Privacy: la nuova barzelletta nell’era della globalizzazione

privacyLa privacy non esiste, cerchiamo di ficcarcelo in testa. O meglio: esiste, ma solo per il comune cittadino.

“Beh, cosa c’è di male?” direte voi.

C’è di male che la frase va letta in questo senso:

“Chiunque è libero di farsi i cazzi nostri ma noi non siamo liberi di farci quelli degli altri”

Fateci caso: qualunque governo si riempie la bocca con parole indignate contro Google o altri sistemi come Facebook, Buzz, etc. etc. ma poi, quando si tratta di acquisire sistemi per farsi i cazzi del cittadino è in prima fila a reclamare la sua fetta di tecnologia.

E’ ridicolo, e sottolineo ridicolo, pensare che qualunque governo abbia a cuore la privacy del popolo, quando è ovvio che è il primo, diretto interessato a qualunque sistema per ficcare il naso nella vita privata di chiunque.

L’informazione è potere, signori miei. Se sai, puoi. Se non sai non puoi.

Chiara l’equazione?

Quindi se pensate che qualcuno sia veramente interessato a difendere la vostra privacy, vi invito a svegliarvi il prima possibile e a realizzare che quel qualcuno è unicamente interessato a difendere la propria esclusiva nel poter invadere la suddetta privacy.

Il 30% dei siti web utilizza Google Analytics, un sistema per la raccolta statistica dei dati di chi naviga. La Germania ha già dichiarato guerra a questo sistema di raccolta di informazioni che sfrutta il sito che lo ospita per raccogliere un’immensa mole di dati sul navigatore. Una mole di dati su cui non vi è nessun filtro, nessuna garanzia sulla destinazione dei dati stessi.

Nessuno sa veramente quali dati raccolga Google Analytics e a chi li invii. E qualcuno qui ancora crede alla privacy.

Bene, per tutti coloro che ancora credono in questa cosa, faccio notare che il termine “privato” viene usato indifferentemente per indicare qualcosa di personale o per indicare qualcuno a cui viene tolto qualcosa.

Tutto chiaro, cari i miei “privati” cittadini?

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

1 Comment

  1. Sciuscia ha detto:

    Be’, ma questo era ovvio.
    Senza arrivare ad internet, pensa a come i politici cercano di pararsi il culo dall’essere intercettati quando parlano con la peggio feccia in nome della “privacy”, ma come poi sfruttano l’anti-privacy supremo, Facebook, oramai ad ogni campagna elettorale per bombardarci di annunci mirati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *