Pruriti scientifici: lo spazio-tempo e i buchi neri spiegati in video. Con Stephen Hawking

Prendo a prestito lo spazio di Ilia, al momento un po’ impegnato nella preparazione del suo prossimo articolo. Ho trovato questo video, riguardante gli argomenti trattatati negli scorsi post e ho pensato che sarebbe stato di ottimo complemento per le spiegazioni del nostro scienziato ufficiale.

Buona visione


4 risposte a Pruriti scientifici: lo spazio-tempo e i buchi neri spiegati in video. Con Stephen Hawking

  • patty scrive:

    molto interessante; io apprezzo molto questo scienziato ( s.h. ).Anni fa ho letto un suo libro: “l’universo in un guscio di noce” e lo consiglio anche a molti adolescenti veramente curiosi, e ai quali non bastano le nozioni tristemente scolastiche……..buone riflessioni!!!!
    patty lol3: lol3:

  • dino scrive:

    … fra qualche anno rivedremo queste immagini e scoppieremo tutti a ridere pensando quanto stupidi erano i padri di queste infantili oltre che non provate teorie… ho capito cosa è realmente la forza di gravità ed ho intuito magicamente le origini dell’universo… l’umanità è almeno 200 anni in ritardo evolutivamente parlando… siamo invischiati nella melma gravitazionale di Newton e non riusciamo più a liberarci… ciaodino

    • franz scrive:

      O Dino… che l’umanità sia in ritardo mi può anche star bene (ma poi in ritardo rispetto a chi?)

      Ma… visti anche i tuoi altri commenti, se vuoi qui si può parlare di tutto… però magari chiarire le tue teorie non sarebbe male, no?

      Intendo dire… dare dei deficienti agli altri può anche essere uno sport divertente, a volte… ma gratis… non so se conviene.
      :coffee:

  • dino scrive:

    ciao Franz, il ritardo è rispetto al nostro stesso rullino di marcia… l’evoluzione si misura nei miglioramenti che compie l’Umanità… oggi per un terzo della popolazione aumenta l’aspettativa di vita mentre muoiono di fame e di stenti una pari percentuale di Umani scippati del loro diritto a vivere nello standard evolutivo che compete ad ogni essere umano…

    L’ evoluzione non è una proprietà intellettuale ma miliardi di informazioni che l’umanità scopre e si tramanda disegnando il grafico evolutivo… cmq non voglio divulgarmi troppo, ma quando leggo articoli sulla gravità scritti a pappagallo senza capirli ne un tentativo di falsificarli mi viene il prurito ai polpastrelli e scrivo… inoltre io non ho dato del deficiente a nessuno, dico solo che qualche sommo scopo ce l’avrà chi a reso la parola di Newton un vangelo… altrimenti perchè far passare per genio un mediocre personaggio con nessun merito scientifico di rilievo…. ciaodino

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter:

Cosa aspetti... una pacca sulla spalla? Iscriviti! Metti la tua mail e clicca su submit. Io non faccio spam!

Testi pubblicati

La Magia del Cuore.

La Magia del Cuore

- Saggio -

Una sintesi di un cammino di ricerca interiore con suggerimenti, tecniche e metodiche per lo sviluppo personale.


Kesa
Alla fine della solitudine.

Kesa Alla fine della solitudine

- Romanzo -

Una storia dolce e intensa, ambientata in una Milano moderna, ma che spesso ritorna ai ricordi di altre vite vissute da Mira, in tempi antichi in cui straordinari poteri le consentivano di influire sul destino di interi popoli. Una trama avvincente che guida il lettore con dolcezza in una dimensione spirituale di amore, passione e sacrificio, sullo sfondo del percorso interiore di un essere eccezionale.

Professionals

Catherine Bellwald

Fisiatra, Agopuntrice, Esperta in Medicina Tradizionale Cinese

Istruzioni d’uso del blog
Leggi prima di sparare cazzate! Leggi prima, poi spari cazzate
Articoli random

Buona serata: con Anton Bruckner nella sinfonia 4, detta la romantica

Il fatto che mi piace il rock non implica che non ascolti anche altri generi. Nella fattispecie Bruckner, considerato un compositore classico contemporaneo, benche sia morto nel 1896, è forse il mio preferito. Per l’uso degli archi, delle pause, ma soprattutto per una trama espressiva del tutto “narratoria”. Una musica, la sua, che ti fa [...]