E Obama ci riprova col tibet

barack-obama-is-on-fireEra ora che qualcuno ci provasse. Obama ha perorato la causa di un riavvicinamento del Tibet e della Cina durante la sua visita in loco.

Poche settimane fa aveva rifiutato di ricevere il Dalai Lama proprio con la scusa del prossimo viaggio in questione. Diplomazia o paraculismo?

Aveva già in mente di proporre la mediazione o gli è venuto in mente dopo?

Alla fine chissenefrega. L’ha fatto e tanto basta.

Chissà se qualcuno nel governo cinese sarà anche disposto a dargli retta?

In un paese dove i diritti umani valgono veramente meno della merda di un cane, in cui qualunque forma di libertà è limitata o nulla, al punto che per i cinesi è praticamente impossibile leggere i contenuti di siti e blog esteri non in linea (praticamente tutti, quindi) con la linea di politica ufficiale, credo poco ad un’apertura del governo.

E se dicono di si, per i tibetani c’è solo da aver paura. Perchè temo che ora che si arriverà al dialogo di tibetani non ce ne saranno rimasti più e quindi parlare non sarà di certo un problema.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.