Come avere un progresso scientifico quasi immediato

The eraserPrendo spunto da questo articolo su La Stampa. Parla di un uomo, un reporter, Charles Sabine.

Colpito dalla sindrome di Huntington detta anche Còrea di Huntington, quest’uomo sa che da qui a pochi anni inizierà ad assistere ad una progressiva degenerazione della sua capacità di movimento e di parola.

Nessuna cura, solo paliattivi che possono marginalmente arginare i sintomi.

L’incidenza della Còrea è piuttosto bassa, mediamente 5 casi su 100.000 in occidente e 1 su 1.000.000 in Asia (anche questo sarebbe da commentare, effettivamente).

Il mondo alla fine è pieno di queste malattie dalla bassa incidenza e che pertanto non vengono cagate nemmeno di striscio dalla ricerca farmaceutica, come nel caso dell’adrenoleucodistrofia, malattia semisconosciuta ma indirettamente famosa per il film “L’olio di Lorenzo”.

Però mettile tutte assieme e vedrai quanta gente soffre e muore perchè nessuno considera remunerativo ricercare una soluzione ai loro problemi.

L’intero apparato medico occidentale andrebbe demolito alla radice. Iniziando dalle case farmaceutiche e dai governi che, di riffa o di raffa, ne subiscono o accettano l’ignobile comportamento.

Come nel caso dell’influenza suina, ad esempio. Un giro d’affari di decine di miliardi di euro finiti nelle tasca di quattro affaristi.

Con la stessa cifra, dedicata alla ricerca invece che alla cura di un’influenza del cazzo, avete idea di quanti problemi si potrebbero risolvere?

Ogni tanto mi viene in mente cosa farei se fossi per un paio di giorni il Presidente degli stati uniti.

Prenderei tutti gli amministratori delegati delle varie Big Pharma, li chiuderei in una stanza al pentagono e poi gli direi:

“Cari signori, volete ancora vendere i vostri farmaci negli USA? Bene, allora adesso prendete tutti i vostri migliori ricercatori, li mettete su un’isola deserta, li dotate di ogni confort, gli date un sacco di soldi e poi gli ordinate di trovare una cura contro il cancro, l’aids e almeno altre dieci malattie rare, entro due anni.

Se ci riuscite, bene, altrimenti gli Stati Uniti richiameranno tutte le truppe attualmente sparse per il mondo e le invieranno a radere al suolo tutte le vostre fabbriche, aziende e proprietà private.

A voi in particolare taglieremo i coglioni con un coltello di legno poco affilato e le vostre famiglie diventeranno le cavie per tutti i prodotti farmaceutici da sperimentare da qui fino alla loro morte.

E’ tutto, potete andare.”

Poi, mentre quelli escono già pensando a come togliermi di mezzo, aggiungerei:

“A proposito, nel caso steste pensando a farmi fuori, fisicamente o politicamente, vi comunico che i migliori killer privati del mondo hanno un contratto sulla vostra testa, pagato anticipatamente. Se io muoio o vengo destituito, voi e le vostre famiglie sarete morti in meno di due ore. Ma non useranno armi da fuoco. Vi scioglieranno da vivi nell’acido.

Adesso si che potete andare!”

Scommettete che nel giro di due anni avremmo il più grande progresso della scienza medica dai tempi degli antibiotici?


Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

8 Comments

  1. Sciuscia ha detto:

    Eh sì. Viva la tirannide illuminata.

  2. Layla ha detto:

    Franz for president!
    🙂 Baci!

  3. Giuseppe ha detto:

    Che post ragazzi! Forte la trovata di tagliare i coglioni con un coltello di legno poco affilato (lo trovo un ottimo deterrente).
    Con un presidente degli USA come te sicuramente qualcosa cambia, in meglio.
    Franz for president! :muah:

  4. Fede ha detto:

    non so in un ambito di terrore cosa riuscirebbero a fare quelli scienziati…

  5. Layla ha detto:

    Direi che si sentirebbero mooolto motivati…

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.