Arriva la superpatata OGM. Zaia contro tutti.

patata OGMAl di là delle facili battute… la vicenda è semplice: la BASF ha brevettato una patata che produce un amido più facilmente utilizzabile nella produzione della carta.

Per farlo ha preso una patata normale e ne ha alterato il codice genetico in modo che producesse un amido diverso, ma soprattutto diventasse resistente a due antibiotici di tutto rispetto, la Neomicina e la Kanamicina.

La BASF ha comunicato di voler usare questa patata per la produzione industriale, destinandone gli scarti all’alimentazione animale e chiedendo contemporaneamente di poter “sforare” dai limiti di contaminazione consentiti.

Non ci vuole un genio per capire che, se dai da mangiare agli animali alimenti contaminati da materiale genetico che li rende resistenti agli antibiotici , non è poi così improbabile che questa resistenza si trasferisca ad essi e poscia agli uomini che se li mangiano.

Neomicina e Kanamicina sono classificati come antibiotici critici per la cura dell’essere umano. Questo significa che se un uomo è resistente a questi antibiotici è molto dura riuscire a curarlo in caso di necessità.

C’è qualcosa di profondamente sbagliato in un tutto questo.

La BASF è un’azienda che ha iniziato la sua fortuna nella produzione di materiali plastici e supporti magnetici. E’ una multinazionale, d’accordo ma… consideriamo semplicemente la frase:

La BASF brevetta una patata alterata geneticamente per produrre più carta ed essere resistente a due antibiotici indispensabili

Ma vi rendete conto di quale assurdità rappresenti questa frase?

Capisco l’assuefazione alla semantica, la dipendenza da imbecillità… ma qui si esagera! Non stiamo parlando di neologismi dovuti a necessità linguistiche per rappresentare realtà finora non manifesta.

Stiamo parlando di normale linguaggio per descrivere tre  concetti uno più assurdo dell’altro.

Il primo:

La BASF brevetta una patata.

Qui l’unico che può vantare il brevetto sulla patata dovrebbe essere il padreterno, anche se Adamo magari ce l’ha ancora su con lui per quella vecchia storia di mele e foglie di fico. Comunque non di certo un’azienda che produce materiali plastici.

Il secondo:

Una patata geneticamente modificata.

Il codice genetico di una patata, per quanto semplice, quando viene alterato da’ comunque luogo ad un essere vivente che non è più “conforme” a come era inteso che fosse. E’ inutile che ci vengano a raccontare che è un’operazione innocua e sicura. Soprattutto dopo aver detto la stessa cosa per un certo vaccino spacciato per indispensabile.

Il terzo:

Una patata resistente agli antibiotici che verrebbe in parte utilizzata per l’alimentazione degli animali da macello

E qui non credo ci sia bisogno di sottolineare l’assurdità stessa del concetto che prevede la contaminazione completa della catena alimentare umana.

Per una qualche grazia, pare che il Ministro Zaia si sia opposto alla cosa e in qualche modo cerchi di vietare l’ingresso di questa patata anche in Italia. Contro il parere di mezzo governo e dello stesso Presidente del Consiglio che, come non ha mai mancato di far notare, se potesse farebbe entrare gli OGM in Italia senza battere ciglio.

Tuttavia, molto probabilmente, il fatto che l’Italia si opponga alla coltivazione della patata BASF non sarà di grande utilità, prima di tutto perchè non siamo nella maggioranza e il nostro voto conta quanto un cavolo (OGM) a merenda.

Ma soprattutto perchè se anche noi chiudessimo la frontiera a questo ennesimo colpo dell’industria OGM, ci troveremmo comunque in casa, prima o poi, carni o altri alimenti provenienti da quei paesi che invece la schifopatata la coltivano e alla grande.

Quindi, per concludere, come al solito l’abbiamo preso nel culo.




Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

16 Comments

  1. salvo ha detto:

    sciuscia la pensa come me\\\ mi riferivo alle palle della ragaza in alto a sinistra||| :swim: :swim:

  2. franz ha detto:

    Ma va? Non si era capito… :wow:

  3. Luna ha detto:

    Andiamo bene. Ma ste povere bestie devono per forza mangiare gli scarti della nostra industria, non facciamo loro già abbastanza del male? Prima ci guadagnamo la loro fiducia dando loro da mangiare e rendendole mansuete, poi le tradiamo e le mandiamo a morire. Non ci basta?
    Come? Ah, scusate, dimenticavo… tanto sono solo bistecche che camminano.

    Ma poi, perchè vogliono fare la super – patata più resistente proprio a quei due tipi di antibiotico? Personalmente, la cosa mi puzza.

  4. un certo marco ha detto:

    Buone notizie! (?)

    “La BASF brevetta una patata alterata geneticamente per produrre più carta ed essere resistente a due antibiotici indispensabili”.

    Si, la BASF, multinazionale, famosa, importante, ci si può fidare!
    In fin dei conti ci modifica solo la patata (quella commestibile…) quindi, nulla di male: è una patata! E poi ci produciamo la carta, che male fa la carta. E poi una patata che resiste agli antibiotici: bene, così non serve più usare gli antibiotici! (Per la patata??? Gli antibiotici? La peronospora e la dorifora della patata non si curano con gli antibiotici)

    Le notizie cattive non ce le diranno mai!

    Copincollo dal sito http://www.sudamerica.it

    “Le prime patate diploidi, seminate inizialmente nel sud del Perù, si propagarono verso il nord e il sud del Sudamerica. A partire da quelle e con l’apporto di geni di altre specie silvestri, si originarono le patate coltivate tetraploidi (2n=4x=48) che oggi conosciamo come varietà della sottospecie indigena che i gruppi umani trasportarono verso altre regioni del Sudamerica dove nuove forze evolutive e differenti intensità di selezione diedero origine alle patate coltivate tetraploidi proprie di Colombia, Ecuador, Bolivia, Argentina e sud del Cile che, in quei tempi, i conquistatori spagnoli trovarono come uno dei principali alimenti della popolazione.”

    Curiosità: l’uomo ha 46 cromosomi, 2 in meno della patata

  5. padella ha detto:

    Leggo delle cose…

    Ragazzi, ma siete seri?

    Primo: in che modo – mangiando qualcosa – ne assumo il codice genetico ?????????

    Secondo: il fatto che essa sia stata modificata con geni che conferiscono resistenza ad antibiotici come può interessare DIRETTAMENTE l’ uomo? Riprendo il discorso “[…] Neomicina e Kanamicina sono classificati come antibiotici critici per la cura dell’essere umano. Questo significa che se un uomo è resistente a questi antibiotici è molto dura riuscire a curarlo in caso di necessità. […]”. Vi rendete conto che la frase non ha senso?
    Gli antibiotici agiscono contro i BATTERI, non contro l’ uomo. Conoscete il concetto di resistenza, vero? Vuol dire che la medicina non ha più effetto e nel caso specifico degli antibiotici si attua quando il battero e NON l’ uomo è diventato immune ad essa.

    Terzo: il tubero in questione è destinato alla produzione di carta, non al consumo. Ergo, preoccupazioni superflue.

    saluti

    • franz ha detto:

      Primo: leggi qui: Se vuoi l’articolo intero lo trovi qui: http://online.sfsu.edu/~rone/GEessays/horizgenetransfer.html.
      E’ un articolo pubblicato da Mae-Wan Ho nell’ambito di un progetto di ricerca congiunto tra le Università di Washington e di Berkley, dal titolo: Horizontal gene transfer may spread transgenes to the entire biosphere”

      Horizontal gene transfer is the transfer of genetic material between cells or genomes belonging to unrelated species, by processes other than usual reproduction. In the usual process of reproduction, genes are transferred vertically from parent to offspring; and such a process can occur only within a species or between closely related species.

      Bacteria have been known to exchange genes across species barriers in nature. There are three ways in which this is accomplished. In conjugation, genetic material is passed between cells in contact; in transduction, genetic material is carried from one cell to another by infectious viruses; and in transformation, the genetic material is taken up directly by the cell from its environment. For horizontal
      gene transfer to be successful, the foreign genetic material must become integrated into the cell’s genome, or become stably
      maintained in the recipient cell in some other form. In most cases, foreign genetic material that enters a cell by accident, especially if it
      is from another species, will be broken down before it can incorporate into the genome. Under certain ecological conditions which are
      still poorly understood, foreign genetic material escapes being broken down and become incorporated in the genome. For example,
      heat shock and pollutants such as heavy metals can favor horizontal gene transfer; and the presence of antibiotics can increase the
      frequency of horizontal gene transfer 10 to 10 000 fold(5).

      While horizontal gene transfer is well-known among bacteria, it is only within the past 10 years that its occurrence has become
      recognized among higher plants and animals(6). The scope for horizontal gene transfer is essentially the entire biosphere, with bacteria
      and viruses serving both as intermediaries for gene trafficking and as reservoirs for gene multiplication and recombination (the process
      of making new combinations of genetic material (7)).

      secondo: hai ragione, nella fretta di scrivere ho detto una cazzata. Ma il succo rimane lo stesso. Fammi delle patate resistenti agli antibiotici e molto probabilmente genererai dei batteri altrettanto resistenti agli stessi. Cosa non molto piacevole, non ti pare? Il trasferimento genetico orizzontale, se è solo possibile tra specie a bassa omologia, diventa probabile tra specie ad alta omologia.
      Ergo, il pericolo di generare specie batteriche pericolose per l’uomo e resistenti agli antibiotici è non solo possibile ma anche probabile.

      Terzo: mi spiace smentirti ma la BASF ha chiesto di poter utilizzare gli scarti di lavorazione per l’alimentazione animale. Nel farlo ha anche chiesto che l’attuale tolleranza di contaminazione genetica per la vendita di OGM destinati alla catena alimentare animale venga spostato dall’attuale 0,9% (non ti so dire di quanto).
      Quindi preoccupazioni nient’affatto superflue

      Saluti a te e grazie per l’intervento e il commento!

      • padella ha detto:

        ok, sul fatto della pericolosità per l’ uomo in maniera diretta e cioè che l’ uomo potesse diventare esso stesso resistente direi che abbiamo chiarito.. scusa il tono, ma mi era sembrata veramente troppo grossa.
        E infatti i 3 punti della “smentita” erano solo per quello.

        Il trasferimento genetico ai batteri è senz’ altro possibile.. i batteri ne sanno parecchie su come insediarsi e permanere in un luogo. Trasposoni, plasmidi, ecc..

        Considera una cosa, però: le mutazioni che selezionano batteri resistenti, per esempio durante una terapia antibiotica fatta male, sono molto esose in termini di efficienza energetica. E il batterio è uno che si fa sempre i conti in tasca.
        Esperimenti hanno dimostrato che se impiantiamo colonie di batteri resistenti in cavie e non le trattiamo con medicine, dopo poche generazioni i ceppi resistenti spariscono, proprio perché – in assenza dell’ antagonista – mantenere l’ apparato di resistenza costa una spesa energetica che li vede in svantaggio rispetto a quelli comuni. Che quindi li soppiantano.

        Dunque anche se la patata contiene tali geni e questi dovessero essere passati ai batteri, quest’ ultimi farebbero in fretta a toglierseli dai piedi in assenza di stimoli. Personalmente non vedo il razionale di dare antibiotici (per l’ uomo!!) ad una pianta.

        • franz ha detto:

          Solo sull’ultima tua frase: neanch’io vedo il razionale nel dare ad una pianta antibiotici per l’uomo.
          Proprio per questo non vedo neppure il razionale nel rendere una pianta resistente agli stessi antibiotici…
          Quindi i casi sono tre: o la patata soffre per gli stessi batteri per cui soffre l’uomo, oppure soffre per altri batteri su cui però Kanamicina e Neomicina sono efficaci, oppure la patata in questione è destinata a qualcosa per cui la carta non c’entra un tubo.

          O sbaglio?

          • padella ha detto:

            mettiamola così. Anch’ io non capisco bene il motivo che ha spinto a “potenziare” le capacità produttive di amido di una pianta tramite un gene che conferisce antibiotico-resistenza… per la serie: ma un altro modo non c’ era?

            Solo che, contrariamente alla filosoofia “a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca”, di cui sono normalmente un buon esponente, questa volta – valutata la questione – non mi sento di pormi il problema più di tanto per le ragioni che ho detto prima (e nemmeno leggendo le tue spiegazioni, mi spiace ^^).

            Questa volta il complotto (vero o falso che sia) non mi ha irretito..

            • franz ha detto:

              Lo so che ormai mi danno del complottista, ma nemmeno io sono un sostenitore del “complotto” tout-court.
              Sono semplicemente uno che sostiene che quello che viene mostrato non sempre è quello che veramente c’è.
              Specialmente quando c’è di mezzo una multinazionale. :muah:
              Ad ogni modo grazie dei tuoi commenti. Penso che un blog serva a questo. A potersi confrontare sulle parole, sui concetti e sui contenuti.
              Cosa che non sempre è facile fare!
              Buon fine settimana! :bye:

            • padella ha detto:

              la ragione di base che mi spinge a pensarla così è che, se dobbiamo proprio preoccuparci dello sviluppo di resistenza agli antibiotici (problema enorme e, ritengo, non risolvibile), prima di condannare la povera patata che POTREBBE trasmettere QUEL gene ad un batterio PATOGENO nei nostri confronti, ci sarebbe il vastissimo e micidiale parco degli allevamenti golbali in cui il bestiame è IMBOTTITO di antibiotici per necessità commerciali…. e quello sì che promuove le resistenze!!

              Ci siamo capiti? Può anche essere un problema, questa patata, ma prima di dare la colpa a lei c’ è una lunga lista nera di veri responsabili da condannare.

  6. padella ha detto:

    ultima cosa: kanamicina e neomicina, per via del loro basso indice terapeutico e delle complicanze anche gravi, non sono antibiotici di prima scelta.
    A maggior ragione un ipotetico batterio resistente dovrebbe prima fare i conti con la terapia classica e sarebbe oltremodo costretto a liberarsi dei geni superflui per tentare di sopravvivere

    • franz ha detto:

      Non DOVREBBERO essere di prima scelta, ma considera che soprattutto la neomicina è di base in molti farmaci di uso comune, vedi per esempio il Bimixin per le forme intestinali e Idrocet per quelle oftalmiche.

  7. padella ha detto:

    grazie, anche a te! 😉

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.