Fame. Saranno famosi… forse

Fame. Saranno Famosi. RemakeRifacimento di Fame di altra epoca, il remake americano ripropone le storie e le avventure degli artisti di domani alla Juliard School di New York.

Abbastanza ben recitato, raccoglie giovani talenti nel cast (quasi tutti già visti di qui o di là) che danno però vita a personaggi poco credibili e caricaturali, a tratti macchiettistici.

Al di là delle esibizioni dei singoli (Incredibile  “On my own” cantata da Natori Naughton con una voce a dir poco stellare) e di alcuni momenti nell’aula di teatro, alla fine il film non convince. Sarà forse anche colpa di un doppiaggio in alcuni casi decisamente sottotono ma alla fine il ritmo è disomogeneo, spesso frettoloso nel voler far passare quattro anni di scuola in un’ora e mezza.

Si mostrano le storie più o meno lacrimevoli di alcuni, qualche fregatura e qualche esperienza amorosa. Ma finisce lì.

Presi uno per uno i protagonisti sono bravi nei rispettivi campi artistici ma alla fine è un casino in salsa adolescenziale; poca profondità nei dialoghi, nessuna descrizione della fatica, dei sacrifici che questi ragazzi devono affrontare, poca credibilità nei rapporti umani.

Manca il cuore. Mancano i chilometri dei protagonisti, come si direbbe nel blues. La storia alla fine è irrilevante, non lascia nulla.

E’ costruita a tavolino e si vede.

Tutto per arrivare al classico gran finale, deludente e moscio che più moscio non si può. E terribilmente monco.

Non sprecate tempo con questo film.

Condividi

Commenta con il tuo nome Facebook

Lascia un commento

Inserendo un commento acconsenti al trattamento dei tuoi dati. Per maggiori informazioni consulta la nostra Informativa. I campi seguiti da "*" sono obbligatori. La tua email comunque NON viene pubblicata.