Franz’s Blog resta a tua disposizione come per tutti.

Grazie infinite, qualunque sia la tua intenzione!





Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Cerca nel sito
Solo corrispondenza esatta
Cerca nel titolo
Cerca nel contenuto
Cerca nei post
Cerca nelle pagina
Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Su FB…
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate