Sofferenza volontaria e sofferenza inutile - 1. - Franz's Blog

Sofferenza volontaria e sofferenza inutile – 1.

cilicioSiamo in zona, quanto meno religiosamente parlando, e di questo argomento credo occorra parlare un po’. Vi è un concetto nella ricerca, detto “sofferenza volontaria”, che non ha un accidenti a che vedere con quello che normalmente questa frase fa venire in mente.

Se mi do’ una martellata su un dito, questa non è sofferenza volontaria. E’ idiozia (oppure sfiga, se non l’ho fatto volontariamente).

Guarda un po’, soffrire viene da sufferire, sub – ferire (latino.. fero fers tuli latum ferre… spiacevoli ricordi, vero?)  ovvero portare sotto, sopportare.

Ma si può anche vedere la parola in un altro modo, composta per esempio come s – offrire, se offrire, portare se stessi a qualcuno, a qualcosa.

Il concetto viene dal fatto che la sofferenza, per quanto interna, per quanto lancinante, proviene sempre da una percezione. Pertanto la sofferenza è illusoria. Non che questo la renda meno cruda, ovvio, ma il fatto è che la sofferenza è il legame più diretto che abbiamo con l’illusione.

Andare contro un’abitudine, andare contro ciò che ci fa male, spesso genera sofferenza. Smettere di mangiare i dolci, di fumare… provoca sofferenza, eccome. Astenersi dal fare qualcosa provoca quasi sempre sofferenza. Ma anche fare qualcosa che non ci va di fare.

Per esempio: provate per due giorni a non rimandare nulla di ciò che dovreste fare. Vedrete che inferno diventerà la vostra vita (soprattutto quando si tratta di portare la spazzatura…).

Non sfuggire da un dolore frapponendo barriere tra noi e la sua percezione, ad esempio, è sofferenza volontaria. Anche portare una croce è sofferenza volontaria.

Ma quello che normalmente le religioni cercano sempre di inculcare è il concetto di “siamo nati per soffrire”.

COL CAZZO! SIAMO NATI PER GODERE! Solo che non sempre godiamo delle cose giuste.

Il piacere è il motore che muove questo universo. Eros non inteso solo come “il coso nella cosa” (o nel coso, a seconda dei gusti). E dunque, perchè mai dovremmo soffrire (nel senso di star male)?

Il problema viene proprio da ciò che crediamo ci faccia godere. Dalla percezione di ciò che è il piacere.

Tutti sanno che il dolore può sconfinare nel piacere, come viceversa. Piacere e dolore sono due facce della stessa medaglia.

L’illusione sta nel non cogliere la medaglia. O meglio, nel volerne una diversa.

– Continua


Commenta con il tuo nome Facebook

5 risposte a Sofferenza volontaria e sofferenza inutile – 1.

  • Illusione o no, detta in buon trentino..
    “El mal l’è mal”!
    Buona Pasqua Franz!
    Bacioni

  • SIAMO NATI PER GODERE!

  • Bello!
    Mi ha fatto tornare in mente una definizione di volontà (non mia) che trovo interessante…e molto utile ai fini di un lavoro su di sé:
    “la volontà è la quantità di sofferenza che siamo disposti a spendere per ottenere ciò che vogliamo”

  • Sofferenza volontaria per sviluppare volonta’.
    Sofferenza volontaria per percepire un piu’ grande piacere.
    Intendi questo?
    ciao auguri a tutti.

    • Anche, ma non solo.
      Per sviluppare autorità in se stessi, per crescere, per essere.
      E altro che scriverò nel prossimo articolo…
      Tanti auguri a te! :bye:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!


Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Iscriviti ai podcast
Guardiani

Guardiani

Guardiani

- Romanzo -

Sullo sfondo della millenaria guerra con i Kerberos, razza dedita alla conquista ed al dominio, i Guardiani, guerrieri antichissimi dotati di straordinari poteri e le loro bellissime compagne, le Donne di Razza, anch’esse dotate di poteri e percezioni sottili e in grado di tramutarsi in enormi pantere, sono alla ricerca del futuro Guardiano Imperiale, disincarnato a forza dai Kerberos e del tutto inconsapevole su un pianeta sconosciuto. La sopravvivenza di milioni di razze e pianeti dipende da una corsa contro il tempo per ritrovare Kirshan prima che lo facciano i nemici.

Kesa – Alla Fine della Solitudine

Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

La Magia del Cuore

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.

Pensiero Lucido

Pensiero Lucido.

Pensiero Lucido

- Saggio -

Esposizione e metodi per una progressiva affinazione delle proprie capacità cognitive.

Antaratman Yoga

Antaratman Yoga.

Antaratman Yoga

- Saggio -

La descrizione delle tecniche vocali e dei contenuti alla base del metodo Antaratman Yoga.

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate