Influenza suina A. Finalmente lo ammettono: il vaccino di Novartis contiene squalene!

Lo leggo in questo articolo sul corriere:

In Italia, per ora, è disponibile soltanto il Focetria prodotto dalla Novartis (che contiene un adiuvante, cioè una sostanza che ne potenzia l’efficacia, a base di squa­lene)

Alla faccia di tutti quelli che finora hanno spergiurato che lo squalene nei vaccini non c’era.

Come dicevo in questo post (che non a caso ha raggiunto e superato le 18.000 visite), lo Squalene è un idrocarburo naturalmente presente nel corpo umano. Se preso per bocca può essere d’aiuto contro la produzione di radicali liberi ma se iniettato rischia di indurre reazioni autoimmunitarie pericolose.

Tanto è vero che lo squalene è stato vietato negli Stati Uniti. Perchè in Europa invece insistono a volercelo ficcare nelle vene?


Dato che il vaccino deve indurre una risposta anticorpale di una certa importanza, l’adiuvante in questione dovrebbe servire a potenziare la risposta immunitaria che, con il solo principio attivo, non sarebbe sufficiente.

Il problema è che lo squalene iniettato può far letteralmente incazzare il sistema immunitario inducendolo a reazioni errate contro lo stesso organismo proprietario.

Parliamo della possibilità di infertilità, stanchezza cronica, depressione, tendenze suicide… ma soprattutto di artrite reumatoide.

In poche parole quella che i reduci della prima guerra del golfo hanno sperimentato sulla propria pelle come la sindrome omonima.

E che non mi vengano a raccontare che nel vaccino sperimentale iniettato a questi soldati contro l’Antrace non c’era squalene, perchè c’è mezzo mondo (anche “scientifico”) che dice il contrario.

In Italia, per ora, è disponibile soltanto il Focetria prodotto dalla Novartis (che contiene un adiuvante, cioè una sostanza che ne potenzia l’efficacia, a base di squa­lene
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta con il tuo nome Facebook

27 Comments

  1. Roby ha detto:

    Approfitto di questo nuovo post sull’infliuenza A per fare una piccola consideazione personale ed eventualmente rifletterci sopra o documentarsi. Negli ultimi giorni ci sono state altre vittime dell’influenza. La cosa strana che mi e’ saltata all’occhio e’ che a pochissime ore di distanza solo a Napoli ci sono state 2 vittime che cosi’, solo nel capoluogo campano, salgono a otto.
    Otto su quanti in Italia? A nessuno viene in mente di fare qualche calcolo delle probabilita’ o di statistica? E collegamenti con ormai dimenticati fatti di cronaca?
    Cerchero’ di essere piu’ chiara: puo’ essere che ci sia una relazione tra la percentuale di morti a Napoli a causa della nuova influenza e l’emergenza rifiuti? Per chi non lo sapesse o non lo ricordasse gli incendi degli innumerevoli cassonetti hanno prodotto una notevole quantita’ di diossina che si e’ sparsa per non si sa quale percentuale di territorio. A me e’ venuto questo dubbio. A voi no?
    Saluti
    Roberta

  2. marzia ha detto:

    ho letto tante cose interessanti che mi hanno data delucidazioni su questo benedetto squalene che sentivo sempre nominare.
    posso farvi una domanda?
    se foste incinta alla 14 settimana (come lo sono io) vi vaccinereste?
    grazie
    marzia

  3. Sciuscia ha detto:

    Franz, ma se lo rendessero obbligatorio?!

    La mia cognata è incinta all’ottava settimana… io sono preoccupatissimo.

  4. MICRO ha detto:

    I NAZISTI NON SONO MAI SCOMPARSI,PRIMA AVEVANO GLI EBREI OGGI TUTTI NOI.TUTTI SAPEVANO E TUTTI STAVANO ZITTI.LA MEDICINA E’ UN CRIMINE.QUESTA E UNA FABBRICA DEL MALATO SE SEI SANO SEI UN DANNO PER LE CASE FARMACEUTICHE.ADESSO I FIGLI SI FANNO IN PROVETTA,NOI NON SIAMO PIU INDISPENSABILI,QUINDI DA STERMINARE.

  5. Roby ha detto:

    Io a ste ipotesi complottistiche che “tutti ci vogliono morti” non credo neanche un po’ e penso che siano anche un po’ paranoiche, pero’ riflettevo su un’altra cosa…il passaggio di malattie da animale a uomo e’ in alcuni casi impossibile ma diversi anni fa furono condotte delle ricerche per creare una razza di maiali modificati geneticamente (veniva introdotto un gene umano nel loro dna) allo scopo di creare organi per trapianto compatibili con l’uomo e che non creassero il famoso rigetto.

    http://archiviostorico.corriere.it/1993/luglio/05/trapianti_maiali_con_geni_umani_co_0_9307052354.shtml

    vedi qua

    Non so che fine abbia fatto quella ricerca, ma se anche solo uno di quei maiali fosse stato poi “trasferito” alla produzione per l’alimentazione umana con successivi passaggi di generazione suina, non mi stupisce che anche i virus che questi si “beccano” diventino di facile trasmissione all’uomo perche’ i virus si modificano continuamente, per quello e’ indispensabile trovare nuovi vaccini per ogni mutazione genetica nel caso dell’influenza stagionale.
    Ho esposto tutto in maniera un po’ semplicistica ma spero di averlo fatto chiaramente.
    Penso piu’ ad un errore umano (della ricerca scientifica nella fattispecie). Quando si vogliono ottenere forzatamente dalla natura determinati risultati e sostituirsi cosi’ a Dio (se mai ne esistesse uno) bisognerebbe mettere in conto anche le conseguenze di queste cose. A volte poi si conoscono i rischi ma si e’ omunque disposti a correrli a spese della gente.

    • franz ha detto:

      Ciao Roby, se ti può interessare neppure io. Mi limito ad un’ipotesi più plausibile, ovvero quella economica. Pur di fare soldi ormai qui non si guarda più in faccia a nessuno.
      Leggi il post che ho appena scritto. Nessun complotto ma sulla pericolosità del vaccino spero non possano più esserci dubbi!

  6. the_highlander ha detto:

    Quella sui maiali creati più vicini geneticamente a noi e che possono essere pericolosi perchè possono diventare focolai di malattie pericolose per la nostra specie è un’ipotesi molto interessante, e non fa una piega.

  7. marzia ha detto:

    mah! guarda non è così semplice… se non avessi il mio piccolino dentro alla pancia non mi vaccinerei assolutamente, se mi prendo l’influenza amen, mi metto a letto e soprattutto mi faccio curare con i farmaci oppurtuni, ma in queste “condizioni” non posso prendere alcun tipo di farmaco..e se mi ammalo?
    e se fossero poi costretti a darmi dei farmaci che possono o malformare il bimbo o procurarmi adirittura un aborto?
    solo per non aver fatto un vaccino che sia il mio medico che il mio ginecologo mi dicono di fare senza problemi?
    credimi non è facile…
    se solo ci fosse più chiarezza…
    ciao marzia

    • franz ha detto:

      Tu mi hai chiesto cosa farei io se fossi una donna incinta alla 14 settimana, e quello che ti ho detto è quello che farei io.
      Però la mamma sei tu, e capisco le domandi che ti poni.
      Noto però che ne mancano due:
      la prima: ma se non mi vaccino e mi becco la suina, cosa può succedere al bambino?
      la seconda: ma se non mi vaccino e mi becco la suina, cosa può succedere a me?

      E su queste due mi pare che ci sia molta chiarezza.
      Ovviamente io non sono in grado nè potrei mai permettermi di dirti cosa fare.
      Al massimo, come ho fatto dietro tua gentile richiesta, ti posso dire cosa farei io nella tua situazione.

  8. Gabry ha detto:

    Carissimo e Bravo Frank…:D Leggi Questa 8O:!:

    Virus in Ucraina, forse attacco batteriologico:

    Secondo l’agenzia ucraina Fraza, il virus che nell’ultima settimana ha causato decine di vittime in Ucraina non sarebbe solo quello dell’influenza A, come riportato dalle agenzie occidentali, bensì anche peste polmonare. Secondo Fraza, le autorità mediche avrebbero diffuso disposizioni informali di non diffondere il panico, di negare qualsiasi relazione con la peste polmonare e di parlare solo di influenza suina.La peste polmonare si starebbe diffondendo in Ucraina “in parallelo” con l’influenza A, ma il bilancio è ben diverso: 60 morti per la peste, 14 per l’influenza.

    Lo scorso 1 novembre il presidente ucraino aveva rivolto un appello agli stati limitrofi, all’Unione Europea e agli Stati Uniti, dichiarando che l’Ucraina sta affrontando una grave minaccia per la sicurezza nazionale. Queste parole sembrano confermare indirettamente le voci un attacco batteriologico. In effetti, un’agenzia di Mignews del 29 ottobre, riferendo dell’epidemia esplosa nella regione occidentale di Ternopil, affermava che distaccamenti militari limitavano l’accesso e l’uscita dalla regione.

    A ciò si aggiunge una coincidenza particolare: in un recente articolo su Effedieffe Maurizio Blondet riferisce il caso di Joseph Moshe, biologo a doppia cittadinanza israeliana e statunitense catturato dall’FBI lo scorso agosto. Alcuni giorni prima dell’arresto, Moshe aveva dichiarato a una trasmissione radio di poter provare che un vaccino prodotto dalla Baxter per l’influenza suina “conteneva un coadiuvante o additivo «concepito per indebolire il sistema immunitario», oltreché RNA replicato dal virus della Spagnola (la pandemia che nel 1918 ucise 18-22 milioni di persone) per causare un eccidio di massa”. Ebbene, Moshe aveva affermato che il falso vaccino era stato prodotto dalla Baxter proprio in Ucraina.

    TERRORE! TERRORE!TERRORE!TERRORE!TERRORE!TERRORE!TERRORE!

  9. Tony ha detto:

    Dico sempre che le informazioni possono spesso degenerare in dinformazione, e questo accade spesso nel Web. Si fa un gran parlare di questo vaccino demonizzando lo squalene in esso contenuto, come se fosse la sostanza inquisita di presunti effetti nocivi! Attenzione che la realtà è ben diversa, è il vaccino in se che lascia dubbi, e non lo squalene, anzi quest’ultimo è l’unica sostanza non dannosa, anzi benefica, presente nel vaccino.

    Lo squalene è un antissiodante soprattutto a livello cutaneo, esso è contenuto non solo nell’olio di fegato di squalo ma anche nell’olio di oliva, nel germe di grano, nel riso. Esso difende l’epidermide dall’ossigeno singoletto contrastando le degenerazioni carcinogene, l’azione antiossidante si esplica impedendo il danno del radicale libero che causa la ripartizione del collagene e dell’elastina. E’ stato riconosciuto per alleviare i sintomi relativi a eczema ed alla psoriasi

    Quindi teniamo in mente che i dubbi devono indirizzarsi su altri componenti del vaccino, e non sullo squalene.

    Tony

    • franz ha detto:

      Egregio “Tony”,
      accusare qualcuno di diffamazione non è mai bello. Specialmente nei confronti di qualcosa di inanimato come un idrocarburo.
      Comunque se vorrai leggere l’articolo nella sua intierezza noterai la seguente frase:
      “Se preso per bocca può essere d’aiuto contro la produzione di radicali liberi ma se iniettato rischia di indurre reazioni autoimmunitarie pericolose.”
      Il punto è esattamente questo. E comunque su una cosa ti do ragione. Lo Squalene non è sicuramente l’unico problema di questi vaccini.
      E’ in buona compagnia anche di mercurio, alluminio etc. etc. Nonche di una sperimentazione inesistente.

  10. Tony60 ha detto:

    Spettabile Franz sono rammaricato ma lei mi ha frainteso, sicuramente ha mal interpretato il post per l’errore ortrografico sul testo, per precisione sulla frase “disinformazione” mancava la S e la I, ovvero dinformazione, noti bene che l’intento era : “Dico sempre che le informazioni possono spesso degenerare in disinformazione , lei giustamente avra capito “diffamazione”. Haa..haa.. bastano due lettere sbagliate per fare un danno!

    Adesso mi spiego perchè è stato cancellato il mio post! Mi perdoni ma non è stata colpa mia!

    Saluti

  11. Tony60 ha detto:

    Spettabile Franz sono rammaricato ma lei mi ha frainteso, sicuramente ha mal interpretato il post per l’errore ortrografico sul testo, per precisione sulla frase “disinformazione” mancava la S e la I, ovvero dinformazione, noti bene che l’intento era : “Dico sempre che le informazioni possono spesso degenerare in disinformazione , lei giustamente avra capito “diffamazione”. Haa..haa.. bastano due lettere sbagliate per fare un danno! Adesso mi spiego perchè è stato cancellato il mio post! Mi perdoni ma non è stata colpa mia! Saluti

    Tony

    • franz ha detto:

      Nessun problema Tony. Non sono uno di quelli che se la prendono. Comunque grazie per la precisazione.
      Peraltro come ha notato il suo post c’è. Ne ho tolto uno perchè era doppio.
      Anche questo è doppio ma lo lascio perchè non ho voglia di eliminarlo. Credo sia dovuto ad un piccolo errore che a volte sembra prodursi nell’invio.
      Grazie ancora per il passaggio e per il commento.

  12. Marcello ha detto:

    Scusa ma hai mai provato a fare una ricerca http://www.ncbi.nlm.nih.gov/

    saluti Marcello

  13. Tony ha detto:

    Come già ricordavo nel precedente post il più grosso errore è mettere sotto accusa lo squalene, una delle poche sostanze naturali presenti nel vaccino, lo squalene è un agente antiossidante in grado di contrastare molte patologie cutanee anche quelle degenerative.
    Infatti gli effetti benefici dell’olio di oliva e del germe di grano in buona parte sono da attribuire alla presenza di questo idrocarburo.
    Ovviamente questo ingiustificato allarme è anche fuorviante, sapete perché?
    Perchè in realtà nel vaccino sono presenti ben altre sostanze altamente nocive, come per esempio: formaldeide, alluminio, mercurio.
    Altro che squalene!
    Un caro saluto a tutti.

    Tony

    Tony

    • Franz ha detto:

      In parte hai ragione, in parte no.
      COme ho già scritto in quasi tutti i post, lo squalene fa bene fintanto che viene mediato dall’apparato digestivo.
      Se viene iniettato intramuscolo invece no. E può diventare causa di disordini immunitari anche gravi.
      Sugli altri adiuvanti hai perfettamente ragione, a partire dal Timeriosal, seriamente sotto accusa per reazioni avverse di vario tipo, passando per il mercurio e il soflato di alluminio.

  14. Tony ha detto:

    Franz c’è da dire che molte altre sostanze naturali ritenute benefiche possono indurre reazioni collaterali dose dipendente. Cito per esempio la vitamina A quale importante fattore antiossidante, tuttavia essa a dosi elevate può risultare altamente tossica e indurre pesanti effetti collaterali, come l’ipertensione endocranica, malformazioni ossee e del cervello nei neonati; poi la vitamina D, sotto molti punti di vista benefica, tuttavia a dosi elevate può creare seri mutamenti patologici quali: ipertensione, indurimento delle arterie e dei vasi sanguigni, insufficenza renale e coma.
    Ricordo anche i preparati naturali a base di aloe, rimedio alternativo molto diffuso in questa epoca per la sua azione immunostimolante, tuttavia essa può creare anche danni all’intestino per l’alto contenuto di Antrachinoni.
    Per cui va ricordato che anche ciò che è naturale e ritenuto curativo può indurre importanti effetti secondari.

    L’argomento squalene è diventato oggetto di discussione perchè si è subito fatto riferimento alla sindrome del golfo, presuntivamente correlata all’impiego di questa sostanza, poi il tutto smentito da altri approfonditi studi. Spesso bastano presunti sospetti, pur non convalidati dalla ricerca, ad innescare subito una spirale di critiche senza fine, con il paradosso di andare poi a tralasciare altri aspetti più importanti del delicato argomento.

    Quindi direi che sarebbe buona cosa ridimensionare l’accusa nei confronti di questo squalene, e non tralasciare l’attenzione sugli altri componenti dei vaccini, davvero molto ma molto meno naturali e più deleteri per l’essere umano, come per esempio il Timerosal che tu giustamente hai citato.
    Morale della favola ci ritroviamo sempre ad annaspare fra veleni chimici e la più grande confusione mediatica. Poveri noi!

    Un caro Saluto

    • franz ha detto:

      Sullo squalene non ridimensionerei più di tanto, ma sul resto hai perfettamente ragione. Mi sono focalizzato solo sul primo.
      Però credo che a breve pubblicherò un articolo concernente gli altri adiuvanti. Ho tutto il materiale ma devo trovare il tempo di scriverlo!
      Grazie mille!

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.