Michela Zanarella recensisce il mio romanzo “Kesa – Alla Fine Della Solitudine”

kesa alla fine della solitudine francesco franz amatoE lo fa in modo molto elegante. Davvero molto! Grazie Michela! Ecco di seguito la recensione.

Emoziona e coinvolge la scrittura di Francesco Amato, autore del libro “Kesa, alla fine della solitudine”, edizioni Adea. La trama si sviluppa in una Milano moderna e ci porta a conoscere in profondità l’anima e la mente di personaggi che sono parte integrante della narrazione.


Mira, una quarantenne dinamica e affascinante, incontra ad una cena di amici Massimo, un ragazzino dodicenne, che vedendola è improvvisamente travolto dal ricordo delle vite passate. Un dramma insolito per la psiche di questo giovane, in viaggio verso la sua maturità di uomo. Sarà Mira stessa, a percepire e rievocare la vera essenza di Massimo, e ad accompagnarlo, tra innumerevoli difficoltà, ad una scoperta sottile e misurata della sua identità.

 

Originale e brillante l’evolversi della storia, che mette a nudo sentimenti ed emozioni, che sembravano “cristallizzati”in una dimensione quasi ammutolita.

 

L’autore ci accompagna coraggiosamente a comprendere quanto l’amore possa diventare una forza in grado di rivelare esattamente chi siamo e cosa desideriamo, tanto da definirlo un’ancora di salvataggio per l’esistenza.

 

E’ così che il lettore scopre con un’analisi attenta delle situazioni, quanto sia importante il processo di ricerca interiore dei protagonisti.

 

Con l’intenzione di creare qualcosa di unico e autentico per il panorama letterario, Amato ci propone un’opera alternativa, fuori dai soliti schemi, dalle solite tendenze, sciogliendo il tutto in una sorta di testo “profetico”.

 

“Kesa” è un libro che sviscera avvenimenti segnati da profondi misteri, emergono parallelismi “familiari” che sembrano sfidare ogni sorta di temporalità.

 

L’autore ci affida la purezza e la potenza di un dono affettivo concreto come l’amore, ci fa scandagliare le coscienze attraverso gli sviluppi narrativi, ci assegna il compito di testimoniare lucidamente quelle verità in apparenza contraddittorie.

 

Il linguaggio appare particolarmente avvincente, nonostante possa sembrare a tratti complesso ed impegnativo. E’ comunque uno strumento indispensabile per dare forma e vigore allo stile.

 

La verità è una luce difficile da conquistare.


Francesco Amato sa accendere e stimolare la fiaccola delle parole, per farne senso e traguardo delle cose.

Michela Zanarella

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

4 Comments

  1. Luna ha detto:

    E’ una recensione invidiabile, che ben rappresenta e arricchisce un libro bello come il tuo.
    Complimenti all’autrice, e congratulazioni Franz, sono molto, molto contenta per te 😉

    Buona giornata :bye:

  2. Fede ha detto:

    Ank’io sono contento per te caro Franz.

  3. Valeria ha detto:

    Bellissima recensione! Il libro io l’ho letto… lascia profonda traccia di se, come tutti i grandi libri… L’ho trovato una perla di rara bellezza e profondità in quest’epoca di commercializzazione del nulla. Leggetelo!!!

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.