Giordano Bruno. La Bellezza di un film. – By Giuseppe

giordano_bruno_campo_dei_fioriSenza volerlo in questa mia rassegna di recensioni dedicata ai Grandi Film sono finito quasi sempre col parlare di Eroi.

La cosa, a ben guardare, non è poi tanto strana. Chiunque abbia studiato un po’ di sceneggiatura sa che il tema dell’eroe è l’anima portante del film. Non certo dei film proposti dalla cinematografia italiana degli ultimi tempi, s’intende. Ma tutti i grandi film hanno come tassello portante “la storia di qualcuno a cui succede qualcosa”.

In un film vi deve sempre essere un protagonista che insegue un obiettivo elevato, e per fare questo mette in gioco tutto il suo desiderio e la sua volontà pur di raggiungere il fine che si è proposto.

In pratica il protagonista del film è sempre un eroe, sia che debba recuperare un microfilm, salvare il pianeta da una qualche minaccia, trovare la Pietra Verde o roba del genere.

Vogler stilò le dodici tappe della storia di un film, che poi sono le dodici tappe dell’eroe:

1- La Partenza da casa (dal mondo della quotidianità);

2- Richiamo all’avventura;

3- Rifiuto del richiamo, esitazione, dubbi;

4- L’entrata in scena del Mentore, della Guida che incoraggia l’eroe e gli fornisce gli strumenti per affrontare le sfide;

5- La prima soglia, il primo ostacolo da superare;

6- Prove, nemici, alleati;

7- Avvicinamento alla meta, all’obiettivo;

8- Prova suprema;

9- Premio per le proprie fatiche superate (la spada);

10- Il ritorno a casa dell’eroe;

11- Resurrezione, l’inizio di una nuova e più elevata vita;

12- La conquista dell’elisir.

Per questo a tutti piacciono i film. Tutti sembra che amino gli eroi. Tutti si immedesimano in un qualche tipo di eroe.

Ma la vita, quella vera, non è un film.

Nella vita vera l’essere umano comune non realizza neanche la prima tappa, cioè quella della partenza da casa, eppure continua ad immedesimarsi con gli eroi.

In poche parole a farsi delle pippe mentali.

Ed arriviamo a quel grandissimo eroe che è stato Giordano Bruno. L’eroe per eccellenza.

Di solito si pensa al Nolano come ad una Mago, Filosofo, Monaco spogliato o grande pensatore dalla memoria prodigiosa.

A me piace pensare a Giordano Bruno come un Uomo Vero, un Ricercatore di Verità.

Un uomo che per tutta la vita ha indagato sui misteri dell’esistenza col corpo, la mente e con l’anima.

Un uomo che voleva veramente capire, insomma.

E vivere a trecentosessanta gradi.

Un eroe che sempre si è rifiutato di cedere ai compromessi, a prostituire il proprio pensiero e il proprio sentire in cambio di una vita comoda o, addirittura della sua stessa vita.

Ma il fuoco che ha consumato il suo corpo terreno non era una finzione cinematografica.

E i lunghi anni di prigionia in Castel Sant’Angelo nemmeno.

Eppure questo eroe, quest’uomo, sempre ha tenuto duro, fedele alla Verità che aveva trovato (o ricevuto da qualche misterioso Mentore).

I dottorati su Giordano Bruno mi interessano poco o niente.

Si è scritto (e ancora si scrive) tanto su quest’uomo meraviglioso, gloria dell’Italia e di tutto il genere umano, ma la sua figura si può tracciare in pochissime, chiare pennellate.

E in questo film, interpretato mirabilmente da Gian Maria Volonté, mi sembra quasi di rivedere il vero Giordano Bruno.

Ecco la bellezza di un film.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.